Diario Postumo.

27 gennaio 2015 ore 18:20 segnala
... io lo dedico ad ARM questo post. ad uopo. un pò di fede e di speranza. allegria. c'è sempre tempo per morire. bisogna ridere, morendo un pò.


Cos'è Diario postumo


È un archivio di pensieri, moralità, note in margine: riflessioni sui tempi e sui costumi, su poesia e letteratura, verità e errori d'epoca – brani scritti nell'arco di tre decenni e riferibili, in particolare, alla società italiana contemporanea.


Perché Diario postumo?
Perché è postumo ai pensieri o agli eventi che gli hanno dato vita.
Perché chi lo ha scritto è morto e ora non ne è che il curatore.
Perché chi lo ha scritto è ancora vivo, e queste pagine sono del genere che di solito si pubblica dopo la morte.
Perché l’autore si vede morto e sepolto e la sua esistenza e quello che scrive, tutto è postumo...
Gianfranco Palmery

Informazioni.
Introduzione: Gianfranco Palmery, nato e vissuto a Roma, è stato poeta e saggista. Ha pubblicato sedici libri di versi e numerose prose sparse in quotidiani e riviste, in parte raccolte in quattro volumi. Critico letterario per alcuni anni del quotidiano «Il Messaggero», ha fondato e diretto la rivista di letteratura «Arsenale». Ha tradotto, per le edizioni Il Labirinto, poesie di Keats, Shelley, Berryman, Sponde, Corbière, Stéfan. Dopo una lunga malattia, è morto a Roma il 28 luglio 2013.


Sonetto

Non sollevare il velo dipinto che chiama
chi vive Vita: benché di forme irreali istoriato
si trasfiguri solo in quello che vogliamo
credere con colori sparsi a caso – dietro in agguato
ha Paura e Speranza, sorti gemelle, sempre a tessere
le loro ombre sul cupo e cieco baratro.
Conobbi uno che l’aveva sollevato – in cerca,
era tenero il suo perso cuore, di cose da amare, ma
non ne trovò, ahimè, né c’era un’offerta
del mondo, una, che potesse approvare.
Passò tra gli sbadati, i tanti, un fulgore
in mezzo alle ombre, una macchia lucente
su questa buia scena, uno spirito teso
verso il vero, e come il Predicatore non trovò niente.

I versi sono tratti da Percy Bysshe Shelley, Alla Notte e altre poesie, traduzione di Gianfranco Palmery, Il Labirinto, Roma 2002.

45042de6-9b34-4452-bb70-fa9b3efbe351
... io lo dedico ad ARM questo post. ad uopo. un pò di fede e di speranza. allegria. c'è sempre tempo per morire. bisogna ridere, morendo un pò. Cos'è Diario postumo È un archivio di pensieri, moralità, note in margine: riflessioni sui tempi e sui costumi, su poesia e letteratura, verità e...
Post
27/01/2015 18:20:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. Odirke 27 gennaio 2015 ore 18:22
    Con quest'ultima immagine mi hai ipnotizzato il criceto da compagnia.

    Semper Fidelis
  2. MorganaMagoo 27 gennaio 2015 ore 18:32
    hahahaha, non è l'unico...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.