Voglio volare!

25 gennaio 2021 ore 03:17 segnala
Piove nel silenzio.
Un'orchestra di gocce si sussegue nella quiete di una platea dormiente.
Immagino così le strade, fuori.
Immagino che quando non le guarda nessuno e siamo tutti chiusi in casa,
si tingano di un colore diverso di quello dell'asfalto e si spengano i lampioni.

Forse, fuori, a quest'ora ci sono tinte completamente differenti,
Un tripudio di cromature in festa, lontano dagli sguardi di chi non le sa apprezzare.
Se non fosse per questa clausura, uscirei ad assaporarle.
Quattro pareti asettiche, che ormai sembrano più di plastica, che di cemento.

Non è facile essere uno sparviero capace di dominare le vette più irte.
Non lo è quando hai vissuto anni rintanato in un angolo perché non avevi le ali,
scopri di esserlo quando le spalanchi al vento, ma ti ritrovi chiuso in gabbia.

Vorrei fosse più semplice l'aria che respiro.
Cerchi di essere migliore, ma scopri che tanto non c'è nessuno a sostenere il passo.
Cosa stavo cercando? Cosa cercavo quando un corpo copriva i miei brividi per una sola, fugace notte?
Cosa cercavo se quello che rimaneva di me era solo un attimo di piacere che non cancellava la solitudine, ma sbiadiva il mio nome?

Cosa cerco ora? Se non solo due parole sterili, a tratti scortesi, che nulla danno e tutto tolgono a un sentimento di affetto, che poi alla fine non è nemmeno meritato?
Perché guardo certe immagini che tutto sono, meno che il ritratto del sorriso che sto inseguendo?
Io che voglio unicità, che maledico il mio cuore per non accontentarsi.
Io che non voglio più attimi, voglio un momento eterno e contraddistinto dalle parole: ti amo! Voglio dirlo, voglio ascoltarlo! Voglio esserne sopraffatto!

Se questo è volare, aprite questa gabbia! Apritela! squarciatela! Distruggetela!
Questo non è il cielo che ho sognato per me! Solo perché vivere in tutte le dimensioni fa più paura di tutto, perché si può precipitare.
Questo non è cielo! Sono solo quattro pareti di plastica e nulla più.

Io voglio solo, all'improvviso, poter incontrare chi avrà spiccato il volo come me,
incrociare lo sguardo, perdere me stesso e gridare: sono innamorato!!!
Per sempre.

Il suono della neve

11 dicembre 2020 ore 00:31 segnala
Apprezzo e ammiro chi sa percorrere anche i più impervi sentieri della propria vita, stando in equilibrio fra il cadere e il decollare.
Chi sa illuminare il proprio sguardo con la curiosità e lo stupore nei confronti dei piccoli dettagli, degli accordi ben confezionati o quelli volutamente stonati di uno spartito.
Chi si sa entusiasmare per un'emozione incontenibile, per un sapore delicato o per il suono della neve.
Adoro chi sa danzare su un filo e lo fa magnificamente forte della propria conoscenza, della propria cultura e delle proprie parole, senza alcuna paura, senza nessun abisso.
E' chi guardo con meraviglia, come si guarda una stella lontana, immaginando di poterne cogliere, un giorno, la vastità e di poterne delineare i confini... pur sapendo di non poterlo fare.
d85997f0-3b41-44ec-8253-87894aead47a
Apprezzo e ammiro chi sa percorrere anche i più impervi sentieri della propria vita, stando in equilibrio fra il cadere e il decollare. Chi sa illuminare il proprio sguardo con la curiosità e lo stupore nei confronti dei piccoli dettagli, degli accordi ben confezionati o quelli volutamente stonati...
Post
11/12/2020 00:31:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Arms

29 novembre 2020 ore 05:45 segnala
Ecco che torna a piovere di nuovo
Proprio quando credevi che il cielo fosse schiarito
e torna spirare quel vento freddo che col suo gelo
fa sentire le spalle ancor più scoperte.

Ti convinci troppo in fretta di non essere forte per il tuo mondo
ma questo timore è solo il preludio alla tua prossima composizione magistrale
che dimostrerà quanto, in realtà, tu lo sia già.

Il tempo sembra una partitura troppo veloce per le tue dita
e ci metti il peso di dover ricominciare come da principio
Perfino ora che delle decisioni sbagliate ti sembrano macigni che ti schiacciano
Non rinnegarle! Tienile strette senza alcuna vergogna!

