Lo psicologo 02

29 luglio 2011 ore 16:05 segnala
La causa dei nostri fallimenti

Fra i molti che mi scrivono, leggo continuamente storie di relazioni distrutte, rovinate da interminabili verbosità prodotte come tesi nella ricerca del piacere.
Ma perché continuate a preferire un semplice orgasmo biologico “un piacere di pochi secondi” rifuggendo alle proposte costruite con il cuore di una persona che invece vorrebbe amarvi per tutta la vita?... regalando a voi veramente se stessa?

Perché nei vostri profili vi spacciate per sentimentalisti, dolci e teneri, quando poi vi accontentate carnalmente di una semplice avventura?

E ancora... Perché sono anni che cercate la persona giusta, ma non riuscite proprio mai a trovarla?
- - - - -
(B.P. Keeney) Nell’analisi didattica le relazione degli uomini con l’ambiente, o meglio con gli l’altri, si possono attuare due modelli fondamentali: uno è il "modello del pugilato" in cui due agenti lottano simmetricamente per la vittoria.
L’altro è il "modello della colleganza" in cui uomo e ambiente sono considerati complementari. Così come sostenevano Rudolf Steiner, Platone e molti altri.

Dovete legittimamente e obbligatoriamente decidere in quale posizione porvi nella vita, nel rispetto del terzo principio della logica aristotelica, vige tale dualismo che non lascia alternative.
1) Contrapposizione - (le armi sono l’orgoglio e la rivalità)
2) Condivisione - (le armi sono l’umiltà di accettare se stessi come gli altri e l’amore vero dettato dal cuore).

Molti anni fa ai tempi della laurea, ero giovane e capivo poco niente di tutto questo, ero uno stupido somaro, poi dopo aver conosciuto e studiato Freud, Jung, Pierre Daco e altri grandi della psicanalisi, come anche i più importanti nomi della letteratura, mi accorsi che optavano indistintamente tutti per la seconda definizione.
I più grandi uomini della storia, coloro che hanno fatto il mondo, coloro che avrebbero potuto avvalersi perentoriamente e imponendosi con l’arma bestiale del proprio orgoglio, rifuggivano da questo, promulgando invece i benefici prodotti dalla linea di azione citata al capo (2) sopra.

ABBIATE FIDUCIA IN QUESTO

Se fate per primi una carezza a qualcuno, non riceverete mai un pugno di risposta.

ATTENZIONE: Dal cancro e dal tumore oggi si può guarire, ma dalla malattia dell’orgoglio si vive solo come da morti.

L'orgoglio nasce dal cervello e non dal cuore, può avere gusti raffinati ma richiede solo privilegi meschini.
L'orgoglio in effetti è la virtù dell'infelice, che ricerca eternamente ciò che non esiste, viaggia a braccetto con l’invidia, nel voler concretizzare quello che non si è o non si dispone.
L'orgoglio, l'immancabile vizio degli stolti, che spesso piangono e si compiangono, nasce dal bisogno di far colpo su voi stessi e sugli altri esibendo qualità mai possedute.
Nella maturità vengono riconosciuti i propri limiti, si agisce con umiltà e si accettano serenamente le inevitabili differenze fra sé e i propri simili. Quindi è chiaro che più accetterete i vostri limiti e più vedrete dileguarsi la vostre frustrazioni.
- - - - -
Quindi è chiaro che la saggezza consiste nell’accettarsi, e non nel giustificarsi sempre e comunque con strategiche ilazioni pretestuose e infondate.

Se leggendo questo blog vi sentite infastiditi, allora avete ritrovato la parte peggiore di voi stessi in queste parole.
- - - - -
Se invece vi ritrovate consenzienti in queste righe, allora state sicuramente maturando il più grande processo evolutivo relativo ai sentimenti... che viene chiamato...
AMORE

Vi ringrazio...
Riccardo
150b48ca-469c-4e16-b89d-cdfba9927327
La causa dei nostri fallimenti Fra i molti che mi scrivono, leggo continuamente storie di relazioni distrutte, rovinate da interminabili verbosità prodotte come tesi nella ricerca del piacere. Ma perché continuate a preferire un semplice orgasmo biologico “un piacere di pochi secondi” rifuggendo...
Post
29/07/2011 16:05:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. Laura.1966 29 luglio 2011 ore 22:01
    Le cose importanti sono proprio riservate a pochi...
  2. masterplutone 20 aprile 2012 ore 16:54
    E guarda caso essere tra quei pochi è sempre un'impresa ardua...ciao

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.