Le metà morfòsi

26 gennaio 2021 ore 00:13 segnala


le meta - morfosi
All’alba di oggi nulla è cambiato. La luce si diffonde con la medesima lentezza di sempre, pigramente, trasformando un cielo notturno inopinatamente giallognolo in una latticinosa accozzaglia di nubi nella cui coltre non si riesce a cogliere il confine fra terra ed etere.
E’ una metamorfosi che conduce da un buio non buio ad una luce non luce che ricorda un piattume indefinito di blob multimaterico.
La medesima metamorfosi che viviamo quotidianamente quando alzandoci dal letto passiamo da uno stato di dormi-veglia a quello di veglia-dormiente.
Non siamo molto lontani dalla metamorfosi Kafkiana nella quale Gregor svegliandosi la mattina non riesce ad alzarsi dal letto perché trasformato in uno scarafaggio rifiutato dalla famiglia e dal mondo: un mutamento repentino ma di fatto verificatosi in modo lento ed inesorabile, non percepito come tale nella sua crudele apparente innocuità.
Ebbene, Sia nel mondo reale come in quello virtuale siamo di fronte a metamorfosi continue , girini che diventano rane, bruchi che diventano farfalle , uomini che diventano donne, multiformicità nei nick e nei profili che ricordano le personalità multiple più o meno dissociate degne del film “split”
Ma queste sono “metamorfosi” in senso lato o sono piuttosto forme di evoluzione ( o di involuzione) nelle quali il germe del risultato finale del mutamento è già scritto nel DNA. ?
Di fatto Gregor trasformandosi in scarafaggio non subisce una metamorfosi, egli si limita a realizzare se stesso e, nel bene o nel male , non fa altro che diventare quello che si sente di essere o quello che gli altri vedono in lui.
Quindi Le personalità o i nick multipli che bazzicano qui dentro a che cosa servono ? o meglio… a chi servono?
Sono forme di appagamento o di disappagamento interiore?
Sono apparenza o sono sostanza?
E se sono sostanza di che sostanza sono composti i camaleonti della rete?
Mi piacerebbe riuscire a capirlo….
57911144-e316-46e8-be0f-acf2846170a9
« immagine » le meta - morfosi All’alba di oggi nulla è cambiato. La luce si diffonde con la medesima lentezza di sempre, pigramente, trasformando un cielo notturno inopinatamente giallognolo in una latticinosa accozzaglia di nubi nella cui coltre non si riesce a cogliere il confine fra terra ed ...
Post
26/01/2021 00:13:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Commenti