Presto scoprirai che quelle sono le migliori per delineare il tuo splendido ritratto
E che nessuno potrà mai farti distogliere lo sguardo
che saranno uomini come o diversi da me a dover alzare lo sguardo per vederti

io lo so, lo vedo chiaramente, il coraggio e la risolutezza insite in te
apri le tue braccia...
apri le tue braccia a me.

Riesco a percepire il buio che ti disorienta
che ti fa credere di calpestare solo impervi sentieri polverosi
non è certo il momento più adatto di affrontarli da soli.

Ora prendi qualsiasi sovrastruttura retta da orgoglio e imbarazzi
e fanculo! gettale nell'angolo più remoto del tuo cuore stropicciato
e adesso che è tornato a piovere e quel fottuto gelo raffredda le tue spalle scoperte
apri le tue braccia...
apri le tue braccia a me!

So che può sembrare il passo più difficile, più pesante
che ogni trascorso possa solo strozzare le parole come le intenzioni
ma vedrai quante opportunità avrai di fronte a te
se a scoprirle ci saranno due occhi e il sorriso di un amico in più

perché io lo so, lo vedo chiaramente, decisione e carattere in te
apri le tue braccia...
apri le tue braccia a me!

sì io lo so, lo vedo chiaramente, che puoi solo andare a testa alta per come sei
e io non posso avere rabbia o dispiacere di fronte alla luce splendente della tua emancipazione
Non posso che avere ammirazione per la persona che sei
perciò giorno, o notte che sia
apri le tue braccia...
apri le tue braccia a uno che ti vuole bene come me.

prendi il tuo nome e gridalo forte, io lo urlerò insieme a te
apri le tue braccia...
apri le tue braccia a me!
501706a7-b9d2-44e7-bb3e-22da1ad1f7d7
Ecco che torna a piovere di nuovo Proprio quando credevi che il cielo fosse schiarito e torna spirare quel vento freddo che col suo gelo fa sentire le spalle ancor più scoperte. Ti convinci troppo in fretta di non essere forte per il tuo mondo ma questo timore è solo il preludio alla tua prossima...
Post
29/11/2020 05:45:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Cercando

21 luglio 2020 ore 17:08 segnala
Sogni sepolti sotto le polvere della routine
freddi e scoloriti, fuggono via.
E' forse un'unicità quella cerchiamo?
Un lampo che sappia farci risplendere?

Ciò che il mio cuore continua a desiderare disperatamente
E' una mano che dia armonia al ritmo di ogni battito frenetico.
Un sorriso che sappia farmi respirare
Quando fuori si lotta per un sospiro di aria fresca.

E tutto quello che un uomo potrà dare di sé
sarà accompagnare i suoi passi, renderla più forte.
Vederla camminare libera, con decisione e determinazione
alla conquista della Donna che diventerà
E saperlo fare dietro le quinte... solo per lei.

E' una carovana di emozioni.
Un circo delle lacrime quando sfugge via.
E' tanto difficile non sentirsi soli?
Trovare un'anima che si incastri perfettamente alla nostra?

Per tutte le volte che ho creduto di saper essere all'altezza
pugni di sabbia sono scorsi via dalle mie dita
E così è stato per le labbra che ho baciato
o per quelle che avrei voluto, se non avessi atteso tanto.

Quello che resta oltre la coltre dei ricordi
E' un bisogno frenetico di poter essere amato
Di poter proteggere qualcuno dentro in ogni abbraccio
e insieme essere le note di una melodia infinita!
La natura dello spazio che ci circonda non conta, quando ci si ama...

Tutto ciò che sogno è una porzione di felicità.
Sapere che qualcuno sappia avere cura delle mie fragilità.
Lasciarsi abbandonare, l'uno fra le braccia dell'altro
due cuori uniti non temono nemmeno i solchi delle lame!
Quanto fa male desiderare tutto questo? Beh, io non ce l'ho.

fe278a56-9c09-4469-9e91-64d4fa14d177
Sogni sepolti sotto le polvere della routine freddi e scoloriti, fuggono via. E' forse un'unicità quella cerchiamo? Un lampo che sappia farci risplendere? Ciò che il mio cuore continua a desiderare disperatamente E' una mano che dia armonia al ritmo di ogni battito frenetico. Un sorriso che sappia...
Post
21/07/2020 17:08:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment

Il suono oltre la barriera

18 luglio 2020 ore 05:22 segnala
Non è con i sogni che si costruisce un bacio che accarezza le labbra.
Non è con i sospiri che si plasma un idillio potenziale.
E non è con le incertezze che si alimenta un fuoco inarrestabile.

