999

07 novembre 2010 ore 10:27 segnala
KE STUPIDO.....LUOMO TERRENO
11808674
KE STUPIDO.....LUOMO TERRENO
Post
07/11/2010 10:27:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

HO AMATO UN VAMPIRO

07 novembre 2010 ore 10:01 segnala
vampiri non esistono? sono solo figure fantastiche? Ciò potrebbe essere vero: i vampiri potrebbero essere solo figure generate dalla superstizione e dalla credulità popolare ma il mito, la leggenda dei vampiri è una costante di quasi tutte le civiltà in ogni epoca, diffusa ben prima che molti popoli fosserocontagiati dal mito europeo di Dracula. Questa figura maestosa, "il vampiro" per antonomasia, ha ridimensionato le articolazioni e le salienze mitiche locali contribuendo a dissolvere figure di vampiri popolari...
IO LO AMATO CHE CI VOGLIATE CREDERE O NO
11808657
vampiri non esistono? sono solo figure fantastiche? Ciò potrebbe essere vero: i vampiri potrebbero essere solo figure generate dalla superstizione e dalla credulità popolare ma il mito, la leggenda dei vampiri è una costante di quasi tutte le civiltà in ogni epoca, diffusa ben prima che molti... (continua)
Post
07/11/2010 10:01:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

X TE..KE NON KAPISCI

07 novembre 2010 ore 09:10 segnala
sentire il canto del mare sussurrare al mio cuore,
il soffio del vento accarezzare la mia pelle


osservare il manto di stelle che illumina il cielo,
la luna in cui si perdono i desideri,i sogni


camminare e averti vicino
il battito del mio cuore
brividi sulla mia pelle


sei come una goccia d acqua che attraversa la mia schiena
il fuoco che brucia dentro di me
i battiti del cuore


sei il paradiso ove il mio sguardo s incanta
la mia mente s inebria
i miei okki si emozionano


sei la magia di un attimo....eterno

gocce

07 novembre 2010 ore 09:02 segnala
Gocce di cristallo
cadono tintinnanti,
come monete
risplendenti, come raggi luminosissimi
dai colori mai visti,
dal rumore soave di violini
in concerto a corde di arpe magiche
calde suadenti, scivolano
sulle mie guance, scavando
un rigolo di lava bollente,
come bollente la febbre dell'essere
per tuffarsi tra le labbra
senza che nessuno si accorga
che quei cristalli

cristalli sono le mie lacrime.

gocce

07 novembre 2010 ore 08:55 segnala

Gocce di cristallo
cadono tintinnanti,
come monete
risplendenti, come raggi luminosissimi
dai colori mai visti,
dal rumore soave di violini
in concerto a corde di arpe magiche
calde suadenti, scivolano
sulle mie guance, scavando
un rigolo di lava bollente,
come bollente la febbre dell'essere
per tuffarsi tra le labbra
senza che nessuno si accorga
che quei cristalli
cristalli sono le mie lacrime.

scrivo

07 novembre 2010 ore 08:49 segnala
Scrivo con dolcezza
scrivo per rabbia
scrivo per paura
scrivo per essere
ascoltata
mentre la mia
anima
urla impazzita
fogli bianchi
riempiti
da un immenso
dolore
nascosto tra le
righe
senza far rumore
scrivo.

amore..

07 novembre 2010 ore 08:40 segnala
Ti guardo 
e celestiali immagini
giungono
in punta di piedi
a farti di cornice
impalpabili
eteri
come dolci
sibillare del vento
che cullano
pensieri
fragili
teneri
senza far rumore
ti toccano
il cuore
ti guardo e tu
ignara
del sentimento
che ti ha invaso
è amore
o sognare.

follia

07 novembre 2010 ore 08:32 segnala
Cos'è la follia
se non una sorta
di magica porta
tra sogni e magia
dove l'immaginazione
galoppa senza
briglie
prendendo
il volo
dove persona
sana arrivasse
dove cullati
dalla loro beatitudine
i pazzi
si coccolano
ricevendo...
calore
in sogni persi
dalle incongruità
della vita
chiamarli pazzi
non so
se la pazzia
è un vaccino
per la sofferenza
allora viva
la follia.

Torna indietro 

follia

07 novembre 2010 ore 08:32 segnala
Cos'è la follia
se non una sorta
di magica porta
tra sogni e magia
dove l'immaginazione
galoppa senza
briglie
prendendo
il volo
dove persona
sana arrivasse
dove cullati
dalla loro beatitudine
i pazzi
si coccolano
ricevendo...
calore
in sogni persi
dalle incongruità
della vita
chiamarli pazzi
non so
se la pazzia
è un vaccino
per la sofferenza
allora viva
la follia.

Torna indietro 

sole...tu

07 novembre 2010 ore 08:28 segnala
Mi prendo una pausa... 
tolgo le mie ali ma... 
non smetterò mai di proteggere i tuoi sogni, 
i tuoi pensieri, 
la tua
 esistenza.Sembra che il cielonon voglia dare 
quei tramontidove il mio 
cuore
cresceva d'amorecolorandolo di quei beimomentidal rosa all'azzurrocolmando i battiti.No! Non sono più queitramontiimpressi su queste 
fotografiescatti di
emozionibattiti di
speranzail cielo è piatto.
Statico senzasfumature
il sole è biancocaldo ma afoso, quasisoffocante
come il doloreche provonel guardarlo, nel ricordarloe ricordare che...non ci sei...
tu!tu, il mio sole.