Iniziale del nome e carica erotica - lettera L

14 settembre 2020 ore 00:03 segnala
Ti chiami Liboria? Leontina? Leonilda e assieme a 299 amiche tue hai combattuto contro un fricchettone di nome Serse a Termoli? O era Termopoli…

Sei molto romantica, idealista e spesso credi che l’amore significhi soffrire. Ti attraggono le persone con problemi insoliti per le quali ti senti come un salvatore del tuo amante.
Sei sincera, appassionata e non hai bisogno di aiuto per innamorarti.
Non racconti ad altri questa vita segreta né le tue fantasie sessuali.

Sono 3 le L. di cui ho memoria; di una (la seconda) ho già scritto ma non ricordo in che post: fu una "one night".

Una, la prima, risale a quando facevo le serate in discoteca come deejay.
Feci una specie di provino in un locale e andò bene; dopo essere sceso dalla consolle mi feci qualche drink e conobbi una ragazza: bionda, capelli lunghi lisci, occhi azzurri, mamma, single.
Facemmo tutto in macchina, in una via vicino al centro della città nella quale vivevo all'epoca; anche questa fu una "one night".
La ricordo non tanto perché fu una notte indimenticabile, nonostante fosse molto carina, ma perché qualche mese dopo la vidi in una zona frequentata da prostitute; non ho idea se lo facesse di mestiere oppure occasionalmente, per arrotondare, ma a me di soldi non ne chiese; lasciate che mi illuda di essere stato un buon amante.

La terza ed ultima L. era una Blogger (scommetto che non te lo aspettavi eh…).
Capelli rosso-castano, carnagione chiara, occhi marroni, friulana, aspetto da "ragazza della porta accanto".
Ci incontrammo la prima volta a fine agosto: io ero appena tornato dalle vacanze in Baviera e lei aveva un appartamento in affitto dalle parti di Lignano credo, e mi chiese di raggiungerla.

Percorsi gli oltre 400 km che ci separavano senza particolari aspettative.
Certo, avevamo "giocato", come spesso accade, mandandoci messaggi nei quali traspariva la voglia che avevamo di incontrarci e poi era perfetto perché entrambi adoravamo la pratica del cunnilingus: lei riceverlo e io, ovviamente, praticarlo (dopo quell'incontro era solita rivolgersi a me sul blog chiamandomi Mr.C...).

Trovato l'indirizzo abbastanza facilmente, evento estremamente raro visto il mio scarso senso dell'orientamento, parcheggiai e salii da lei.
Un casto bacio sulla guancia e ci sediamo a chiacchierare mentre beviamo un buon vino fresco che da il suo contributo a far si che sparisca la timidezza della quale entrambi "soffriamo" e si lasci finalmente spazio al desiderio di goderci a vicenda.
Le tapparelle della stanza da letto sono abbassate; la luce del primo pomeriggio filtra attraverso le aperture da un listello e l'altro.

Ci baciamo e spogliamo a vicenda ma molto lentamente, assaporando ogni istante.
Accarezzo la sua pelle morbidissima mentre la bacio e ancora una volta non posso che complimentarmi con Dio che da una banale costola è riuscito a creare qualcosa di magnifico.
Percorro con la bocca ogni millimetro del suo corpo mentre piano piano scendo tra le sue cosce.
È come speravo: bagnatissima.
L'assaporo lungamente e varie volte; mi stacco solo per baciarla e farla godere in altro modo.

Il sole è calato quando ci concediamo un po' di riposo.
Siamo ancora vicini, appiccicati, la sua testa sul mio petto.
Sento che sta piangendo.
"Eppure mi sembrava che le piacesse" penso e dopo un po' le chiedo se va tutto bene e lei, sorridendo, mi risponde di sì.
Solo il giorno dopo scopro, grazie a San Google, che esiste un "disturbo" chiamato disforia post-coitale e boh...magari è stato quello.
E comunque il fatto che non abbia pianto quando mi ha visto nudo è di per sé positivo, dai.

Usciamo per andare a cena ma i pochi locali aperti in zona sono tutti pieni e allora si offre di cucinare: facciamo un po' di spesa, rientriamo in casa e mentre lei è ai fornelli chiacchieriamo.
A vederla ora è serena, tranquilla, ma quella cosa del pianto mi ha turbato, lo ammetto.
Finito di cenare torniamo in camera, ci amiamo ancora per un po' e verso le due di notte esco per tornare a casa.

Dopo un paio di giorni pubblica un post sul suo blog nel quale racconta la nostra notte e il ritratto che fa di me è decisamente lusinghiero, al punto che vorrei stamparlo ed inviarlo ad ogni donna, a scopo promozionale.

Anche questa fu una "one night".
Sai no come funziona: "dobbiamo rivederci" ma poi se non riesci a trovare un giorno che vada bene ad entrambi poi finisce che il desiderio cala e...

Quanto al profilo, direi che si, L. era davvero un'amante appassionata.



https://pin.it/vF4JYn3
0b734cd7-c213-4429-b294-b1fac260a126
Ti chiami Liboria? Leontina? Leonilda e assieme a 299 amiche tue hai combattuto contro un fricchettone di nome Serse a Termoli? O era Termopoli… Sei molto romantica, idealista e spesso credi che l’amore significhi soffrire. Ti attraggono le persone con problemi insoliti per le quali ti senti come...
Post
14/09/2020 00:03:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. ombra.dargento 14 settembre 2020 ore 11:14
    no nooo non ci siamo! ripasso per la lettera emme... :shy :hoho :hoho :hoho
  2. LazyNik 14 settembre 2020 ore 12:49
    @ombra.dargento
    Oh ma tutte con sta lettera M :haha

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.