A volte ti sembra che un suono, una voce, sono mille volte più entusiasmanti degli accordi delle canzoni che ami di più.
Può essere più bello della pienezza del pianoforte di Billy Joel
Dell'unicità e la dolcezza degli assoli di Brian May
Può essere più intimo del basso di Paul McCartney
Più potente dei colpi di batteria di Phil Collins
E più struggenti della voce di David Bowie.

All'improvviso si trasforma tutta la playlist delle tue emozioni
Muta l'interesse e l'obiettivo dove cadrà, desideroso, il tuo sguardo.
Improvvisamente ti ritrovi proiettato in una realtà che non sapevi immaginare.
Così lontana, così diversa da ciò che hai sempre detto di volere.

Eppure cominci a respirare, più forte, perché vuoi sentirne il profumo.
Tanto è inconcepibile, quanto è forte l'impulso di un desiderio che è un calore incessante che ti folgora, quasi ti consuma dentro.
E cerchi disperatamente di tenere premuto il freno di un bolide a malapena controllabile, perché sai che se scappa al tuo controllo, ti potrà far male...

Ma è così incredibilmente emozionante, entusiasmante, eccitante spingere oltre e lasciarsi andare a un sentimento che sa d'incanto.
0e93328e-8d27-4758-b442-82a5d3dc8f85
Non è con i sogni che si costruisce un bacio che accarezza le labbra. Non è con i sospiri che si plasma un idillio potenziale. E non è con le incertezze che si alimenta un fuoco inarrestabile. A volte ti sembra che un suono, una voce, sono mille volte più entusiasmanti degli accordi delle canzoni...
Post
18/07/2020 05:22:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    2

L'ora buia

06 aprile 2020 ore 05:09 segnala
Afferra la mia mano, in quest'ora così buia
vedrai che il silenzio di questi giorni sarà presto lontano.
Assapora il pensiero dei miei abbracci, così forti, decisi e appassionati
così vicini, nonostante debbano essere lontani.

Non sentirti solo, non sentirti sola, se hai paura che la terra possa cedere sotto i tuoi piedi,
Io non ti lascerò cadere, non mollerò la presa, quando il tuo viso avrà bisogno di sapere che andrà tutto bene.

Quando sarai stanco, stanca di lottare contro un mostro silenzioso, stanco di sudare dietro un pezzo di cotone, stanca di perdere troppe battaglie... Io sarò lì con te. Non ho mai smesso di esserci. Io sono con te perché ogni singolo sforzo non è mai vano, perché la lotta in quest'ora buia, non è mai uno spreco, non è persa.

Non lascerò solo neanche te, quando si spegneranno le luci.
Non sarai sola quando allo stremo delle forze, sentirai nel cuore che la tua vita l'hai vissuta.
Quando avrai bisogno di sentire vicino uno sguardo di amore, mentre mi starai lasciando.
Tutta la tua vita ne sarà valsa la pena e per questo ti accompagno, nel momento in cui sembra che nessuno possa farlo.
E non sarà colpa tua se la bestia ti avrà colpito, è un'ora buia, ma io ti illumino.

La mia mano resta tesa anche per chi sarà rimasto senza un saluto, per chi sarà rimasta a contare i frammenti del cuore.
La mia spalla per le lacrime, il mio sorriso per ricominciare.
Sarà tutto ciò che ho di me, per superare il dolore di non poter esser stato al suo fianco, di non aver potuto dare un bacio, di non poter esser stata presente per un ultimo, prezioso, saluto.

Non sentitevi soli, persi in quest'ora buia, perché io non lo permetto.
E' proprio questo momento in cui le mie braccia saranno più aperte
e non manca lo spazio, né la forza di contenervi, di stringervi a me.
Io non ho timore, anche se anch'io sarò triste.
Io non ho freddo, anche se sono momenti così gelidi
perché mai come in questi giorni saranno le uniche volte in cui, per ognuno di voi, tenderò la mia mano e non avrò paura del buio.

Vi voglio bene. Vi sono vicino.

a9a8d00e-159b-47ad-86df-69beab669e73
Afferra la mia mano, in quest'ora così buia vedrai che il silenzio di questi giorni sarà presto lontano. Assapora il pensiero dei miei abbracci, così forti, decisi e appassionati così vicini, nonostante debbano essere lontani. Non sentirti solo, non sentirti sola, se hai paura che la terra possa...
Post
06/04/2020 05:09:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment

Penny

01 marzo 2020 ore 22:49 segnala
Sei tu,
fra le mie mani, nel mio cuore.
Penetri nei miei turbamenti e mi riporti alla calma.
Mi doni pace e gioia, anche quando una giornata pesa oltre le aspettative.

