PIU' FORTI DI TUTTO,MILANO SI RIALZA.L'ITALIA ACCOMPAGNA.

03 maggio 2020 ore 21:41 segnala
Piano piano Milano esce dal buio. La terrificante realtà, lentamente fa spazio ad un futuro meno cupo,fatto di reazioni,di voglia di riprendersi la propria vita,le proprie abitudini,le proprie emozioni.
Ciò che vorrei conservare,è la voglia di raccontare le mie sensazioni e i miei punti di vista,anche da solo. Mi serve raccontare di me stesso, quando il tempo scorre e quando sono in grado di rileggermi,a distanza di lustri,per vedere quanto sono cambiato e che cosa sia successo nel mondo circostante.
Ho capito che si può morire in un attimo,semplicemente dopo aver salutato degli amici,si può scomparire dalla vista dei propri cari dopo qualche linea di febbre e traslare i propri pensieri verso l'eternità,dopo essere passato da una ambulanza ad un carro militare,per finire in un forno. Devo continuare a scrivere per riprendere me stesso,sfuggitomi dalle mani e subito ripreso.
Milano si rialza e con essa tutta Italia. Non so se diventeremo come prima ,ma certamente il fatto di provarci a farlo,rende il più grande omaggio a coloro che hanno perso la vita per qualcosa di invisibile. Forza Milano,Forza Italia,più forti di tutto...
dd499fee-a5cb-4223-8f90-9d9a5566ff86
« immagine » Piano piano Milano esce dal buio. La terrificante realtà, lentamente fa spazio ad un futuro meno cupo,fatto di reazioni,di voglia di riprendersi la propria vita,le proprie abitudini,le proprie emozioni. Ciò che vorrei conservare,è la voglia di raccontare le mie sensazioni e i miei punt...
Post
03/05/2020 21:41:09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2

LA LUCE DI DIO ILLUMINERA' IL BUIO.

28 marzo 2020 ore 01:53 segnala

In una notte di un inverno finale,un mostro invisibile,terrificante,satanico,invade le strade,le case,le anime dell'umanità,sfidando il bene,prendendosi gioco di Dio. Il mostro,senza colore,senza odore,senza suoni,si appropria di parte dell'amore dell'umana specie e la trasforma in dolore,sofferenza e morte. Il mostro passeggia dentro la paura,si nutre di essa e sfida l'essenza stessa del male:il monomio primo del terrore;lo surclassa e ci pone di fronte ad una sfida epocale: abbatterlo o morire.
Troppe parole si sono spese per non essere lievi e definitivi.L'eternità è il moto perpetuo di un Dio maggiore,più forte di qualsiasi nemico,un moto normale che trova nella natura la sua forma prima di espressione,la vita. La vita germoglia in silenzio dopo una lunga battaglia,perchè Dio ha deciso che la luce prevale sull'assenza,perchè Dio,caro virus,decide pure per te.Dio ha deciso di affrontarti e per te saranno giorni duri, almeno quanto tu li hai fatti fare a noi.Nella luce del Signore torneremo solo quando lui deciderà,d'ora in poi. E la Sua volontà sarà imprescindibile...pure per te.
07f08abd-7624-4b34-80b3-aea098435d73
« immagine » In una notte di un inverno finale,un mostro invisibile,terrificante,satanico,invade le strade,le case,le anime dell'umanità,sfidando il bene,prendendosi gioco di Dio. Il mostro,senza colore,senza odore,senza suoni,si appropria di parte dell'amore dell'umana specie e la trasforma in do...
Post
28/03/2020 01:53:05
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    6

