Il mio drum kit

23 luglio 2008 ore 07:54 segnala
Snare drum: Ludwig Supersensitive Blue/olive 5,5"
snare drum 2°: Ludwig supraphonic old serie 5.5"

Tom: yamaha stage kustom 10"
Tom: Yamaha power V 12"
Tom: Yamaha power V 13"
Tom Flor: Yamaha stage kustom 15"
Tom Flor: Yamaha power V 16"
Bass Drum: Yamaha power V 22"

1) Splash 10": Stagg
2) Crash 16": Stagg
3) Hit-Hat 13": Zildjian
4) Power Crash 16": Paiste 2000
5) Splash 10": Paiste 802
6) Crash 16": Meinl
7) Crash 15": Zildjian
8) Ride 20": Paiste: 802
9) China Boy 20": Zildjian
10) Ride 20": Stagg
11) Spirale 20": Zildjian

Collaborazione con vari service come tecnico

22 luglio 2008 ore 01:28 segnala
Habitat Musicale:

-Branco selvaggio
-Giovanni Palombo (Rivarolo Jazz Guitar Festival 2008 - IV edizione)
-Ropa 11 (Rivarolo Jazz Guitar Festival 2008 - IV edizione)
-Daniele Cordisco quartetto (Rivarolo Jazz Guitar Festival 2008 - IV edizione)
-Giulio Camarca trio (Rivarolo Jazz Guitar Festival 2008 - IV edizione)
-Luca Ciarla/Luigi Tessarollo duo (Rivarolo Jazz Guitar Festival 2008 - IV edizione)
-Federico Marchesano THE INNER ROOM (Rivarolo Jazz Guitar Festival 2008 - IV edizione)

Music Store Service:

-Limoncello swing band

-Surrealistic Lizard (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-Anger Core (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-Petrol (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-Sikitikis (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-LNRipley Torino (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-Paolo Dellapiana (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-Ex-Otago (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-Marta sui Tubi (Onda Sonora Festival 04-05-06 luglio 2008 Alice Castello (Vc))
-Blooming Kids (10° Edizione del Varese Gospel Festival!)
-Gospel Light Vocal Ensemble
(10° Edizione del Varese Gospel Festival!)
-Greensleeves Gospel Choir
(10° Edizione del Varese Gospel Festival!)
-The Session Vocices (10° Edizione del Varese Gospel Festival!)
-Opole Gospel Choir (10° Edizione del Varese Gospel Festival!)
-Diesis e Bemolli
(10° Edizione del Varese Gospel Festival!)
-London Community Gospel CHoir
(10° Edizione del Varese Gospel Festival!)
-Shakura S'Aida (palco sul mare festival 2008)
-Amanda Sandrelli (festival intorno al lago 2008)

----------------------

Persiana Jones (Alpette rock free rock festival)
Disco Drive
(Alpette rock free rock festival)
L'inferno di Orfeo (Alpette rock free rock festival)
Bugo (Alpette rock free rock festival)
Stiliti (Alpette rock free rock festival)
Il cerchio (Alpette rock free rock festival)
Helene's Mates (Alpette rock free rock festival)

Biografia

16 luglio 2008 ore 21:03 segnala
Ho iniziato la mia carriera musicale ascoltando mio padre che suonava la tromba nella banda del paese in cui vivo "Borgo d’Ale". Mi piaceva molto la musica suonata dagli strumenti a fiato e tutte le volte che passavo davanti a una banda musicale mi piaceva fare finta di essere il maestro muovendo le mani come un direttore di orchestra.

Iniziata la prima elementare io e un gruppo di miei amici con la passione della musica ci siamo iscritti al corso diretto dal maestro Giovanni Paniale (direttore della banda musicale di Borgo d’Ale) fu un maestro abbastanza severo ma nel giro di un anno riuscimmo a fare quello che le altre bande impiegano 4 o 5 anni, ovvero suonare uno strumento.

Come ho detto, prima era un po’ severo, non come un insegnate ma come un nonno che insegna a leggere a i suoi nipoti. Mi ricordo perfettamente che facevamo a gara a chi si andava a sedere prima sulle sue ginocchia.

Ho passato molti anni nella banda suonando la tromba e rimanendo diciamo a un certo tipo di conoscenza musicale fino a che mio padre andò da Pitetti Music Store a Ivrea per prendermi un libretto per le marce e un tubetto di grasso per la tromba ma invece di questi due semplicissimi oggetti è arrivò a casa con una tastiera della Yamaha la PSR640.

Io rimasi affascinato da quella tastiera e da lì incominciai uno studio individuale dell’organo degli accordi e dell’armonia.

Arrivato alle medie devo ringraziare il professore di musica Giancarlo Uglione che è un professore veramente solare. Non era il solito prof. che ti faceva suonare "fra martino" ma da quattro claviette, due flauti e qualche tastiere riusciva sempre a fare dei mega concerti di fine anno.

Con lui io e i miei compagni di suonata abbiamo imparato a fare di tutto: da trascrivere, a scrivere, tirare giù ad orecchio le partiture da CD.

