la voce di Malika

16 aprile 2010 ore 22:57 segnala

in groppa al mio cammello

sono perso nella sabbia che offusca i miei occhi

ascolto la tua voce che mi giunge nel buio

sospiro inseguendola come la luce di un faro, un marinaio

io navigante tra le dune di una vita  in cui perdersi è consuetudine

ascolto il vento portarti a me

ascolto i brividi sulla mia pelle

e riprendo il mio cammino 

riprendo la mia via offuscata dalla sabbia al vento

sorpreso come non mai dalle emozioni

che una voce può destare

quando con gli occhi chiusi

ti ritrovi nella tempesta della vita

come un tuareg tra le dune

che riconosce la giusta via ascoltando il vento.  

  

11530082
in groppa al mio cammello sono perso nella sabbia che offusca i miei occhi ascolto la tua voce che mi giunge nel buio sospiro inseguendola come la luce di un faro, un marinaio io navigante tra le dune di una vita  in cui perdersi è consuetudine ascolto il vento portarti a me ascolto i...
Post
16/04/2010 22:57:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. did.lina 17 aprile 2010 ore 14:54

    Leggo e sento brividi.  Come sempre le tue poesie hanno questo potere!  Ognuno di noi viandante fra le dune di sabbia della vita,  cerca un po' di silenzio e ascolta il vento...In attesa di una voce, di quella voce che lo guiderà nel cammino. Essa tornerà sempre a farsi sentire: è l'unica certezza!

    :-))

  2. madmax134 17 aprile 2010 ore 22:29

    ...è una voce fuori dal comune

    l'ha ben descritta il Maestro Paolo Conte, "una voce che ti porta lontano"

    ogni volta che l'ascolto... è un viaggio

    grazie...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.