LETTERA A VITTORIO NATO OGGI NELLA PAURA

15 marzo 2020 ore 18:47 segnala


Ciao Vittorio,sei nato oggi nel giorno del terrore,nello spazio di un tempo sospeso tra grida di paura ed amuchina,speranza e santità,orgoglio e delusione,rabbia e felicità.Fai il tuo ingresso in un mondo che è stato avaro ed ingiusto,distante dal bene e dedicato alla circolarità indefinita del male. Questo male non è stato mai combattuto degnamente dagli uomini, ma sempre interiorizzato e reso regola umana,omologato quale metro di capacità di crescita dell'uomo forte. Vittorio,c'è stato un tempo,prima che nascessi,in cui l'uomo ( e non il povero animale) ha deciso di sottomettere la sua specie:lo ha fatto con la corruzione e con il Dio denaro;l'uomo che ha permesso di sacrificare milioni di animali per il gusto di supremazia economica e morale primitiva,fulgido emblema di morte ,l'uomo che piegò i suoi simili con contratti di lavoro da fame,l'uomo che corruppe altri uomini,sindacalisti,politici,funzionari di partito ed aziende,per schiacciare sè medesimo in vista di una vanagloria incivile,famelica,egoistica,antiumana.Abbiamo visto,Vittorio,dapprima la terra incrinarsi sotto il peso di due guerre mondiali. L'uomo era contro l'uomo. Ci furono milioni di persone sterminate. Poi, in mezzo a tutto ciò, un periodo di falsa pace,nella quale Dio comprese che il tragico errore delle guerre mondiali non era stato compreso. Allora,adirato,decise di mandarci una entità invisibile e quasi imbattibile,un virus,perchè l'uomo capisse che tutti avrebbero potuto morire se fossero stati slegati,nemici,incapaci di collaborare. Dio,mise l'uomo di fronte al suo stesso male : l'invisibile ingiustizia. Lo fece con una parafrasi materiale,un paradosso scientifico,un articolato succedersi di eventi,che obbligò l'umana specie a trovare il modo di combattere qualcosa che fosse al di dentro di loro ( l'invisibile ) e non al di fuorì. Soltanto così,l'uomo,caro Vittorio,comprese dopo tanta sofferenza che se il male nasce da dentro,come nella peggiore delle pene di contrappasso dantesco,è proprio da quel luogo interiore che si deve partire per migliorare il mondo e vincere la propria sfida.... Poi se nato tu,oggi,nuova vita,nuovo bimbo,nuovo modo di vivere affinchè,Vittorio,l'uomo si ricordi che il male è un boomerang che poi ritorna; bisogna saperlo schivare;bisogna saper cambiare traiettoria.... la traiettoria di vivere. Ricomincia tu Vittorio. Il nuovo mondo è in mano tua. Hai il potere di reinventare un nuovo mondo ed un nuovo modo di vivere...Forza Vittorio.L'Italia è con te.
38a9002a-04bc-4c51-ae77-60feb42f487a
« immagine » Ciao Vittorio,sei nato oggi nel giorno della paura,nello spazio di un tempo sospeso tra grida di paura ed amuchina,speranza e santità,orgoglio e delusione,rabbia e felicità.Fai il tuo ingresso in un mondo che è stato avaro ed ingiusto,distante dal bene e dedicato alla circolarità ind...
Post
15/03/2020 18:47:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