Ti guardo pensando che sono felice che il destino ti abbia portata a me.
Nonostante quel destino sembrava volerti portare alla deriva, fin dall'inizio.
E il mio... il mio che mi ha tenuto lontano per tanti mesi,
sembrava aver scritto che ci dovessimo incontrare di rado.

Ora non più. Ora sei quei momenti del giorno e della sera
in cui io finalmente sono sereno con me stesso.
Sei un amore che pochi comprendono e molti deridono
sei le carezze che mi chiedi, ogni singola volta in cui fai ritorno a casa.

Ti ho voluta libera, fin dal principio, nonostante sia una scelta rischiosa.
Ma non sono in grado di tenere chiuso un affetto, che si tratti di una persona...
o, nel tuo caso, di un'animaletto di compagnia... un'amica.

E potrà sembrare folle, o magari infantile, voler scrivere l'affetto per un essere così diverso da noi.
Ma io riesco a essere felice, nonostante tutto. Nonostante gli sbagli, nonostante gli amori persi, nonostante vorrei poter cambiare tante cose e non averne perse tante altre, perché quando sei fra le mie mani, nel mio cuore...
Io sono felice.
3e00f528-b83f-4632-b514-95d1fa41e083
Sei tu, fra le mie mani, nel mio cuore. Penetri nei miei turbamenti e mi riporti alla calma. Mi doni pace e gioia, anche quando una giornata pesa oltre le aspettative. Ti guardo pensando che sono felice che il destino ti abbia portata a me. Nonostante quel destino sembrava volerti portare alla...
Post
01/03/2020 22:49:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

"A bottle of Red, A bottle of White"

31 dicembre 2019 ore 03:55 segnala
Il nuovo anno porta sempre un'aspettativa
una serie di propositi che nel 90% dei casi vengono disattesi.
Forse, stavolta, voglio aspettare e vivere l'anno nuovo in modo diverso.
Non mi aspetto nulla.
Lo vivrò per quello che saprà offrirmi, per quello che io saprò offrire a me stesso.
Sarà un cammino: prima un passo, poi l'altro e così via.
Le stampelle le ho abbandonate ormai da 3 anni, perciò dovrei riuscire a non cadere.
E poi mi metterò in tasca i sorrisi che riceverò,
così che possa guardarli quando ci sarà qualche giornata un po' fredda.
E metterò le voci delle persone alle quali voglio bene, nella playlist,
così che possano darmi il ritmo giusto durante il viaggio.
Può darsi che non sia poi così male lanciarsi senza rete.
L'unico proposito che tengo stretto fra le mani e che varrà il mio 10% dei casi che non vengono disattesi,
è il non dovermi più pentire, col nuovo anno.
Questa, con oggi, è l'ultima volta in cui dirò:
Mi dispiace averti delusa. Mi dispiace essermi comportato come uno stronzo.
Mi dispiace essere stato superficiale e non aver rispettato il tuo cuore.
Mi dispiace essere cresciuto quando ormai era tardi...
Ma sono felice che tu stia bene e abbia trovato qualcuno che non deve scusarsi come me.

Sarà un bell'anno, se ho questa pace nel cuore.
Sarà un bell'anno, se porterò con me chi amo, ho amato e amerò.

...E per un bel ricordo: "I'll meet You anytime You want in Our Italian Restaurant"


www.youtube.com/watch?v=Hxx8IWIvKg0
c66bee31-e310-4e87-bd6b-2e94d904ca91
Il nuovo anno porta sempre un'aspettativa una serie di propositi che nel 90% dei casi vengono disattesi. Forse, stavolta, voglio aspettare e vivere l'anno nuovo in modo diverso. Non mi aspetto nulla. Lo vivrò per quello che saprà offrirmi, per quello che io saprò offrire a me stesso. Sarà un...
Post
31/12/2019 03:55:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    6

La fine della guerra fredda

24 settembre 2019 ore 21:53 segnala
Due monti, due mari, due climi diversi.
Un sole e una luna, una sola l'alba, uno il tramonto.
Stesso il piacere nello scoprire, nel voler sorridere,
rendevano le loro nazioni personali uniche e apparentemente indivisibili.

Poi vennero i dettagli divisori. La voglia di volere troppo, o troppo poco.
Vennero le incomprensioni mal spiegate e quelle mal gestiste.
Si acuivano i solchi nella terra, nelle mani, nei mancati sguari
Finché scoprirono confini invalicabili, fino a poco tempo prima invisibili.

