leggila e' bellissima

17 settembre 2010 ore 20:53 segnala

Leggila è bellissima...tutta di un fiato...non ti fermare all'apparenza...grazie...


Questa e-mail mi è arrivata tramite un amico e mi ha commosso molto,
> >>> volevo   che anche tu la leggessi. Ricordati che TU fai la differenza. Non
> >>> cercare  mai mezzi termini: non ce ne sono.
> >>> se vuoi puoi copiarla e inviarla a chi vuoi tu.
> >>>
> >>>
> >>> Ad una cena di beneficenza per una scuola che cura bambini con problemi
> >>> di  apprendimento, il padre di uno degli studenti fece un discorso che non
> >>> sarebbe mai più stato dimenticato da nessuno dei presenti. 
     Dopo aver lodato la scuola ed il suo eccellente staff, egli pose una domanda:
> >>> Quando non viene raggiunta da interferenze esterne, la natura fa il suo
> >>> lavoro con perfezione. Purtroppo mio figlio Shay non può imparare le
> >>> cose nel modo in cui lo fanno gli altri bambini. Non può comprendere
> >>> profondamente le cose come gli altri. Dov'è il naturale ordine delle
> >>> cose quando si tratta di mio figlio?'
> >>>
> >>> Il pubblico alla domanda si fece silenzioso.
> >>>
> >>> Il padre continuò: 'Penso che quando viene al mondo un
> >>> bambino come Shay, handicappato fisicamente e mentalmente, si presenta
> >>> la  grande opportunità di realizzare la natura umana e avviene nel modo in
> >>> cui le altre persone trattano quel bambino.'
> >>>
> >>> A quel punto cominciò a narrare una storia:
> >>>
> >>> Shay e suo padre passeggiavano nei pressi di un parco dove Shay sapeva
> >>> che c'erano bambini che giocavano a baseball.
> >>> Shay chiese: 'Pensi che quei ragazzi mi faranno giocare?'
> >>> Il padre di Shay sapeva che la maggior parte di loro non avrebbe voluto
> >>> in squadra un giocatore come Shay, ma sapeva anche che se gli fosse stato
> >>> permesso di giocare, questo avrebbe dato a suo figlio la speranza di
> >>> poter essere accettato dagli altri a discapito del suo handicap, cosa di cui
> >>> Shay aveva immensamente bisogno.
> >>>
> >>> Il padre si Shay si avvicinò ad uno dei ragazzi sul campo e chiese (non
> >>> aspettandosi molto) se suo figlio potesse giocare.
> >>> Il ragazzo si guardò intorno in cerca di consenso e
> >>> disse: 'Stiamo perdendo di sei punti e il gioco è all'ottavo inning.
> >>> Penso che possa entrare nella squadra: lo faremo entrare nel nono' Shay
> >>> entrò nella panchina della squadra e con un sorriso enorme, si mise su
> >>> la maglia del team.
> >>> Il padre guardò la scena con le lacrime agli occhi e con un senso di calore nel petto.
> >>> I ragazzi videro la gioia del padre all'idea che il figlio fosse
> >>> accettato dagli altri.
> >>> Alla fine dell'ottavo inning, la squadra di Shay prese alcuni punti ma
> >>> era sempre indietro di tre punti.
> >>> All'inizio del nono inning Shay indossò il guanto ed entrò in campo.
> >>> Anche se nessun tiro arrivò nella sua direzione, lui era in estasi solo
> >>> all'idea di giocare in un campo da baseball e con un enorme sorriso che
> >>> andava da orecchio ad orecchio salutava suo padre sugli spalti.
> >>> Alla fine del nono inning la squadra di Shay segnò un nuovo punto: ora,
> >>> con  due out e le basi cariche si poteva anche
> >>> pensare di vincere e Shay era incaricato di essere il prossimo alla
> >>> battuta.
> >>>
> >>> A questo punto, avrebbero lasciato battere Shay anche se significava
> >>> perdere la partita? Incredibilmente lo lasciarono battere. Tutti sapevano che
> >>> era una cosa impossibile per Shay che non sapeva nemmeno tenere in mano la
> >>> mazza, tantomeno colpire una palla.
> >>> In ogni caso, come Shay si mise alla battuta, il lanciatore, capendo che
> >>> la squadra stava rinunciando alla vittoria in cambio di quel magico momento
> >>> per Shay, si avvicinò di qualche passo e tirò la palla così piano e mirando
> >>> perché Shay potesse prenderla con la mazza.
> >>> Il primo tirò arrivò a destinazione e Shay dondolò goffamente mancando
> >>> la  palla.
> >>> Di nuovo il tiratore si avvicinò di qualche passo per tirare dolcemente
