CIO' CHE NON SI CONOSCE

06 dicembre 2009 ore 11:32 segnala
Ho trovato una poesia di un capo indiano molto significativa per il mio modo di pensare.Capo Dan George parla degli animali ma penso che questo scritto si possa usare  anche come metafora sulla vita in generale.


Se parli con gli animali,

loro parleranno con te

e vi conoscerete a vicenda.

Se non parli con loro,

non li conoscerai e temerai

cio' che non conosci.

Cio' che si teme si finisce

per distruggerlo.

capo Dan George



Con questo vi voglio augurare una buona domenica e un sereno inizio di settimana.

Mary

11292898
Ho trovato una poesia di un capo indiano molto significativa per il mio modo di pensare.Capo Dan George parla degli animali ma penso che questo scritto si possa usare  anche come metafora sulla vita in generale. Se parli con gli animali, loro parleranno con te e vi conosce...
Post
06/12/2009 11:32:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. cosillo 06 dicembre 2009 ore 12:01

    che comprende il vicino di casa come la morte.

    S.Francesco lo trattò mirabilmente.

    ciao

    adriano

  2. cittadino.italia 06 dicembre 2009 ore 12:42
    ...degli indiani d'America è così profonda proprio perchè considerano gli animali come loro simili. Ecco quindi nascere una metafora di vita. Il parlare con il prossimo, per conoscerlo per farsi conoscere e per costruire insieme una società più tollerante basata sul rispetto reciproco. Una bellissima chimera che in pochi raggiungono, ma che quei pochi riescono a trasmettere con la loro passione per il mondo, quello che tu hai riportato con quelle poche righe, poche ma estremamente significative. Una mia carissima amica asserisce che un cane cattivo, è diventato tale perchè ha percepito la cattiveria del suo padrone. Penso che sia vero, quella persona ha parlato in modo negativo all'animale e farà altrettanto con i suoi vicini, con i suoi simili. Il mondo andrà sempre così, non c'e' soluzione, ma per fortuna esistono  persone che come te si impegnano a far conoscere le cose belle della vita.:-)
  3. mary.63 06 dicembre 2009 ore 13:25
    cittadino....con le tue parole riesci ad esprimere quello che ho nella mente in maniera divina..o mi leggi nel pensiero o sei un genio. ;-)
  4. goccesulmare 06 dicembre 2009 ore 14:05
    è perfetta a far capire come la paura di quello che non conosciamo può portare alla violenza e a forme di intolleranza verso chi viene considerto "diverso"
    La parola magica che racchiude in se la poesia è il rispetto verso tutto e tutti, se conosciamo siamo in grado di capire e amare.
    Averla letta priama questa poesia andava bene per il mio post contro l'omofobia e tutte le forme di avversione che purtroppo verifichiamo nella nostra società!
    Gocce

  5. bellamora61 07 dicembre 2009 ore 08:22

    però ti capisco sai...

    la paura dell'ignoto è nota a tutti

    se tu hai postato questo argomento la mia psicologia mi suggerisce che ne devi avere un po' paura...

    lecito e legittimo ma le paure per essere vinte vanno superate... con calma ma vissute e ci si rende conto che cio che sta dietro l'angolo potrebbe essere qualche cosa di meraviglioso che rischiamo di perdere

    ciao simona

  6. Alisia4ever 08 dicembre 2009 ore 18:11
    fa che sia il tuo cuore a scegliere la meta, e la ragione a cercare la via.
    :rosa
  7. friarielle 09 dicembre 2009 ore 00:41

    ... gli indiani d'america, popoli che erano un tutt'uno con la natura, che sdapevano cosa andava preso e la quantità da prendere. La natura era stata messa a disposizione dei popoli dal Grande Spirito perciò l'uomo doveva rispettare quel dono.

    Augh così parlò friarielle della tribù dei Piedi stanchi :ok

  8. Linda.75 10 dicembre 2009 ore 21:29
    Vivono in simbiosi con la natura...
    Ho trovato questa:
    Noi sappiamo che la Terra non appartiene all' a uomo, è l'uomo che appartiene alla Terra.Questo sappiamo. Tutte le cose sono collegate come il sangue che unisce una famiglia. Tuto è connesso. Quello che accade alla terra accade ai figli della Terra. L'uomo non ha tessuto la trama della vita, in essa egli non è che un filo. Qualsiasi cosa egli faccia alla trama la fa a se stesso (Capo pellerossa Seattle)
    Volevo postarlo, ma visto che sei in tema, ho pensato di aggiungerlo, se sei d'accordo.
    Saluto .
    K.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.