Favola moderna 10

28 maggio 2012 ore 02:25 segnala
Anche se ero una donna avevo spesso atteggiamenti maschili.
Uno di questi era che dopo aver fatto sesso mi voltavo di schiena.
Non avevo voglia di parlare, non avevo voglia di stare appiccata all'altra persona e poi adoravo dormire nel mio di spazio senza che nessuno lo invadesse. Ma spesso, durante la notte, mi svegliavo e guardavo la sua schiena.
Chissà se dormiva.
Una volta allungai la mano e lo sfiorai solamente.
Non sapevo bene cosa volevo. Ritirai il mio tocco quando lui si voltò e, senza dire una sola parola, mi abbracciò. Non lo fece dolcemente, mi portò a se con forza , perché sapeva che con me la dolcezza non avrebbe mai funzionato.
Quell' abbraccio mi fece male, mi trafisse completamente

Potevo avere tutti gli atteggiamenti maschili del mondo, ma era inutile, ero una donna e avrei sempre enfatizzato un semplice abbraccio, bacio, parola, gesto.
E ho usato il termine sesso solo per darmi un tono, in realtà volevo dire “ l'amore. “ ma mi sembrava troppo sdolcinato e poco da me


59436e07-97d3-4c6a-9da8-a0752a682edc
Anche se ero una donna avevo spesso atteggiamenti maschili. Uno di questi era che dopo aver fatto sesso mi voltavo di schiena. Non avevo voglia di parlare, non avevo voglia di stare appiccata all'altra persona e poi adoravo dormire nel mio di spazio senza che nessuno lo invadesse. Ma spesso,...
Post
28/05/2012 02:25:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Favola moderna 9

26 maggio 2012 ore 03:42 segnala
A me le coppie non piacciono.
A me le persone innamorate non piacciono.
A me l'amore, è vero non mi piace.

Mi piacciono di più le persone distrutte dall'amore.
Mi piacciono quelle donne lì, quelle che hanno rincorso troppo e che non riescono più a farlo,
che non riescono più a crederci, ma che un sorriso a chi è gentile non lo negano.
Mi piacciono quegli uomini dalle lunghe storie finite e che hanno chiuso con delle spiegazioni, e che ammettono che hanno messo l'amore da parte.
Almeno per un po'. Almeno fin quando non capita.
Mi piacciono quelli che non sai se dire se sono amici o fidanzati.
Loro sono il mio ideale.
Mi piace chi usa “ c'è un mio amico che...” quando sta parlando del proprio ragazzo.
Mi piace la donna impegnata che non risponde subito ad un sms.
Mi piacciono quelle persone che hanno finali da raccontare piuttosto di quelli che dopo i primi mesi fanno grandi progetti che non andranno a buon fine.
Mi piacciono le coppie che trovano sempre un motivo per struggersi anche se magari va tutto bene.
Mi piace chi parla al singolare. Mi piace chi racconta di se.
Mi piacciono le persone che tornano ad amare dopo la prima volta.
Mi piacciono quelle disilluse che combattono con loro stesse quando vogliono fare un gesto romantico.
Mi piacciono quelle che per dire “ ti amo “ fanno una fatica immensa.
Loro si.
Loro non sono male.

27682f94-b3f8-408a-8795-2cbfa064ef5d
A me le coppie non piacciono. A me le persone innamorate non piacciono. A me l'amore, è vero non mi piace. Mi piacciono di più le persone distrutte dall'amore. Mi piacciono quelle donne lì, quelle che hanno rincorso troppo e che non riescono più a farlo, che non riescono più a crederci, ma che un...
Post
26/05/2012 03:42:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Favola moderna 8

