La fine della guerra fredda

24 settembre 2019 ore 21:53 segnala
Due monti, due mari, due climi diversi.
Un sole e una luna, una sola l'alba, uno il tramonto.
Stesso il piacere nello scoprire, nel voler sorridere,
rendevano le loro nazioni personali uniche e apparentemente indivisibili.

Poi vennero i dettagli divisori. La voglia di volere troppo, o troppo poco.
Vennero le incomprensioni mal spiegate e quelle mal gestiste.
Si acuivano i solchi nella terra, nelle mani, nei mancati sguari
Finché scoprirono confini invalicabili, fino a poco tempo prima invisibili.

E poi? Cosa resta di un conflitto inesploso?
Resta il gelo oltre il calore del sole.
Resta la voglia di vedere chi o cosa c'è dalla parte opposta
ma l'impossibilità di chiedere, di stringersi la mano di nuovo, di ascoltarsi.

Restano ricordi e affetti mai sopiti, sepolti a forza dal tempo e la mancanza di fiducia.
Resta inseguire quella linea sottile di pace desiderata e mai perseguita.
Rimangono le parole non dette, i passi non fatti, i tempi maturi che marciscono,
le albe e i tramonti che erano unici e che lo sono nonostante il tempo trascorso.

Alla fine basterebbe un gesto. Basterebbe che nessuna nazione personale lo temesse
e finirebbe una stupida guerra fredda, che oltre a rendere il silenzio, unica musica ascoltabile, rende grigio e freddo il cielo.
50804258-0657-487b-b448-3a0537e3d1e5
Due monti, due mari, due climi diversi. Un sole e una luna, una sola l'alba, uno il tramonto. Stesso il piacere nello scoprire, nel voler sorridere, rendevano le loro nazioni personali uniche e apparentemente indivisibili. Poi vennero i dettagli divisori. La voglia di volere troppo, o troppo...
Post
24/09/2019 21:53:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.