30/07/2021

30 luglio 2021 ore 09:32 segnala
Siamo tutti destinati a diventare un ricordo...
e ce ne dimentichiamo ogni giorno...
Ho sempre il passato dietro alle mie spalle, e a volte mi rende triste... ma il futuro mi fa ancora più paura.

15.07.2021

15 luglio 2021 ore 22:03 segnala
E poi la vita ci insegna che bisogna sempre volare in alto.
Più in alto dell’invidia, più del dolore, della cattiveria… Più in alto delle lacrime, dei giudizi. Bisogna sempre volare in alto, dove certe parole non possono offenderci, dove certi gesti non possono ferirci, dove certe persone non potranno arrivare mai.

Cit.

09/07/21

09 luglio 2021 ore 22:51 segnala
Se c'è una cosa che proprio non sopporto, sono i rimpianti, specie se accompagnati dai ricordi. E ultimamente ne stanno diventando tanti, insostenibili.
Buona notte.

30.06.21

30 giugno 2021 ore 09:18 segnala
LA FANTASIA

Con la fantasia io ce giro er monno,
voi pe 'fallo ve tocca pià aeri e treni,
io lo faccio soprattutto ner sonno,
e me ce ammiro mille arcobaleni .

Cosi ner silenzio della mia mente,
è come se c’avessi un paio d’ali ,
e me ritrovo su ner cielo sorridente ,
fori dai canoni comuni e abituali .

Li pensieri brutti cosi vanno via,
me li godo tutti quei momenti,
anche se sò che è solo utopia,
e nella vita tocca strigne i denti .

De nà cosa però sò più che sicuro,
l’immaginazione a volte pò fa paura,
ma l'idee e la fantasia ve lo giuro,
spesso sò la nostra unica cura.


Pagina autore: Rime Metropolitane
Le frasi più belle dei Libri...

29.06.21

29 giugno 2021 ore 22:12 segnala
Non mi sono mai accontentato
"di quello che passa il convento"
perché io dal convento
nemmeno ci passo.
Non ci credo al "canta che ti passa",
decido io quando farmela passare.
Io dopo aver chiuso una porta,
difficilmente apro un portone,
preferisco starmene un po'
per i fatti miei,
ma soprattutto smettiamola
di credere che
"chi si accontenta gode",
io godo solo se raggiungo
ciò che desidero...

andreaz.al
art. dal web

Eduardo De Filippo.

01 giugno 2021 ore 18:18 segnala
"Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmieze'a tanta porte,
s'arapesse pe' campa'!
S'arapesse na matina,
na matin' 'e primavera,
e arrivasse fin' 'a sera
senza dì: 'nzerràte llà!
Senza sentere cchiù 'a ggente
ca te dice: io faccio...,io dico,
senza sentere l'amico
ca te vene a cunziglia'.
Senza senter' 'a famiglia
ca te dice: Ma ch' 'e fatto?
Senza scennere cchiù a patto
c' 'a cuscienza e 'a dignita'.
Senza leggere 'o giurnale...
'a nutizia impressionante,
ch'è nu guaio pe' tutte quante
e nun tiene che ce fa'.
Senza sentere 'o duttore
ca te spiega a malatia..
'a ricett' in farmacia...
l'onorario ch' 'e 'a pava'.
Senza sentere stu core
ca te parla 'e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina... Chesta sì...Chell'ata no.
Pecchè, insomma, si vuo' pace
e nun sentere cchiu' niente,
'e 'a spera' ca sulamente
ven' 'a morte a te piglia'?
Io vulesse truva' pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez' 'a tanta porte
s'arapesse pe' campa'!
S'arapesse na matina,
na matin' 'e primavera,
e arrivasse fin' 'a sera
senza di': nzerràte lla'!"

La vita che scotta!

19 maggio 2021 ore 11:07 segnala
...hai presente quando la sabbia scotta, ma tu te ne freghi perchè tanto sai che stai correndo verso il mare?
Ecco, bisognerebbe vivere così!


this is my life

18 maggio 2021 ore 11:32 segnala
...ti illude con un sogno
e ti frega con la realtà...