26 maggio 2012 ore 03:23 segnala
Esistono troppe poche definizioni sui legami delle persone.
Fidanzati “ è quello più comune.
Poi “ trombamici “, quello che mette più in chiaro le cose.
Ma tutti gli altri?
Tutti gli altri che si parlano dopo una rottura, ma dove ancora provano qualcosa, come si possono definire?
Oppure chi esce da brutti rapporti, non vuole impegni, ma continua a vedersi con la stessa persona?
E quelli che sono ancora innamorati ma si sono lasciati perché avevano compreso che si stavano facendo del male?
E quella che aspetta per un mese una chiamata dello stesso tizio che vede da un anno? Dove la mettiamo?
Quelli che giocano ad odiarsi?
Quelli che per dimostrarsi amore si tirano le cose addosso?
E quelli che non sanno spiegarsi in fatto di sentimenti , ma che in ogni loro “ come va ? “ si sente un “ ti adoro “ , chi sono?
Quelli che fanno l'amore ma non si dicono “ ti amo “?
Quelli che fanno sesso ma sono innamorati?

Inventatevi delle definizioni.
Perché ci sono più “ confusi “ che “ fidanzati “ in giro.


ce87e995-0779-4f35-a9d6-995722dfe970
Esistono troppe poche definizioni sui legami delle persone. “ Fidanzati “ è quello più comune. Poi “ trombamici “, quello che mette più in chiaro le cose. Ma tutti gli altri? Tutti gli altri che si parlano dopo una rottura, ma dove ancora provano qualcosa, come si possono definire? Oppure chi esce...
Post
26/05/2012 03:23:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    1

-Favola moderna 7

24 maggio 2012 ore 03:28 segnala
Io non mi innamoro giorno per giorno.
Non mi è mai accaduto. Parto ovviamente da un piacere di base, ma l'innamoramento mi ha sempre colpito in pieno, impreparata, fatto male.
So la frase esatta che mi fa crollare, che mi colpisce, quella da cui inizio a guardarlo con occhi diversi.
Il mio primo amore mi fece morire dalle risate.
Il mio primo amore capì fin dalla prima occhiata che ero arrogante e presuntuosa.
Il mio primo amore, non voleva essere il mio primo amore, perché credo che già sapesse la fine , ma restò.
Mi capì più di chiunque altro.
Nella mia mente era perfetto, ma ancora non ero innamorata.

Io tutt'ora riesco a ricordare quella casa, che è stata un po' anche mia, del colore delle tende, l'odore di quelle quattro mura e il suo.
Riesco a ricordare i piccoli particolari, come pugnali.
Riesco a ricordare lo zaino verde a terra, con su il pezzo di stoffa del gruppo musicale degli Slipknot.
Riesco a ricordare me con che tono dicevo “ ma grazie al cazzo che fanno casino, sono in tremila in quel gruppo !
Dico davvero, non c'è nulla che io non ricordi di quel periodo.
Non riesco a rimuovere niente.
La nostra storia fu fatta di tante canzoni. Di tante risate.
Che solo ultimamente, dopo tante lacrime, dopo altre storie, dico che ci sono state.
Di tante discussioni dove io non sapevo ancora rispondere per le rime.
E poi di quella semplice e banale frase che mi fece innamorare.
Un giorno dei tanti e una delle mie tante stupide battute sul mio peso, sul mio corpo con qualche kg in più, l'ennesimo modo di denigrarmi, cercando di riderci su.
Calò il silenzio, e poi sbottò.
Mi disse che non ci riusciva più a starmi accanto in quella maniera, non riusciva più sentire me parlare in quel modo, che se avessi continuato così se ne sarebbe andato.
Lo sento ancora il cuore in gola in quel giorno.
E sorrido solo oggi, sul mio bluff venuto male nel dirgli:
“ Guarda che puoi anche lasciarmi, eh “ ma con gli occhi lucidi.
E poi rispose :

Mi spaventi e mi dispiace che tu ti veda così.
Una cosa che ti piace la difendi.
Tu mi piaci e quindi ti difendo anche da te stessa


Mi innamorai per la prima volta di un altro essere umano quella sera.
Io che detestavo tutti.
Mi innamorai senza vedere una fine, quell'amore che si prova una volta sola,
mi innamorai pensando che un giorno avremmo ricordato quella frase insieme,
e non dopo che mi lasciò.
Mi innamorai in pochi secondi e per sempre.
Mi innamorai perché comprese quanto fossi triste.
Era il mio uomo. Per quanto mi riguardava avrebbe potuto anche non amarmi più, che mi bastava averlo accanto. All'epoca.
Ora le cose sono un po' cambiate.
Ma come ho detto , era il mio primo amore, ed è così .
Stupido, triste e ingenuo.
Il primo amore è fatto di “ non lasciarmi “ , i primi amori non vanno oltre all'amore, si dimenticano di se stessi, di chi vogliono anche amare, di amici, di interessi, di tutto.

