In questa casa perfetta si litiga per cose assurde.

28 marzo 2013 ore 01:04 segnala
In questa casa perfetta si litiga per cose assurde.
Ogni giorno ci si grida l'odio addosso per una tapparella che è restata a metà, per un granello di polvere, per aver sporcato una mensola con del caffè.
Si sentono frasi come “ devi andare via da questa casa “ o " non combinerai mai nulla nella tua vita " se il pacco della farina non è stato aperto bene.
Ci si insulta, ci si dice cattiverie, ci si sminuisce.
Da così tanti anni che non me ne ricordo più.
Si cambiano serrature di casa.
Ne ho viste così tante.
Ne ho sentite troppe che ora mi scivolano addosso.
Quante volte mi sono trovata in mezzo a gente che abbracciava i propri genitori, nei ritorni dai viaggi, nelle situazione difficili, mentre io invece ero lì che guardavo da sola.
E questo mondo, questo paese non mi aiuta di certo ad avere un indipendenza per fuggire via,
alcune volte non vedo nessuna speranza.
A volte più che difficile, mi sembra impossibile.
Però io so una cosa,
non vorrò mai essere come lei, come loro.
Ho un chiaro confine tra cattiveria e presa in giro. E io userò sempre la presa in giro, il sarcasmo che forse non verrà capito ma non mi spingerò mai oltre.
So solo che i miei problemi non saranno mai le pulizie di casa,
ma chiedermi se sono felice.
Lascerò disfatto il letto, lo rifarò pochissime volte, quando avrò la possibilità.
Non pulirò subito i piatti, alle volte, farò quello che qui viene considerato una follia.
Pulirli alla mattina.
Se ci sarà un evento, un concerto, un film che vorrò assolutamente vedere, la mia priorità sarà quella e non di certo sistemare.
Non alzerò mai il tono di voce come accade è accaduto con me,
quando sentirò che perderò il controllo, andrò piuttosto a piangere.
Non mi spingerò su quella soglia, su quella dove certe cose non vanno dette e non si sistemano con le scuse.
Alcune cose si rompono e rimangono rotte.
Non resterò con un uomo che non amo, solo perché sarò arrivata a quarantanni e avrò paura.
Sarei molto più terrorizzata dal fatto di sprecare l'altra metà della mia vita con qualcuno che non desidero più.
Voglio conti separati.
Perché qui, ogni volta che si litiga si parla di soldi.
Ognuno dovrà avere la propria indipendenza nel mio futuro.
Vorrei fare discussioni al mio livello, e non discutere perché si è formato il calcare nella doccia.
Sono molto più di questo, so parlare di cose molto più intelligenti, dannazione.
Vorrei che quando si litigherà, ci si ecciterà dando risposte talmente argute e affascinanti che si finirà per fare l'amore , e non parlarsi più per giorni per poi scoppiare a gridare.
Loro lavorano otto ore ma in realtà molto di più, perché parlano anche di quello quando sono a casa dato che non sanno più di cosa parlare.
Non so chi avrò accanto, ma piuttosto, mi inventerò cose nuove da fare, di cui parlare, leggerò libri , guarderò film per parlare di essi, non dei colleghi che non sopporto con la persona che adoro.
Non saranno l'argomento principale.
Sarò sempre circondata da quei tre amici, e quando verranno a casa non starò attenta se il loro capotto sarà posato sul divano al posto di stare sull'attaccapanni.

Quando avrò la normalità,
nessuno capirà mai quanto per me sarà qualcosa di speciale.

5bdadc10-d109-4b17-b3b9-c82d2a020a5d
In questa casa perfetta si litiga per cose assurde. Ogni giorno ci si grida l'odio addosso per una tapparella che è restata a metà, per un granello di polvere, per aver sporcato una mensola con del caffè. Si sentono frasi come “ devi andare via da questa casa “ o " non combinerai mai nulla nella...
Post
28/03/2013 01:04:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Commenti

  1. MorganaMagoo 28 marzo 2013 ore 09:53
    mamma mia come scrivi bene! :rosa
  2. Antelao 28 marzo 2013 ore 10:19
    incredibile, sembra la storia della mia vita! (fino a 6 anni fa)
  3. NeraDiNotteNN 28 marzo 2013 ore 14:38
    sei una vera scrittrice :rosa
  4. jesuis.Arlequin 28 marzo 2013 ore 16:03
    è una riflessione viva e coraggiosa, e naturalmente molto ben scritta, mi associo a chi l'ha detto prima.
    un abbraccio di congratulazioni e di auguri. :rosa
  5. rivolUZI.ONE 28 marzo 2013 ore 21:17
    on combinerai mai nulla nella tua vita " se il pacco della farina non è stato aperto bene.

    la cosa grave è che te lo ripeto talmente tante volte che alla fine ci credi..e allora è finita!!ti tocca ricominciare daccapo ed è molto,molto dura.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.