TORNEREMO A VOLARE

12 marzo 2020 ore 22:38 segnala



Dunque,vi è stata una inversione della percezione razionale di coscienza sonno/veglia:quando ci addormentiamo,penetriamo all'interno della visione onirica della vita,per la quale quasi tutto è come lo abbiamo sempre vissuto. Motivo per il quale passeggiamo serenamente lungo i marciapiedi della nostra città,ci abbracciamo,ci baciamo,reinventiamo emozionanti storie di amore o di amicizia in un mondo normale,giochiamo a calcio e paradossalmente possiamo sognare momenti brutti di vita in un "contesto di normalità".
Poi,ad un certo punto,di mattina ci svegliamo;inizia l'incubo,il vero sogno nel quale l'atmosfera surreale di reclusione domiciliare pare assurdamente calarsi dalle trame mentali di qualche regista psicopatico di films Thriller.Il sonno agitato continua ad occhi aperti e le persone ci scivolano sotto il naso con le mascherine. Il brusco risveglio porta a concludere che il vero sonno disturbato sia la realtà e non il sogno.In un angoscioso turbine di sensazioni nuove,l'emozione della luce porta con sè la paura dell'uomo e delle sue derive virali. La realtà si mescola con il tema onirico e capovolge le nostre certezze,chiudendo la porta a verità assolute,a dogmi ormai collaudati,illuminando così in fondo ad un tunnel cupo una nuova sensazione di smarrimento verticale.
In tutto questo non vi è nulla di nuovo per coloro che hanno dovuto affrontare una malattia da soli,ben prima della pandemìa.
Molti di noi conoscono bene questo stato d'animo;la solitudine di fronte al mistero. Non sai che fare. Chiedi ai tuoi più prossimi ed umani parenti che fare,ma nessuno ha una risposta. Ti chiedi se forse stai espiando una pena per un errore mai riconosciuto: la risposta è negativa. La vera risposta a questo angoscioso dilemma è che tutto fa parte della vita,così come mai la abbiamo conosciuta. Non vi è nulla di nuovo, per chi ha sempre sofferto in solitudine una battaglia misteriosa.
Ora sappiamo cosa vuol dire affrontare un fenomeno nuovo : il fatto di essere tutti uguali di fronte a Dio e quindi,di fronte ai fenomeni criptici ed insondabili della nostra esistenza.
Il tempo saprà insegnarci a combattere e vincendo questa sfida,seppur più poveri economicamente,potremo vantarci di essere più ricchi di contenuti emotivi tali da affrontare nel futuro nuovi affascinanti percorsi misteriosi. Ce la faremo e ricominceremo daccapo a sognare " sogni veri".

b47dd37b-ba26-4600-b5dd-b8d2c65891e5
« immagine » Dunque,vi è stata una inversione della percezione razionale di coscienza sonno/veglia:quando ci addormentiamo,penetriamo all'interno della visione onirica della vita,per la quale quasi tutto è come lo abbiamo sempre vissuto. Motivo per il quale passeggiamo serenamente lungo i marciapi...
Post
12/03/2020 22:38:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    6

SENZA PAROLE. MILANO IN GINOCCHIO.

26 febbraio 2020 ore 01:50 segnala

Un terribile disastro si è abbattuto su Milano. La città è entrata in una spirale che pare di guerra. Supermercati assaltati,merce sparita,gente in fila per generi di prima necessità,mezzi pubblici a singhiozzo,persone che girano solo con la mascherina. Incredulità,sgomento,terrore. Non ci son parole per esprimere ciò che pare un attacco chimico.
Sono senza parole.
ae14e6ff-c6eb-44f0-843e-105de4a67f1f
« immagine » Un terribile disastro si è abbattuto su Milano. La città è entrata in una spirale che pare di guerra. Supermercati assaltati,merce sparita,gente in fila per generi di prima necessità,mezzi pubblici a singhiozzo,persone che girano solo con la mascherina. Incredulità,sgomento,terrore. N...
Post
26/02/2020 01:50:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    4