Quindi io sono convinta che l'esatto momento in cui ci si innamora esista.
Sono convinta che ad un certo punto lo sguardo cambia.
Sono convinta che esiste un momento in cui sei condannato.



675627b3-c1fa-466c-a380-c63255a81a87
Io non mi innamoro giorno per giorno. Non mi è mai accaduto. Parto ovviamente da un piacere di base, ma l'innamoramento mi ha sempre colpito in pieno, impreparata, fatto male. So la frase esatta che mi fa crollare, che mi colpisce, quella da cui inizio a guardarlo con occhi diversi. Il mio primo...
Post
24/05/2012 03:28:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    2

- Favola moderna 6

24 maggio 2012 ore 02:34 segnala
Non è l'addio in sè che è doloroso, quello che rappresenta il dolore è l'altra persona che non ci trattiene. Per questo restiamo a costo di rattristarci, umiliarci, sperarci fino alla fine, fino a quando prendiamo quella pericolosa decisione del “ vediamo quando si fa vivo lui “ e perdiamo miseramente.

Io, ricordo che mi guardai indietro più volte, fin quando il collo e il cuore non mi fecero abbastanza male per non voltarmi più.

Spero solo che questo genere di addio, un giorno, gli ritorni indietro.



0bd119bb-82cd-4ae7-ad82-05aa13aec49f
Non è l'addio in sè che è doloroso, quello che rappresenta il dolore è l'altra persona che non ci trattiene. Per questo restiamo a costo di rattristarci, umiliarci, sperarci fino alla fine, fino a quando prendiamo quella pericolosa decisione del “ vediamo quando si fa vivo lui “ e perdiamo...
Post
24/05/2012 02:34:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    3

- Favola moderna 5

23 maggio 2012 ore 17:51 segnala
Senti, io stanotte ti amerò.
Stanotte ti darò lievi baci.
Stanotte prenderò la tua mano.
Potrei anche dirti quelle frasi che scrivo soltanto.
Ti cercherò nella notte per dormirti accanto, mi farò carezzare i capelli di cui sono invidiosissima.
Ti cederò il mio confine di letto.
Solo una cosa ti chiedo in cambio.
Domani mattina fammi fare la solita donna di ghiaccio.
Fatti prendere in giro.
Credi al fatto che ti detesto.
Non mi sopporterei all'idea di essere banalmente romantica.
Quindi fammi credere che devi ancora conquistarmi.



ec1494a0-6774-4127-9731-a5ec25038e4f
Senti, io stanotte ti amerò. Stanotte ti darò lievi baci. Stanotte prenderò la tua mano. Potrei anche dirti quelle frasi che scrivo soltanto. Ti cercherò nella notte per dormirti accanto, mi farò carezzare i capelli di cui sono invidiosissima. Ti cederò il mio confine di letto. Solo una cosa ti...
Post
23/05/2012 17:51:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

- Favola moderna 4

23 maggio 2012 ore 03:32 segnala
- Da cosa capisci che una persona ti piace ? Il cuore che batte più forte ? le famose farfalle nello stomaco ?

- No. Lo capisco quando gli stalkero le amicizie femminili nei social network.

