La mia emotività

25 novembre 2014 ore 17:58 segnala

Vederlo correre tra le macchine, impaurito e senza direzione, cercando di fermarle per evitare che ci finisse sotto, e non essere riuscita a stargli dietro per troppo tempo, ha aumentato profondamente quel senso di impotenza che sento, ogni volta che non riesco a risolvere un problema. Solita situazione: bracco da caccia, magro spaventatissimo ed abbandonato, da qualche schifosissimo cacciatore. Venendo in negozio l'ho visto e con un'altra signora abbiamo cercato di bloccarlo, i vigili che passavano erano in servizio x altro...ma "gentilissimi" hanno detto che avrebbero allertato chi di dovere.....il 112 mi ha messo su il pappagallo, "sicuramente" x mettermi in contatto con altro reparto o chi diavolo mi avrebbe aiutata...il numero di riferimento attivo su Pescara, mi ha richiamata dopo un'ora...quando ormai era tardi......lo so, lo so....ci sono mille cose miliardi di problemi da risolvere, e lui è un semplice cane...ma ognuno vive le esperienze con una propria inclinazione, interiorizza e rielabora gli stimoli in modo non sindacabile e soggettivo. Così non mi sento in difetto se affermo di amare più gli animali delle persone, per la loro fragilità la loro impotenza...l'uomo fa del male con dolo,non colpa e basta,e poi dovrei elogiarlo xchè trova soluzioni ai suoi disastri? siamo gli unici esseri viventi in "non sintonia" con il resto della natura. Non ci basta aver distrutto la terra, adesso cominceremo ad uscire nel pomeriggio x fare una "passeggiata" e forse shopping anche su altri pianeti, e mentre assistiamo ad una ribellione senza argini della Natura, io sto pensando a lui, a quel povero cane e a tutte quelle emergenze che nessuno può evitare o impedire, che coinvolgono sempre e soltanto i più indifesi, bipedi o quadrupedi che siano...........una "razza" sarei felice di vedere fuori, ma senza nemmeno una piccola percentuale di sopravvivenza, ed è quella dei cacciatori, che odio che rifiuto che non capirò mai...stasera sono giù.
6610b289-1dc8-446f-aca4-9642c7c1aeff
« immagine » Vederlo correre tra le macchine, impaurito e senza direzione, cercando di fermarle per evitare che ci finisse sotto, e non essere riuscita a stargli dietro per troppo tempo, ha aumentato profondamente quel senso di impotenza che sento, ogni volta che non riesco a risolvere un problema...
Post
25/11/2014 17:58:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. Odirke 25 novembre 2014 ore 18:11
    Nel giorno della giornata mondiale contro la violenza sulle donne... mi domando se i cani, e gli animali in genere, non meritassero un riconoscimento analogo...

    Semper Fidelis
  2. MorganaMagoo 25 novembre 2014 ore 18:37
    concordo. :cuore
  3. Lady.Wilde 25 novembre 2014 ore 19:22
    Odirke......il giorno contro la violenza sulle donne, ha per me lo stesso valore dell'8 marzo.....e di tutte quelle ricorrenze che, domani....faranno parte del passato. Il rispetto si nutre di piccole gocce, pian piano inserite attraverso l'educazione da piccoli nell'anima.....magari "parlarne" smuove le coscienze, ma chi fa del male oggi lo farà anche domani....io sono per metodi punitiv leggermente più incisivi....ma anche questa, è altra cosa. Per gli animali non c'è soluzione, anche se passi avanti ne stiamo facendo...ma tu pensi che chi abbandona, chi li maltratta o semplicemente li usi in attività malavitose, possa essere destinatario di correzione attraverso una commemorazione?.....ci vuole ben altro, ed io saprei cosa. Bianca un bacio...felice di rivederti qui :rosa....a te Odirke un sorriso, un miagolio o un bau bau... :rosa
  4. Odirke 25 novembre 2014 ore 19:43
    Sono perfettamente daccordo con te per quanto riguarda le commemorazioni... forse inutili, ma un barlume di coscienza lo smuove sempre... e le più grandi costruzioni si costruiscono tutte dal primo mattone... Si, ci vuole ben altro. Ma finchè non si ha il rispetto di se stessi, e da qui bisogna cominciare, temo che ogni soluzione sia vana. :rosa