E poi? Cosa resta di un conflitto inesploso?
Resta il gelo oltre il calore del sole.
Resta la voglia di vedere chi o cosa c'è dalla parte opposta
ma l'impossibilità di chiedere, di stringersi la mano di nuovo, di ascoltarsi.

Restano ricordi e affetti mai sopiti, sepolti a forza dal tempo e la mancanza di fiducia.
Resta inseguire quella linea sottile di pace desiderata e mai perseguita.
Rimangono le parole non dette, i passi non fatti, i tempi maturi che marciscono,
le albe e i tramonti che erano unici e che lo sono nonostante il tempo trascorso.

Alla fine basterebbe un gesto. Basterebbe che nessuna nazione personale lo temesse
e finirebbe una stupida guerra fredda, che oltre a rendere il silenzio, unica musica ascoltabile, rende grigio e freddo il cielo.
50804258-0657-487b-b448-3a0537e3d1e5
Due monti, due mari, due climi diversi. Un sole e una luna, una sola l'alba, uno il tramonto. Stesso il piacere nello scoprire, nel voler sorridere, rendevano le loro nazioni personali uniche e apparentemente indivisibili. Poi vennero i dettagli divisori. La voglia di volere troppo, o troppo...
Post
24/09/2019 21:53:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment

Per un'amica che non c'è più

13 settembre 2019 ore 00:59 segnala
E' in questa notte, simile nel disegno a quella in cui sei andata via, che torno a impugnare la penna per ricordare le tue risate.
Un suono che è rimasto dentro a chi ti ha conosciuta, a chi ti ha amata e a chi hai fatto impazzire coi tuoi modi insistenti, ma tutto sommato piacevoli.
E ora che sono dieci anni che quel filo si è spezzato e troppi sentieri sono mutati nel tempo, provo ancora quel senso di privazione in petto... vorrei tu fossi qui.
Non sei mai andata via, nonostante sia cresciuto.
Ho promesso a me stesso che ti avrei portata in giro a conoscere la mia vita e ho promesso che l'avrei vissuta con la tua passione. Lo sto facendo.
Sono ancora scolpite, nei miei diari, le parole che avevi per me. Quando rimproveravi i miei capricci da immaturo e coloravi le mie cadute per farle sembrare meno imbarazzanti.
Lo hai sempre fatto con tutti, nonostante le tue difficoltà.
Sono quelle che ti spingevano a ridere appena possibile e sono anche quelle che hanno contribuito a portarti via così presto.

Ho fatto enormi sbagli. Prima con te, poi con me stesso.
Ed è per questo che ho preso le lacrime e le ho trasformate in un acquarello.
Non è stato affatto facile riprendere a camminare, non ero preparato a sentire che ti voglio bene solo attraverso il ricordo. Perché nonostante spesso fossimo distanti, il tuo cuore era
gentile ospite nel mio.
Va tutto bene, come hai sempre detto tu.
Il segreto non era inseguire quanto si è cancellato o distrutto dalla tua perdita, il segreto era costruire qualcosa di meglio, ispirato dai contorni del tuo sorriso.
E oggi, 13 Settembre 2019, vedo nitido ciò che voglio, ho imparato a dire che voglio bene alle persone come avrei dovuto fare con te.
Ho scoperto con incredibile gioia il valore profondo di un abbraccio e quanto non sia poi così pesante un sacrificio, se è un investimento per un valore più ampio e questo, cara la mia Anna, l'ho imparato da te.
L'ho imparato nei ricordi sbiaditi, nelle lettere che ho ritrovato e riletto troppo tardi e mi bruciavano gli occhi e nel suono della tua risata che è incredibilmente vivo dentro me.
E adesso che ho rialzato la testa e ho riscoperto come si fa a ridere, ora che cado sempre meno e sei indelebilmente una parte essenziale di ciò che sono...
oggi ciò che mi manca sei solo tu.

Ti voglio bene Anna. Grazie di essere nel mio cuore.
3ceac140-3815-407f-a89a-f023135b4027
E' in questa notte, simile nel disegno a quella in cui sei andata via, che torno a impugnare la penna per ricordare le tue risate. Un suono che è rimasto dentro a chi ti ha conosciuta, a chi ti ha amata e a chi hai fatto impazzire coi tuoi modi insistenti, ma tutto sommato piacevoli. E ora che sono...
Post
13/09/2019 00:59:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    8