6ca4ca77-5a67-4070-bc04-311eb32ca6e0
- Da cosa capisci che una persona ti piace ? Il cuore che batte più forte ? le famose farfalle nello stomaco ? - No. Lo capisco quando gli stalkero le amicizie femminili nei social network. « immagine »
Post
23/05/2012 03:32:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

- Favola moderna 3

23 maggio 2012 ore 03:05 segnala
Tutti prima o poi smettono di mancarti,
man mano,
diventano dei fantasmi,
quando non vediamo più i loro visi,
non sentiamo più la loro voce.
Succede.
Un giorno accade che quello che ti sembrava un dolore insuperabile, una mancanza impossibile da colmare, si ridimensiona.
Le parole a lui dedicate diventano vuote.
Una mattina ti svegli e non ti accorgi nemmeno che non lo stai più pensando, che non è più nei tuoi discorsi.
Compri un vestito e guardi come ti sta, non immagini più il suo volto e i suoi complimenti.
E l'unica cosa che ti manca è farti mancare qualcuno.

34c59961-875e-4e0a-bc27-60b2620e7fd1
Tutti prima o poi smettono di mancarti, man mano, diventano dei fantasmi, quando non vediamo più i loro visi, non sentiamo più la loro voce. Succede. Un giorno accade che quello che ti sembrava un dolore insuperabile, una mancanza impossibile da colmare, si ridimensiona. Le parole a lui dedicate...
Post
23/05/2012 03:05:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

- Favola moderna 2

23 maggio 2012 ore 02:56 segnala
Doveva essere senza dubbio triste.
Sorrideva sempre.


baff92f4-7743-4b99-8475-7c0110c926a4
Doveva essere senza dubbio triste. Sorrideva sempre. « immagine »
Post
23/05/2012 02:56:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    1

- Favola moderna 1

23 maggio 2012 ore 02:48 segnala
Io credo che una donna dia il massimo di se stessa dopo essere uscita da una relazione.
Non subito dopo. Datele qualche mese. Ad alcune anche qualche anno.
E' il periodo dove ogni donna credo sia all'apice.
Quando ne vedo una così la guardo sempre con una sorta di ammirazione .
Non si costringe a fare quella forte, non è quella che dice “ sono tutti stronzi “ e poi la vedi piagnucolare perché non ha un uomo.
E' quella che per un po' ne ha abbastanza, quella del “ via tutti , ora ci sono io. “
E' quella che ti fa fare un sacco di risate ad un tavolino di bar inveendo contro chi l'ha fatta diventare così forte.
Le riconosci quelle così, hanno il passo sicuro, lo sguardo fiero dopo aver pianto tanto, non cercano altri sguardi in giro, guardano solo davanti a loro.
Sono curate, sono profumate, lo smalto messo bene.
Non hanno più un sorriso dolce, è uno di quei sorrisi che ti comunica un “ ce l'ho fatta. “ , ha quella giusta aria arrogante , quella sicurezza che hanno solo le persone che sono state massacrate.
Le vedi prendere il cellulare che suona , “è lui “ , ho sempre immaginato vedendo queste scene, la vedi guardare il nome e poi risponde con un diretto “ vai a cagare “ e mette giù.
Non è nemmeno troppo fine, non amo le donne snob, amo quelle che quando le porti al limite esagerano in ogni loro tono.
Chissà quanto si sono trattenute.
Chissà quante volte si sono chiuse in bagno con gli occhi lucidi per non far vedere le loro debolezze.
Chissà quante volte hanno detto “ va bene “ anche quando non andava tutto bene.
Chissà quanto hanno perdonato per arrivare a non volere più sentire nessuna spiegazione.
La risata di una donna che esce da una relazione è diversa.
E' potente.

Nessuno crederebbe mai che quella stessa persona mesi prima diceva “ non riesco ad andare avanti senza di lui “ e invece avanti ci è andata e pure meglio.
Sono donne rare queste, perché prima o poi vengono sciolte, perché prima o poi un uomo le porterà via da loro, e loro saranno ugualmente affascinanti ma in un modo diverso.

df43ee14-bb11-41f9-8caa-9b75920b5c6a
Io credo che una donna dia il massimo di se stessa dopo essere uscita da una relazione. Non subito dopo. Datele qualche mese. Ad alcune anche qualche anno. E' il periodo dove ogni donna credo sia all'apice. Quando ne vedo una così la guardo sempre con una sorta di ammirazione . Non si costringe a...
Post
23/05/2012 02:48:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    3