E’ stato un professore spettacolare.

Dopo aver finito le medie e inziato le superiori ho incominciato a cercare nuovi orizzonti ho incominciato a suonare nella banda di Roppolo.

Questa banda è una delle poche che conosco che è diretta da una donna (direttrice Armellini Gabriella). Anche lei è una maestra veramente eccezionale ma soprattutto paziente, con lei ho imparato cosa sgnifica essere precisi nell’esecuzione.

Oltre a questo ogni tanto ho collaborato con la banda di Zimone.

In questo periodo mentre suonavo la tastiera e la tromba ho imparato per necessità a strimpellare la chitarra elettrica e il basso elettrico perchè sono un appassionato di tutti gli strumenti musicali e mi piace sentire sempre nuovi suoni.

Nel 2003 sono passato alla batteria ed è ancora il mio strumento attuale.

Io e i miei amici di suonata abbiamo sempre suonato anche un po’ per conto nostro e siamo rimasti in stallo fino al 2006 dopo 5 anni che cambiavamo formazioni generi e soprattutto musicisti.

Con l’aiuto di una insegnante, la professoressa Valeria Rota siamo riusciti a suonare in molte occasioni e fare delle bellissime figure. Abbiamo fatto la nostra prima apparizione come Big Band a Santhià per la festa di fine anno scolastico.
(io e il sassofonista non siamo usciti indenni dal pranzo)...(lui non c’è la fatta quella sera!!!).

Dopo quella sera siamo riusciti a scegliere un nome: RBR --- Ride Rock Brilliant
Questo è uscito percaso leggendo la dicitura sul mio ride della batteria e ci è sembrato abbastanza orecchiabile.

Con questo gruppo abbiamo fatto di tutto da Pastorius, i Blues Brothers fino ad arrivare a Santana e ai Deep purple

In alcune occasioni abbiamo collaborato con i Divieto Di Sosta per la realizzazione di alcuni spettacoli.

Dopo due anni che ho suonato la batteria da autodidatta ho chiamata un mio amico e gli ho chiesto se per uno spettacolo in paese (per la festa di San Michele) poteva venire a farci da fonico.

Si chiama Claudio Bosio e dopo avermi sentito suonare Samba patì di Santana da beguine invece che da samba mi ha preso sotto le sue grinfie come maestro di batteria.
Io l’ho soprannominato The Old Master.

Lui è stato in grado di insegnarimi le basi della tecnica della batteria e a portarmi a conoscere tutti i generi musicali.

Grazie a lui sono il batterista che sto diventando.

Grazie a lui ho scoperto, oltre ai suoni delle nuove batterie, le cosiddette vintage come Ludwig, Slingerland, Hipercussion, Rogers e molte altre.

Ma soprattutto ho conosciuto le parole precisione e tiro che prima non conoscevo molto bene.

Il primo rullante Ludwig che ho provato e sentito è stato un supersensitive Blue/olive da 6.5" che mi aveva portato Claudio da provare, poco tempo dopo ho lasciato il mio vecchio Yamaha per passare ad un supersensitive da 5.5" (trovo che abbia un suono più fine rispetto al 6.5").

Un giorno mi parlava di un gruppo che si chiama 60/70 rock band. Io non conoscendolo mi informai su internet e vidi che il batterista di questo gruppo era un amico e maneger di Ian Paice (batterista dei mitici deep purple). Si chiama Paolo Sburlati.
Lui organizza drum clinic per Ian e molti concerti con delle band tributo locali; ma oltre a questo è un collezionista di fama mondiale di rullanti e drum kit Ludwig.

Visitando il suo sito ho provato a chiedergli tramite una mail quanto poteva valere il mio supersensitive e se poteva datarlo. La sua risposta è stata quella di andare giù da lui a Bagnasco per farglielo vedere di persona.

Quando andai da lui mi valutò il rullante e mi fece vedere la sua collezione; 3 garages pieni!!! Ma, non montate!!! Erano tutte smontate impilate una sopra all'altra fino al soffitto!!!

Rimasi molto affascinato da ciò e parlando dei deep purple uscirono aneddotti e storie di ogni genere.

Grazie a Paolo ma soprattutto ai miei genitori e a Claudio sonoriuscito a conoscere personalmente Ian e in una occasione a duettarci insieme per qualche minuto


(non potendo scrivere tutto in un giorno troverete gli articoli modificati o allungati un po' per volta)

Marck Carny vs Ian Paice: foto 1

16 luglio 2008 ore 08:39 segnala
è stata più di un emozione e sono certo che non sarà neanche l'ultima...

Lui è una persona spettacolare: "non se la tira per niente" non è la solita rock star.

Durante la clinic del 13 luglio a collegno ha detto:
"la rock star la si può fare finchè sei sul palco, dopo bisogna tornare con i piedi per terra"



Marck Carny vs Ian Paice: video 1

16 luglio 2008 ore 08:29 segnala
Pochi emozionanti secondi...suonare con un dio del rock era il mio sogno...






Un grazie grosso come una casa a Letizia (autrice del video)