REALTA' PARALLELE

22 febbraio 2020 ore 01:30 segnala

Dunque è così: mi è capitato di incontrare alla cassa di un supermercato una ragazza che esprimeva le medesime sembianze,pose,parole,espressioni,cadenze ma soprattutto la medesima disponibilità di una ragazza con cui ho condiviso un pezzo semiserio della mia esistenza circa venti anni or sono. Ciò che mi ha colpito è stata l'impressione di vivere questa esperienza come se fosse stata scritta nella scena di un film,un pezzo di un film che mi è capitato per caso. E' chiaro,pertanto,che la fantasia dei film,in realtà prende a prestito la realtàe la trasforma in una specie di occasione di riflessione,uno di quei pezzi che cambia completamente la prospettiva filosofica di un individuo,capovolgendo assonometrie conclamate.
Se voi aveste potuto vedere come mi guardava e quello che diceva,la smorfia del labbro esattamente come la sua,ne avreste dedotto che la filosofia quantica di ricostruzione del tempo,permette ( come sliding doors) di pensare che viviamo solo una realtà,quella che conosciamo:poi ci sono realtà parallele non ancora indagate dalla scienza,per le quali puoi essere ricatapultato nel tempo e rivivere medesime emozioni che pensavi si fossero perse nel tempo.
Tutto ciò mi fa paura,poichè interpreto tali fatti come messaggi di entità non rappresentate,le quali,per mezzo della comunicazione simbolica, vogliono far comprendere che in fondo l'uomo non può capire che un milionesimo di parte della realtà che vive e che il corpo è un illustre e mortale cappotto vecchio destinato ad essere buttato,pur conservando l'anima il potere di ricreare la tua mente da qualche altra parte.
La morte è pura illusione e forse la vita...pure.
2cab40dd-c543-41b1-bf03-73d4da2a3083
« immagine » Dunque è così: mi è capitato di incontrare alla cassa di un supermercato una ragazza che esprimeva le medesime sembianze,pose,parole,espressioni,cadenze ma soprattutto la medesima disponibilità di una ragazza con cui ho condiviso un pezzo semiserio della mia esistenza circa venti anni...
Post
22/02/2020 01:30:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

LA DEMOCRATURA

21 febbraio 2020 ore 01:42 segnala

Il mondo è cambiato con una velocità stupefacente. Sono mutate le abitudini,le relazioni sociali,le considerazioni su questioni generali e,in tale contesto,si percepisce in maniera netta un peggioramento improvviso,una involuzione dei costumi,un grado tale di degenerazione evidente che non sfugge ad un occhio anche "poco attento".
La questione genera sconforto e paura.Siamo di fronte ad un fenomeno sociale nuovo,in parte sconosciuto agli stessi sociologi,che è importante per molti motivi tra i quali spiccano 1) la assenza totale di reazione dell'individuo singolo,assorbito dal mondo virtuale; 2) la pressochè totale assenza dello Stato, che in maniera palese non è in grado di governare il fenomeno e scarica su Enti sociali spesso inesistenti la responsabilità del cambiamento della nostra vita; 3) la strana coincidenza per la quale questo cambiamento è avvenuto contestualmente alla nascita dei mezzi di comunicazione evoluti quali il telefono cellulare ed il personal computer ; 4) la migrazione di massa degli individui da un paese all'altro.
Tali elementi,se letti in un'ottica sinallagmatica ( unitaria e di reciproco scambio ) portano alla evidente conclusione per la quale si è voluto addormentare l'individuo,inibire la reazione emotiva,per ricreare nuove condizioni sociali di schiavitù mentale ed economica, a favore di potentati mondiali. Per potentati mondiali intendo grosse multinazionali,gruppi economici inclini alla evasione fiscale ed alla reificazione dell'individuo per il tramite di pseudo contratti di lavoro con paghe ridicole da fame che,insieme,si dividono i guadagni per acquisire il potere planetario. Sembra una visione futuristica ma se paragonate la condizione sociale degli anni 80/90 ad oggi vi renderete conto che è come se fossimo stati proiettati all'interno di un film nel quale siamo attori e spettatori al contempo.
Sono convinto che da tale "stasi", si possa uscire solo con una rivoluzione copernicana dei nostri rapporti con i politici,comandati da grossi Gruppi di potere,che detengono in maniera "democraturistica" ( democrazia più dittatura soft)un potere che gli va tolto immediatamente dalle mani.
Proseguendo su questa strada,entro breve tempo la povertà aumenterà ma credo che ai signori,manchi veramente qualche tassello importante,poichè col popolo alla fame la reazione non si farà attendere. Stiamo in campana.
03d35208-3e88-4c73-b749-c3cfb2df51cb
« immagine » Il mondo è cambiato con una velocità stupefacente. Sono mutate le abitudini,le relazioni sociali,le considerazioni su questioni generali e,in tale contesto,si percepisce in maniera netta un peggioramento improvviso,una involuzione dei costumi,un grado tale di degenerazione evidente ch...
Post
21/02/2020 01:42:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

