Voglio volare!

25 gennaio 2021 ore 03:17 segnala
Piove nel silenzio.
Un'orchestra di gocce si sussegue nella quiete di una platea dormiente.
Immagino così le strade, fuori.
Immagino che quando non le guarda nessuno e siamo tutti chiusi in casa,
si tingano di un colore diverso di quello dell'asfalto e si spengano i lampioni.

Forse, fuori, a quest'ora ci sono tinte completamente differenti,
Un tripudio di cromature in festa, lontano dagli sguardi di chi non le sa apprezzare.
Se non fosse per questa clausura, uscirei ad assaporarle.
Quattro pareti asettiche, che ormai sembrano più di plastica, che di cemento.

Non è facile essere uno sparviero capace di dominare le vette più irte.
Non lo è quando hai vissuto anni rintanato in un angolo perché non avevi le ali,
scopri di esserlo quando le spalanchi al vento, ma ti ritrovi chiuso in gabbia.

Vorrei fosse più semplice l'aria che respiro.
Cerchi di essere migliore, ma scopri che tanto non c'è nessuno a sostenere il passo.
Cosa stavo cercando? Cosa cercavo quando un corpo copriva i miei brividi per una sola, fugace notte?
Cosa cercavo se quello che rimaneva di me era solo un attimo di piacere che non cancellava la solitudine, ma sbiadiva il mio nome?

Cosa cerco ora? Se non solo due parole sterili, a tratti scortesi, che nulla danno e tutto tolgono a un sentimento di affetto, che poi alla fine non è nemmeno meritato?
Perché guardo certe immagini che tutto sono, meno che il ritratto del sorriso che sto inseguendo?
Io che voglio unicità, che maledico il mio cuore per non accontentarsi.
Io che non voglio più attimi, voglio un momento eterno e contraddistinto dalle parole: ti amo! Voglio dirlo, voglio ascoltarlo! Voglio esserne sopraffatto!

Se questo è volare, aprite questa gabbia! Apritela! squarciatela! Distruggetela!
Questo non è il cielo che ho sognato per me! Solo perché vivere in tutte le dimensioni fa più paura di tutto, perché si può precipitare.
Questo non è cielo! Sono solo quattro pareti di plastica e nulla più.

Io voglio solo, all'improvviso, poter incontrare chi avrà spiccato il volo come me,
incrociare lo sguardo, perdere me stesso e gridare: sono innamorato!!!
Per sempre.

f75250c8-357e-430a-b1ef-bdf8cc198792
Piove nel silenzio. Un'orchestra di gocce si sussegue nella quiete di una platea dormiente. Immagino così le strade, fuori. Immagino che quando non le guarda nessuno e siamo tutti chiusi in casa, si tingano di un colore diverso di quello dell'asfalto e si spengano i lampioni. Forse, fuori, a...
Post
25/01/2021 03:17:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.