Gli occhi

05 novembre 2020 ore 09:52 segnala
Ho aperto decine di volte queste pagine per descrivere le mie sensazioni in questi giorni un pò strampalati ma ogni volta le ho richiuse tutto perchè ho avuto paura di essere noiosa e soprattutto poco di aiuto per chi ha piacere di leggermi. Mi accorgo che le giornate si susseguono grigie e umide data la stagione autunnale e trascorrono velocemente noncuranti di tutto quello che sta succedendo di catastrofico intorno a noi. Le persone sono cambiate, imbruttite dalla paura, arrabbiate per dover seguire regole assurde ma che sempre regole rimangono,non si sente più il vociare allegro dei bambini nei parchi o nelle vie,infatti il silenzio fa paura, vedere un sorriso nel viso delle persone è rarissimo e lo si immagina nascosto sotto la mascherina,però ho notato una cosa positiva,una cosa che a me è sempre piaciuta ,le persone hanno imparato a leggere gli occhi,anche i più timidi,cosa che pochi facevano fino a qualche mese fa. Si distinguono occhi stanchi per i tanti problemi che si è obbligati ad affrontare, occhi lucidi che hanno pianto o piangono per il dolore della perdita di qualche affetto, occhi che si perdono nel vuoto di continue incognite, occhi minacciosi che sono il preludio di qualcosa di poco bello, occhi languidi che cercano disperatamente un'ancora sulla quale aggrapparsi, occhi minacciosi che incutono paura....occhi . Il mio pensiero va sempre più lontano, vorrei tanto rivedere gli occhi di chi non c'è più fisicamente ma soprattutto gli occhi di chi ho amato alla follia e che ho guardato forse troppo poco, anzi ho abbassato lo sguardo quando invece dovevo usarlo per penetrargli nell'anima, a quando lui dolcemente mi ha alzato il mento e mi ha sussurrato " Lory perchè non mi guardi" e i miei occhi hanno incontrato i suoi. Dov'è sparito quel tempo cosi lontano? E'esistito per davvero o è stato solo frutto della mia immaginazione di donna matura e sognatrice? Vorrei tanto rivedere quegli occhi caldi dal colore delle castagne, quegli occhi che hanno sofferto e stanno soffrendo, quegli occhi che mi hanno guardata e hanno impresso nella memoria tutto di me, non solo il sorriso tipico della mia persona ma anche la marea di difetti che agli occhi di lui sono stati piccole perfezioni da amare. I mie capelli alla sbirulino sempre spettinati,la mia fisicità nell'essere morbidosa con i "rotoli" di ciccia,la mia panza piena di cicatrici per i tanti interventi subiti,la camminata sicuramente non da fotomodella, le mie tette, beh qui si potrebbe fare un simposio stavolta in positivo però per essere state al centro delle sue attenzioni purtoppo per poco tempo. Chissà perchè i miei pensieri vagano e scorrazzano dappertutto ma si fermano sempre a lui che ormai ha messo fine con un clik a tutto il bello che la vita aveva deciso di offrirci. Mi chiedo il motivo e i perchè e quando penso a lui mi scappa sempre un sorriso ed io sorrido spesso.
6b822026-0c96-4475-a7e1-05f7383aa86f
Ho aperto decine di volte queste pagine per descrivere le mie sensazioni in questi giorni un pò strampalati ma ogni volta le ho richiuse tutto perchè ho avuto paura di essere noiosa e soprattutto poco di aiuto per chi ha piacere di leggermi. Mi accorgo che le giornate si susseguono grigie e umide...
Post
05/11/2020 09:52:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.