  1. ombra.dargento 26 gennaio 2021 ore 15:20
    chissà come Kafka avrebbe raccontato oggi, Gregor, il diverso... mi piace immaginarlo una sorta di Anonymous Bug, un povero eroe che sopravviva all'alienazione del presente...
  2. leggendolamano 26 gennaio 2021 ore 15:42
    il diverso o il reietto?
  3. ombra.dargento 26 gennaio 2021 ore 15:57
    reietto perché diverso.
  4. leggendolamano 26 gennaio 2021 ore 16:01
    oggi non accadrebbe perchè tutti tendono ad omologarsi al modello massmediatico e le metamorfosi sono "al contrario" che rischia di essere reietto oggi è colui che non cambia, che non fa metà morfosi, ma resta interamente se stesso.
  5. ombra.dargento 26 gennaio 2021 ore 16:05
    anche oggi diverso per non essersi omologato al cambiamento, anche oggi reietto...
  6. UnaRapaSciapa 26 gennaio 2021 ore 22:38
    I nick multipli vanno per tematiche.
    Dal più polemico al malinconico e/o poetico, oppure diretto, smaliziato e divertente, etc.
    Come nella vita, siamo tante cose anche qui, il che non significa mentire o bluffare (sempre che non vengano usati per insultare o attaccare senza motivo) ma solo magari mettere sotto la lente d'ingrandimento alcuni particolari di noi stessi piuttosto che altri. Oppure considerare il nick non tanto come un nome ma più come uno stato d'animo.
    Evoluzione, involuzione e arresti... parlerei di fasi e non di strategie.
  7. leggendolamano 26 gennaio 2021 ore 22:43
    potrei essere d'accordo con te se parlassimo di polimorficità dichiarata e non di multi-identità mistificante.
  8. ModestinaPolare 26 gennaio 2021 ore 23:20
    ah guarda.. è una cosa che spesso mi sono chiesta anch'io:nono1 ma che testa devi avere per iscriverti con 100 Nick diversi e magari avere personalità multiple:nono1
  9. ninfeadelnilo 26 gennaio 2021 ore 23:42
    Non so di metamorfosi particolari. Nella specie animale è un fattore naturale. Dal punto di vista caratteriale di un essere umano, ci sono sempre stati brutti anatroccoli diventati cigno, questo significa che qualunque sia la natura hanno dovuto molto lavorare su se stessi con grandi sacrifici e sofferenza, a cui mi inchino con rispetto. Qui su chatta, ti dico che sono più di dodici anni che scrivo tra alti e bassi perchè quando non ho nulla da dire metto il mio blog in stand by. A me interessa solo di scambi d'opinione su argomenti vari. Sono diretta, discreta e lineare con tutti e sono sempre stata rispettata basta vedere tutti i miei commenti nel tempo. Non mi interessa quello che fanno gli altri con i loro nik. Ognuno deve vivere nei propri limiti. Per me il virtuale resta tale da non confondere con il reale. Si può essere se stessi anche con uno pseudonimo, perchè chi sa leggere tra le righe percepisce la natura di chi scrive. Il tempo è un'ottimo alleato e le maschere cadono prima o poi. Tutto dipende da ciò che si cerca quì.
  10. leggendolamano 26 gennaio 2021 ore 23:42
    io non sarei capace, mi sgamerebbero subito.
  11. ninfeadelnilo 27 gennaio 2021 ore 00:26
    Si essere sgamati può accadere.
  12. chissadoveequando 27 gennaio 2021 ore 14:58
    Non sto abbastanza tempo qui da poter individuare chi ha più di un nick, ma ho riconosciuto alcune persone già viste in un altro sito.
    Riguardo a Kafka, per me è troppo angosciante. Alla fine lo scarafaggio viene ucciso. In ogni epoca tranne l'attuale il diverso doveva sparire dalla vista; nessuno sforzo di comprensione e o accettazione. Almeno in Europa nessuno viene più ucciso perché non è come gli altri (fatta eccezione per il linciaggio mediatico, esso stesso patologico). È già un progresso.
  13. leggendolamano 27 gennaio 2021 ore 15:08
    VEro il diverso doveva sparire: i matti in manicomio, i disabili al Cottolengo,i dissidenti al confino.
    E' cambiato qualche cosa?
  14. chissadoveequando 27 gennaio 2021 ore 16:40
    Apparentemente sì, anzi siamo arrivati al punto del politically correct, per cui se si pensa che qualcuno sia ammalato, in certi casi bisogna dire che ha fatto una scelta diversa.
  15. EtruscanLady 28 gennaio 2021 ore 08:51
    In parte credo di essere in sintonia con un commento letto, per quanto mi riguarda in 18 anni di mia permanenza qui, ho avuto diversi nick con altrettanti blog, in tutti però ho sempre postato una mia foto e quindi facilmente riconoscibile. C'è sempre stato un motivo quando li ho cancellati, difetti ne ho tanti, sono sincera e questo non sempre è buona cosa, altro grande difetto è la permalosità e a volte mi sono cancellata stando fuori alcuni periodi. Talvolta ne ho avuti due contemporaneamente, in uno parlavo della vita di ogni giorno, nell'altro belle frasi accompagnate da foto, con altro parlavo esclusivamente di moda etcc.. Potrei chiamarli blog tematici ecco! Ricordo un nick mi venne bloccato perchè avevo difeso una bloggher offesa a sua volta da un'altra, scrissi i nick e questo sappiamo che non si può fare, quindi giusta punizione e da lì iniziai a farmi i fatti miei.
    Per quanto riguarda i nick fake con o senza blog, ho smesso da tanto tempo anche di chattare perchè in una conversazione se conosci il modo di scrivere di alcuni/e, soprattutto se scrivono nei blog ti accorgi anche da piccoli particolari con chi hai a che fare, ci sono piccoli tratti inimitabili. Non trovo niente di male nell'avere più di un nick con relativo blog se appunto non viene fatto per fare del male agli altri. E, se lo fai per difenderti da calunnie o offese ricevute, che soddisfazione ne trai se non ti fai riconoscere? Ecco, questo è il mio pensiero, magari sbaglio, ogni tanto mi succede ma meglio affrontare sempre, quando ce ne fosse bisogno, mettendoci la faccia. Difficile nascondersi dietro ad un dito.
    Buona giornata.
  16. luise59 12 febbraio 2021 ore 13:53
    I nick della rete? In molti casi è meglio che non siano sostanza...
  17. leggendolamano 12 febbraio 2021 ore 17:22
    quanto hai ragione.......sorrido rassegnato...
  18. Anjelita 06 giugno 2021 ore 16:50
    nella metamorfosi di kafka i temi chiamati in causa sono.. l'angoscia. l'alienazione, l'egoismo, l'ingratitudine, la dipendenza dalla famiglia... la divesità e la sua non accettazione e la condann all'emarginazione.. e nel 1915.. bene ci sta.. oggi potresti dire che questi temi sono ancora validi. forse sì.. ma io voglio dare alla metamorfosi uan accezioen assolutamente positiva.. se cogliamo nel cambiamento la trasformazione.. un mutamento radicale.. una frase banale forse.. macarica di vitalità di voglia di cambiamanto.. di positivitàà..
    ..E IL BRUCO DISSE VOLERO'.. TUTTI RISERO TRANNE LA FARFALLA..
  19. leggendolamano 06 giugno 2021 ore 22:06
    grazie per il commento, io nel titolo giocando sulle metà morfosi intendo che noi siamo già quello che diventeremo quindi si tratta di un cambiamento a metà, l'altra metà è già insita in noi.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.