Sono forme di "cultura"

15 aprile 2014 ore 12:14 segnala
E la vera cultura parte proprio dalla conoscenza delle tradizioni della propria terra.
Orbene....ho deciso di mostrarvi alcune delle mie cosine per Pasqua, dolci che ormai da tanto( la prima produzione risale a quando avevo 15 anni),ripropongo ogni volta in questo periodo da regalare e da mangiare...




in Abruzzo facciamo le pupe ed i cavalli, semplicissima frolla ( che io faccio però con l'olio), a cui aggiungiamo aromi di limone e vanillina, insieme a decorazioni sopra la figura riproposta, che poi chiudiamo ed addobbiamo con nastri tipicamente primaverili: verde rosa o bianco, anche gialli o azzurrini. Quest'anno le mie pupe sono decisamente "cicciotte", infatti con ansia le ho ossevate in cottura mentre, senza alcun ritegno si gonfiavano a dismisura, perdendo ogni grazia femminile a vantaggio di una "polposità" che x alcuni può anche essere migliore :-))), così ho dovuto prendere dei contenitori più grandi e metterle lì. Ogni mese di Aprile io vario il tipo di decoro: dalle palline argentate alle codette multicolore, passando x giochi di pittura fatti sempre con la pasta ma a cui unisco polvere di cacao o di caffè. I capelli ora mi sono usciti un pò bruttini, ma l'anno scorso feci boccoli molto morbidi che poi sono rimasti tali anche dopo! e vi giuro che quando riesco in queste creazioni mi riempio di soddisfazione, manco avessi realizzato un sogno proibito :-). Dicevo..( che oggi mi va di ciarlucchiare visto che piove e qui in negozio mi annoio....)...si lavora velocemente l'impasto ed il vantaggio della frolla all'olio, è che non va messa a riposo, ma usata anche subito. Così m'è venuto in mente di esporne qualcuna in erboristeria, e senza sperarci troppo......mi hanno commissionato un bel numero di dolci, anche qui alimentando il mio superlativo bisogno di essere apprezzata :-)), quasi in un attacco di narcisismo che un pò tutti sentiamo dentro. Come tradizione facciamo anche i fiadoni e la pizza dolce ( che lievita e che sembra quasi un pandoro), i primi con formaggi vari ( divini), che sembrano grossi ravioli mentre li fai, ma poi si "alzano" in cottura rilasciando scivolare a fianco una deliziosissima, e buonissima "goccia" di formaggio fuso ( che noi chiamiamo lacrima). Non voglio annoiare troppo con questo post, a cui aggiungo anche una torta che ho fatto per un compleanno speciale( qui la devo ancora finire di decorare, ma volevo mostrarvela)...a breve, appena carico le foto, vorrei farvi vedere delle cosine che sto producendo in lana, vestitini molto romantici anche se semplici, per un'associazione animalista che è qui a Pescara.
Così per chiudere, solo un pensiero...promesso velocissimo!!!!......prima di innamorarvi di ciò che c'è fuori, prima di cibarvi di tradizioni di culture e di usi altrove, abbiate bisogno di saturare la conoscenza del vostro territorio, di apprezzare le vostre radici e di proteggerle, anche quando cercheranno di minare le vostre origini, di mortificarvi perchè altri sbagliano e creano giudizi su una collettività che fanno solo del male. E fatelo con l'amore e la passione che chiunque dovrebbe nutrire per la sua terra.
Io ce l'ho dentro le vene, e la porterò con me come bagaglio di conoscenza da trasmettere, anche a chi ha poca sensibilità verso questo "mondo" creativo.
Stefania :rosa, sempre senza spine.
e99caed7-09f5-4630-b602-62ea1d64f4c0
E la vera cultura parte proprio dalla conoscenza delle tradizioni della propria terra. Orbene....ho deciso di mostrarvi alcune delle mie cosine per Pasqua, dolci che ormai da tanto( la prima produzione risale a quando avevo 15 anni),ripropongo ogni volta in questo periodo da regalare e da...
Post
15/04/2014 12:14:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Commenti

  1. UnPensieroFelice 15 aprile 2014 ore 14:39
    Sei da rapire Stè.
    Osservavo attentamente anche il lato artistico ma , seriamente, hai mai pensato a creare degli oggetti di ceramica?
    Decorati da te ,sensibilissima persona sarebbero unici e bellissimi.
    Non sarei io se non dicessi quel che penso :shy Stè l'ultimo biscotto sembra pari pari la sorella di Obelix :hihi
    Un saluto
  2. MorganaMagoo 15 aprile 2014 ore 14:42
    mi permetto di scrivere qui da te, ma spero mi scuserai, nel contesto va bene.
    Non mangiate agnelli, agnellini, capretti, non solo a Pasqua, ma mai.
    possiamo farne a meno.
    mangiate e fate i dolci come quelli che vi ha fatto vedere Stefania.
    Ciao Stefi, grazie.
  3. Lady.Wilde 15 aprile 2014 ore 17:10
    ahahahhaah Flavio!!!!!! rapiscimi.........mio marito ti ci darebbe pure il gatto insieme ed una rendita a vita!!! :ok....mi hai fatto morire dal ridere con il paragone della mia ciccionissima pupa %-) :many..un baciotto sulla guancia..e tu non ti girare apposta :hehe
    Bianca....non dirmi nulla....io ci sto malissimo, anche perchè sto in contatto con il volontariato e credimi, ne vedo e sento di ogni specie....mannaggia...anni fa ne uscii, ora sono rientrata xchè ho capito che degli animali ti puoi fidare, delle persone meno...ti stringo forte :rosa
    p.s....entro questa settimana altre fotine....
  4. UnPensieroFelice 16 aprile 2014 ore 15:09
    :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap W Il sorriso.Toccato a te farmi sorridere. :hihi il gatto insieme aduna rendita a vita :hoho :hoho :hoho :hoho :hoho :hoho :hoho

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.