La battaglie tra aquile in Polonia

01 novembre 2008 ore 12:23 segnala
L’aquila reale (Aquila chrysaetos, Linnaeus 1758) è un uccello appartente alla famiglia degli Accipitridi. Essendo la specie più comune, è diventato il rapace per antonomasia, venendo molto spesso chiamata semplicemente "Aquila".

Ha una lunghezza di 74 - 87 cm; la coda misura dai 26 ai 33 cm, con un’apertura alare di 203-220 cm.

Il suo peso varia dai 2,9 kg, ai 6,6 kg; la femmina è del 20% circa più grande del maschio.

Le sue parti superiori sono di color bruno castano, con penne e piume copritrici più pallide, le parti inferiori sono di color castano scuro, la testa invece è di color castano dorato. A questa caratteristica si riferisce il secondo nome "chrysaetos",che in greco vuol dire "aquila d’oro".

Il colorito varia a seconda dell’età e l’abito adulto viene completato a 5 anni di vita. Il giovane appena involato possiede un piumaggio bruno nerastro con evidenti macchie bianche a semiluna al centro delle ali e coda bianca bordata di nero; la livrea dell’adulto è bruna con spalle e nuca dorate (da cui il nome inglese "Golden Eagle", Aquila dorata). Il pulcino è ricoperto da un fitto piumino biancastro.

In volo ha ali sollevate e spinte leggermente in avanti. L’Aquila reale è uno dei più potenti uccelli rapaci del mondo; la robusta struttura le consente di attaccare con successo prede spesso più pesanti di lei e nonostante la mole imponente possiede un volo assai agile.

Il piede ha le caratteristiche tipiche dei rapaci che si nutrono in prevalenza di mammiferi, con dita relativamente brevi e grandi artigli in grado di ferire efficacemente le prede dopo aver penetrato la pelliccia.

Il forte becco adunco le consente non solo di uccidere animali di taglia medio-piccola, ma anche di dilaniare carcasse di grandi animali rinvenuti già morti.

Emette poche grida, tranne in periodo riproduttivo, che sono simili ai versi di un cane. L’aquila reale è "calzata", cioè caratterizzata, come le altre specie di aquila, dalla presenza di penne sui tarsi, che assicurano la protezione delle estremità dalle basse temperature dei luoghi in cui vive.

Macaco sull'isola Sulawesi in Indonesia.

01 novembre 2008 ore 12:07 segnala
Il cinopiteco (Macaca nigra Desmarest, 1822) è un primate della famiglia delle Cercopithecidae

Differisce dalle altre specie di macachi per l'aspetto esteriore. Questa scimmia è completamente nera. Ha un pelame molto fitto; le sole parti nude del suo corpo sono la faccia e le piccole callosità sulle natiche. La faccia è nera. Caratteristica è la testa del maschio: muso allungato e narici, molto strette, rivolte di lato, verso l'esterno. In cima alla testa i peli si drizzano verticalmente, formando uno strano «toupet», o cresta, che conferisce a quest'animale un aspetto davvero insolito.

È una scimmia di media grandezza, lunga fino a 65 cm; i maschi pesano circa 10 kg, mentre le femmine, abbastanza più piccole, pesano da 5 a 7 kg. I quattro arti hanno uguale lunghezza, e ciò avvicina il cinopiteco più ai babbuini che agli altri macachi. La coda si riduce a un semplice mozzicone, lungo da 1 a 2 cm, completamente nascosto nel pelame. Il cinopiteco ha qualcosa d'insolito; sotto un certo aspetto, fa pensare al gorilla, specialmente il maschio, i cui tratti sono più marcati di quelli della femmina.


Il leopardo delle neve sulle alture dell'Himalaya

01 novembre 2008 ore 12:04 segnala
Il leopardo delle nevi (Uncia uncia), anche detto irbis, è un felino che vive nell'Asia centrale. Nonostante venga chiamato "leopardo", esso in realtà non lo è. Rimane comunque un animale appartenente ad un genere geneticamente vicino a quello del leopardo; per di più, non sempre abita regioni di nevi eterne, quindi neanche la seconda parte del nome comune è totalmente corretta. I grossi felini infatti si nutrono di mammiferi erbivori, e nessun erbivoro potrebbe trovare sostentamento in tale habitat; diverso è il caso di altri mammiferi carnivori, come l'orso polare, che si nutre di foche. Per quanto riguarda il colore mimetico, è ovvio che vivendo in territori coperti di neve, il colore prevalente sia il bianco. Il leopardo delle nevi ha delle parti bianche nella pelliccia, ma non si può certo dire che sia bianco: perciò il nome volgare di questa specie non soddisfa. L'altro nome, irbis, è forse migliore.
10152859
Il leopardo delle nevi (Uncia uncia), anche detto irbis, è un felino che vive nell'Asia centrale. Nonostante venga chiamato "leopardo", esso in realtà non lo è. Rimane comunque un animale...
Post
01/11/2008 12:04:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1