profugo di mare

26 settembre 2014 ore 22:28 segnala

Parto, metto nella sacca quattro stracci
Un pugno di sogni e tante speranze
Porterò con me il nulla di questo mondo
Perché è l’unica cosa che si possa ricordare
I tuoi occhi li ho nel cuore quanto basta
Per continuare a soffrire
Ricordando i lontani sapori d’amore
Lascio la terra di mio padre il sorriso di mia madre
La sposa come i petali al vento di una rosa
Respiro aria sconosciuta sotto stelle color lacrime
Quando le onde mi ricordano la fine
Resisto alla paura, tra il vomito
e silenziose urla di cuori smarriti,
alle luci dell’alba e di una nuova terra
estraggo dalla sacca un pugno di speranza,
quando forti braccia raccolgono ciò che resta
della mia esistenza
e ora in questa stanza dissolvo l’ultimo sogno che resta
inzuppato di mare lacrime e sangue
lo alzo alle stelle perché il mio sacrificio non sia stato
solo l’ultimo gesto di un’ordinaria follia.

68b92252-4894-4af5-ab31-c603cafe7366
« immagine » Parto, metto nella sacca quattro stracci Un pugno di sogni e tante speranze Porterò con me il nulla di questo mondo Perché è l’unica cosa che si possa ricordare I tuoi occhi li ho nel cuore quanto basta Per continuare a soffrire Ricordando i lontani sapori d’amore Lascio la terra di m...
Post
26/09/2014 22:28:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. madmax134 26 settembre 2014 ore 22:42
    :ok grazie del video non la conoscevo appropriata e decisamente bella!
  2. bellamorebellamore 26 settembre 2014 ore 22:45
    si manco io lo conoscevo poi me capitato e me piaciuto :ok
  3. madmax134 26 settembre 2014 ore 22:47
    vero proprio bello, stavo leggendo il tuo "Alzheimer" da qualche parte ho anch'io un post con lo stesso nome!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.