    Semper Fidelis
  5. MorganaMagoo 26 novembre 2014 ore 08:29
    è un discorso molto lungo....
    nel momento in cui ho preso coscienza che tutti gli animali sono da rispettare, sono diventata vegana. perchè: noi non mangiamo i cani come li mangiano in Korea, Cina, ma mangiamo mucche polli conigli... in India non mangiano le mucche in quanto animali sacri, ma mangiano polli ecc... ogni a suo modo inorridisce al pensiero di mangiare un animale domestico, ma mangia tranquillamente qualsiasi altro tipo di animale. da quando ho conosciuto mucche cavalli maiali conigli galline polli ecc... ho visto cosa succede negli allevamenti e nei macelli, ho detto basta. tanto stiamo facendo noi vegani e vegetariani, io spero che un pò alla volta si prenda coscienza di tutto questo. la carne di cane si mangia tranquillamente nella vicina serbia, in croazia in romania in ungheria... per fortuna anche lì ci sono gli attivisti che con continue e pressanti petizioni ai vari governi, stanno facendo già tanto.
  6. MorganaMagoo 26 novembre 2014 ore 08:33
    per quanto riguarda i cacciatori, qui da noi quando inizia la stagione della caccia ci mobilitiamo perchè veramente sono pericolosi. cerchiamo di fare tanto di quel casino da scoraggiarli e fare scappare così tutti gli uccelli che ci sono nei paraggi. ultimamente, per fortuna, qui si stanno autoeliminando, ... si sono impallinati tra di loro, ed è molto frequente...
    come dice una famosa vignetta, si sparassero al loro di uccello...
    ciao Stè, un bacione.
  7. dealma 26 novembre 2014 ore 11:55
    In effetti portare all'attenzione della gente l'emergenza di cverti atti di inciviltà (verso donne, bambini, animali o uomini) è giusto, fa parte della costruzione di una cultura del rispetto. Non è certo la "giornata contro..." a risolvere i problemi, ma ha una funzione propedeutica per le future generazioni e per operare lobby politiche.
    Sul piano personale, invece, trovarci faccia a faccia con un dolore sentendoci impotenti e incapaci di risolverlo... questo è triste.
    In questo momento sto urlando contro una micina che mi distrugge le piante di casa e che ho raccolto un paio di mesi fa mentre (quasi cieca) si stava lanciando sotto le auto. Ora ci vede (anche troppo!), mangia come un lupo (o come una micina che ha sofferto la fame) e gioca come un'ossessa. Insomma, alcune storie finiscono bene :-)
  8. Lady.Wilde 27 novembre 2014 ore 15:18
    Dealma.....si, alcune storie finiscono bene.....altre no, ed è per quelle belle che si deve andare avanti.....per le tue piantine, ti suggerisco di circondarle con una rete fatta apposta....e di mettere olio essenziale di agrumi o lavanda come deterrente....anche se spesso i gatti se ne "fregano" proprio e ci vanno lo stesso....aveva la rinotracheite x caso? di solito è quella che fa perdere la vista...ma un semplice antibiotico risolve....p.s ti aspetto a Pescara... :rosa....Bianca, tu sei veneta? mi fa piacere che nella tua regione si stia facendo casino contro la caccia.....a volte leggo di cacciatori che si uccidono tra loro, e spesso dopo dolori simili a quelli provocati agli animali....vorrei poterli riunire tutti in una stanza, poi aprire i bocchettoni del gas....e consigliare loro inalazioni lunghe e profonde....sai quanto tempo si risparmierebbe x eliminarli....facci caso: è gente rude, ignorante e socialmente infelice...e si sa, quando non si è relizzati sul piano personale, ci si sfoga con i deboli...pensa alle "mazzate" che si danno x il pallone.....li odio, di un odio quasi assoluto...compresi figli e parenti. Alla prossima.......un bacio...p.s...oggi è venuto un cliente veneziano da me, che passa sempre a salutrami e a fare acquisti quando viene a Pescara.....un tipo solare e simpatico, con cui mi diverto a parlare il dialetto reciproco...lui sembra che "saltelli" quando parla, mi fa morire!..io ancora ho capito cosa trasmetto :-), ma dovrei reggistrarmi e risentirmi.
  9. dealma 27 novembre 2014 ore 16:01
    Sì, rinotracheite che NON si è risolta (continua a grufolare) mentre nell'occhio dx è rimasta una cicatrice. Tuttavia la bestia non si fa fermare da nulla. Altro che olio essenziale: manco le bastonate!!!! :clava
    La reticella, poi, sarebbe un ottimo ausilio per arrampicarsi verso le foglie altrimenti irraggiungibili. :-)))
  10. MorganaMagoo 27 novembre 2014 ore 16:41
    :rosa provincia di Treviso. noi in campagna li facciamo scappare sì. ce ne sono sempre di meno. hanno una vita difficile, se poi passano dalle parti di casa mia... più di 2 minuti non resistono....
  11. Lady.Wilde 28 novembre 2014 ore 11:54
    ahahhaah Dealma!!!!!!!! si si capisco la questione felina....sono degli infami i gatti :-)))....Bianca, io raramente torno dalle "tue" parti, a parte corsi vari, ma se un giorno mi dovesse capitare, ti vengo ad aiutare....fidati che sono diventata un maschiaccio....non mi tirerei indietro se dovesse necessitare la mia presenza x una sana scazzotata con loro.....prima ..però....mi legherei i capelli con fili d'argento ;-).....p.s....stamattina all'alba, ho ritelefonato al numero delle emergenze....il segugio italiano che avevo segnalato, è vivo e lo stanno monitorando xchè non si fa acchiappare....questo mi manda in "cascetta" ma sono testarda, ed ho già detto a mio marito che si deve preparare x eventuali appostazioni notturne :-)))....stavolta mi scarica lo so....stavolta lo fa :-)))...oggi sono felicissima x la notizia che il birbone sia vivo........sto delinquente mi sta facendo passare le notti a pensarlo....manco un amore fa tanto ;-(
  12. dealma 28 novembre 2014 ore 13:51
    Morgana, due miei amici vivevano ai bordi dell'abitato, nel bergamasco. Dopo vari litigi con cacciatori che si portavano proprio sotto la recinzione di casa loro a sparare (nonostante la legge lo vieti) e vista l'incredibile cafonaggine degli stessi hanno semplicemente installato le casse dello stereo alle finestre, rivolte verso l'esterno, e non appena vedevano un cacciatore mettevano su i Deep Purple a tutto volume, facendo fuggire gli animali e smadonnare i cacciatori. :punk
  13. MorganaMagoo 28 novembre 2014 ore 14:36
    hai ragione. manco un amore fa tanto. :-))
  14. UnPensieroFelice 30 novembre 2014 ore 11:03
    Uno dei tanti incomprensibili e deprecabili comportamenti umani .
    Rifletto sull'indifferenza totale nel vedere un animale rischiare la vita nel traffico . Rifletto su chi indossa una divisa che parla di competenze invece di salvarlo animato anche dalla divisa che indossa . Forse dimenticavo che difficile andare oltre ad un congruo numero di multe elevate: quelle si che fanno onore,quelle si

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.