IL FATTO PRATICO COME INIZIO DI UNA SOLUZIONE

19 febbraio 2020 ore 02:22 segnala

Una delle regole fondamentali per non cadere nell'immobilismo,generatore di frustrazioni,ansie,timori,paure,terrori,mancanza di risultati e tutta una serie di situazioni difficili da gestire è l'eliminazione della inazione.
La mancanza di azione,cioè di un atto pratico,è la sostanziale necessità umana,a volte non effettiva, di compiere dei passi "verso" qualcosa che rappresenti un problema.
La particolarità del movimento è la successione di diverse fasi che la nostra mente elabora come "prime risposte" ad un problema. Non importa se queste risposte siano poi corrette o meno. L'organismo,stimola la mente a muoversi verso il problema con l'azione.La mente riceve un input irrazionale dallo spestamento "verso" il problema ed inizia ad elaborare delle possibili soluzioni razionali. Tutto ciò rappresenta l'esatto contrario di ciò che illustri teorie vorrebbero significare quando imputano alla mente la soluzione prima di ogni risultato.Sarebbe troppo difficile da spiegare dal punto di vista mentale ma,qualsiasi problema abbiate,mettetela sempre (almeno inizialmente) sul piano pratico. Da Quel punto poi,ci si può muovere molto meglio.

CHE COSA E' UNA BATTAGLIA

17 febbraio 2020 ore 02:19 segnala

Una battaglia interiore è un trauma elettrico che ti trascina fuori dalla tua stessa anima,disegna montagne di sofferenza sui muri di una città sconosciuta,compie salti potenti di paura su piazze progettate stranamente da un Dio minore,urla a statue mute i nostri dolori come se fossero gli unici presidi sovraumani in grado di capire,scende negli inferi terribili della memoria a caccia di mostri acuti,viscidi come temi insulsi affrontati per errore in un tempo allora impossibile da decrifrare,da vivere e da vincere e poi,finalmente, placa la sua follìa energetica sul fondo di un cuore impavido,a caccia di nuovi traguardi,nuove mete,nuove impossibili scommesse interiori,nuovi lanci di luce arcobalenica che si stagliano su di un cielo non più buio,un orizzonte che dopo l'intensità del male,si avvicina piano per tenderci una nuova mano d'amore..
fc1f2f0b-a509-4f97-afb1-1e4930be53e0
« immagine » Una battaglia interiore è un trauma elettrico che ti trascina fuori dalla tua stessa anima,disegna montagne di sofferenza sui muri di una città sconosciuta,compie salti potenti di paura su piazze progettate stranamente da un Dio minore,urla a statue mute i nostri dolori come se fosser...
Post
17/02/2020 02:19:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

IL PERDONO E LA DIGNITA'

17 febbraio 2020 ore 01:54 segnala

Perdonare qualcuno senza che la stessa persona sia chiamata a pagare un prezzo per il proprio tradimento,non serve a nulla. Chi ha sbagliato,nei nostri confronti,ovvero nei confronti di altri,spesso tende a rimuovere la concezione penitenziale del rimorso,della cagione essenziale e primitiva del male,se non espia materialmente la sua colpa. Nel perdono "acritico",privo di un prezzo,perdiamo noi stessi poichè non siamo in grado di far rispettare un dolore,un sacrificio,una ingiustizia e creiamo anche confusione nell'anima e nella mente di colui che ha sbagliato,poichè egli interpreterà la rimessione come una debolezza verso il rimettente,disposto a non perdere il vantaggio della compagnìa pur sacrificando la propria dignità. Chi ha sbagliato,deve pagare un prezzo per dimostrare di soffrire almeno quanto la persona che ha subito il torto.Tutto ciò lo aiuterà a crescere oppure a staccarsi definitivamente : in questo ultimo caso,per il perdonante potrebbe essere salvifico.