> >>> la palla a Shay.
> >>> Come il tiro lo raggiunse Shay dondolò e questa volta colpì la palla che
> >>> ritornò lentamente verso il tiratore. Ma il gioco non era ancora finito.
> >>> A quel punto il battitore andò a raccogliere la palla: avrebbe potuto
> >>> darla all' uomo in prima base e Shay sarebbe stato eliminato e la partita
> >>> sarebbe finita. Invece... Il tiratore lanciò la palla di molto oltre l'uomo in
> >>> prima base e in modo che nessun altro della squadra potesse raccoglierla.
> >>> Tutti dagli spalti e tutti i componenti delle due squadre incominciarono
> >>> a gridare: 'Shay corri in prima base! Corri in prima base!'
> >>> Mai Shay in tutta la sua vita aveva corso così lontano, ma lo fece e
> >>> così raggiunse la prima base.
> >>> Raggiunse la prima base con occhi spalancati dall'emozione.
> >>> A quell punto tutti urlarono:' Corri fino alla seconda base!'
> >>> Prendendo fiato Shay corse fino alla seconda trafelato.
> >>> Nel momento in cui Shay arrivò alla seconda base la squadra avversaria
> >>> aveva ormai recuperato la palla..
> >>> Il ragazzo più piccolo di età che aveva ripreso la palla quindi sapeva
> >>> di poter vincere e diventare l'eroe della partita, avrebbe potuto tirare la
> >>> palla all'uomo in seconda base ma fece come il tiratore prima di lui, la
> >>> lanciò intenzionalmente molto oltre l'uomo in terza base e in modo che
> >>> nessun altro della squadra potesse raccoglierla.
> >>> Tutti urlavano: 'Bravo Shay, vai così! Ora corri!'
> >>> Shay raggiunse la terza base perché un ragazzo del team avversario lo
> >>> raggiunse e lo aiutò girandolo nella direzione giusta.
> >>> Nel momento in cui Shay raggiunse la terza base tutti urlavano di gioia.
> >>> A quel punto tutti gridarono:' Corri in prima, torna in base!!!!'
> >>> E così fece: da solo tornò in prima base, dove tutti lo sollevarono in
> >>> aria e ne fecero l'eroe della partita.
> >>> 'Quel giorno' disse il padre piangendo 'i ragazzi di entrambe le squadre
> >>> hanno aiutato a portare in questo mondo un grande dono di vero amore ed
> >>> umanità'. Shay non è vissuto fino all'estate successiva.
> >>> E' morto l'inverno dopo ma non si è mai più dimenticato di essere l'eroe
> >>> della partita e di aver reso orgoglioso e felice suo padre... non
> >>> dimenticò mai l'abbraccio di sua madre quando tornato a casa le raccontò di aver
> >>> giocato e vinto.
> >>>
> >>> ED ORA UNA PICCOLA NOTA AL FONDO DI QUESTA STORIA:
> >>>
> >>> In internet ci scambiamo un sacco di giochi e mail scherzose senza che
> >>> queste ci facciano riflettere, ma quando si tratta di diffondere mail
> >>> sulle scelte della vita noi esitiamo.
> >>>
> >>> Il crudo, il volgare e l'osceno passano liberamente nel cyber spazio, ma
> >>> le discussioni pubbliche sulla decenza sono troppo spesso soppresse nella
> >>> nostre scuole e nei luoghi di lavoro.
> >>>
> >>> Se stai pensando di copiare e mandare questo messaggio, c'è probabilità che
> >>> sfoglierai i tuoi contatti di rubrica scegliendo le persone
> >>> 'appropriate' o 'inappropriate' a ricevere questo messaggio.
> >>>
> >>> Bene: la persona che ti ha mandato questa e-mail pensa che TUTTI NOI
> >>> POSSIAMO FARE LA DIFFERENZA.
> >>>
> >>> Tutti noi abbiamo migliaia di opportunità, ogni giorno, di aiutare il
> >>> 'naturale corso delle cose' a realizzarsi.
> >>>
> >>> Ogni interazione tra persone, anche la più inaspettata, ci offre una
> >>> opportunità: passiamo una calda scintilla d'amore e umanità o rinunciamo
> >>> a questa opportunità e lasciamo il mondo un po' più freddo?
> >>>
> >>> Un uomo saggio una volta disse che ogni società è giudicata in base a
> >>> come tratta soprattutto i meno fortunati.

11746404
Leggila è bellissima...tutta di un fiato...non ti fermare all'apparenza...grazie... Questa e-mail mi è arrivata tramite un amico e mi ha commosso molto,> >>> volevo   che anche tu la leggessi. Ricordati che TU fai la differenza. Non > >>> cercare  mai mezzi...
Post
17/09/2010 20:53:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.