LA SCUOLA DELLA VITA

28 marzo 2014 ore 18:23 segnala


NESSUN GIORNO E UGUALE A L'ALTRO .
A scuola ci hanno preparata su tutto ma non a vivere, a vivere ci ha pensato la vita, ed è la lezione più dura. Ma per per combatterla ci vogliono quattro elementi essenziali - la paura - la saggezza - la forza- e il coraggio .

Ma se non abbiamo il coraggio non potremmo apprendere la nostra forza .La paura è indispensabile perché se non abbiamo paura non tiriamo fuori il coraggio .Ed infine se non abbiamo la saggezza, non potremmo fare buon uso della forza.

Anche se a volte la ragionevolezza saltuariamente ci ha delusi, noi con i piedi dobbiamo camminare e con le mani dobbiamo toccare, e con gli occhi dobbiamo vedere...
MA COL CUORE DOBBIAMO VOLARE Lina Viglione
***********************
IL PERDONO E UN ATTO D'AMORE .
Una delle cose più difficili della vita di ogni uomo è il saper perdonare veramente. Colui che non arriva a perdonare demolisce il ponte sul quale egli stesso deve percorrere ; perché ogni uomo ha necessita di perdonare e essere perdonato.

Moltissimi sono capaci, in specificati momenti della vita, di grandi gesti di generosità : donano i propri averi , il loro tempo a chi ne ha bisogno, fondano le confederazioni i volontariato e associazioni umanitarismo di tutti i tipi: adozioni, solidarietà ecc. Tutte cose veramente eccellenti.

Ma tuttavia pochi, però, sono capaci di perdonare. Quando riflettiamo in distanza e con molta sincerità sul nostro modo di perdonare, valutiamo i limiti che possediamo. Lo verifichiamo anzi tutto nei rapporti che abbiamo con la famiglia , con gli amici, e con tutti gli altri.

Molti di coloro che patiscono un torto da una persona cara si sentono feriti perché lo reputano un vero tradimento che ha inquinato la fiducia e oltraggiato la propria dignità. Nasce, allora, l'impulso che molto spesso rimane incancellabile perché, come una cicatrice, faticosamente si dilegua dal loro animo.

Nel film Shiendler's list è allegorico , a tale proposito, lo sprovveduto suggerimento dato dallo stesso Shiendler al pubblico ufficiale del campo di accentramento , il quale si era poi convinto che il perdonare fosse una manifestazione di potere superiore a quello di vita e di morte che egli addestrava sui poveri internati.Se pigliassimo coscienza delle nostre fragilità chiederemmo più spesso perdono agli altri.

Quando sperimentiamo l'esigenza di sentirci perdonati, forse saremmo più disposti a perdonare gli altri di cuore e illimitatamente .la nostra vita sarebbe differentemente : tante guerre non avrebbero più senso, non ci sarebbero più certe forme distruttive di vendetta, le famiglie resterebbero unite, la società diventerebbe più produttivo , una partecipazione più genuina abbatterebbe altri confini .

Non per niente le ultime frasi di Gesù prima di morire esprimono il perdono verso il ladro incallito e verso coloro che lo stavano brutalizzando . Ciò vuol dire, che il perdono vero, sincero è il gesto più giusto e divino che ognuno di noi possa compiere . Ma è giusto solo per chi vuole innalzarsi verso la graduale santificazione .Sbagliare e umano...
PERDONARE E' DIVINO . Lina Viglione .
cc70a3ff-83ac-4185-9e5a-fabaca8fab1d
« immagine » NESSUN GIORNO E UGUALE A L'ALTRO . A scuola ci hanno preparata su tutto ma non a vivere, a vivere ci ha pensato la vita, ed è la lezione più dura. Ma per per combatterla ci vogliono quattro elementi essenziali - la paura - la saggezza - la forza- e il coraggio . Ma se non abbiamo il ...
Post
28/03/2014 18:23:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.