C'era una volta il nostro passato

21 agosto 2017 ore 12:55 segnala


Di tanto in tanto ripercorrere i sentieri che ci portano verso il nostro passato, verso la nostra stagione dell’adolescenza, ci mette addosso un po’ di tristezza ma al contempo ci fa star bene. Tornando indietro, rivediamo le nostre esperienze vissute, le nostre speranze, i sorrisi elargiti e le lacrime versate, i libri che ci hanno fatto viaggiare, le canzoni che ci hanno fatto innamorare e gli attori che ci hanno regalato emozioni. Già, gli attori… Ogni fascia d’età ha i suoi. Se sei intorno ai 50 anni e hai voglia di rivedere alcuni attori che ti (ci) hanno fatto piangere e gioire, beh, accomodati pure, lo spettacolo inizia:

Cary Grant, Katharine Hepburn e James Stewart.

Cary Grant: Alfred Hitchcock, affermò che Cary Grant fu l'unico attore che avesse veramente amato. Ian Fleming disse invece di essersi in parte ispirato a Grant nel delineare il personaggio dell'agente segreto James Bond.
Katharine Hepburn: Nessun attore o attrice ha vinto quanto lei: 4 Oscar, tutti da protagonista. Null’altro da dire!
James Stewart: Chi non ricorda “La finestra sul cortile”? Era anche un appassionato di poesie e di giardinaggio.

Gregory Peck: Il protagonista di “Vacanze romane” In una delle sequenze più famose, lui e Audrey Hepburn visitano la Bocca della Verità. La scena in cui Gregory Peck infila la mano nella Bocca facendo finta di averla persa non era preventivata. Fu una trovata dell'attore che non aveva però avvisato la Hepburn. La reazione dell'attrice mentre grida perciò è reale.

Henry Fonda: Alto, dinoccolato occhi di un azzurro pulito.Chiuse la sua splendida carriera, anziano e già malato, con il premio Oscar per il film Sul lago dorato (1981), dove ad affiancarlo furono la figlia Jane e un'altra leggenda del cinema, Katharine Hepburn. Henry Fonda era ateo e impartì ai figli Jane e Peter un'educazione atea.

Montgomery Clift: Gli occhi più belli dopo quelli di Elizabeth Taylor. Racconta Brando di lui: "Monty era davvero un grande attore, ma era molto inquieto nella vita privata. Si sospettava che fosse omosessuale e questo sospetto lo angosciava tanto che divenne un alcolista e drogato." Morì a 46 anni.

James Dean: Interpretò solo tre film: la valle dell’Eden, Gioventù bruciata e Il gigante. Il suo aspetto e la sua aria vulnerabile affascinava le donne. Tutte avrebbero voluto prendersi cura di lui. In un tardo pomeriggio del 1955, una Porsche Spider si schiantò contro un altro veicolo. Per il conducente dell'auto non ci fu nulla da fare, era deceduto sul colpo. Alcune ore più tardi cominciò a diffondersi la notizia che James Dean era morto. Aveva 24 anni.

Paul Newman Forse l’attore che ha avuto più successo di tutti, al punto da essere spesso definito una "leggenda del cinema". Nel 2008 gli fu diagnosticato un cancro ai polmoni. Decise di smettere le cure e si ritirò a vita privata per passare gli ultimi giorni di vita con la famiglia. Morì all'età di 83 anni.

Jerry Lewis: se n’è andato ieri, 20 agosto all’età di 91 anni. Lui e Dean Martin crearono una coppia che fu sovrana indiscussa della comicità americana e non solo. Mentre Dean esibiva il fascino del latin lover, Jerry era l’ingenuo candido, con gli occhi incrociati, i dentoni in evidenza e la voce in falsetto. La sua frase preferita: “Bisogna essere matti per fare il comico.”

5fb680d9-e722-4eda-8fb4-96b3b5f37f03
« immagine » Di tanto in tanto ripercorrere i sentieri che ci portano verso il nostro passato, verso la nostra stagione dell’adolescenza, ci mette addosso un po’ di tristezza ma al contempo ci fa star bene. Tornando indietro, rivediamo le nostre esperienze vissute, le nostre speranze, i sorrisi e...
Post
21/08/2017 12:55:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. movieland 22 agosto 2017 ore 18:57
    :rosa Grazie!
  2. Ti.gre45 30 agosto 2017 ore 14:27
    Negli anni 80 non c era film senza la scena di sesso,poi ci si è involuti in scene di azione con armi di ogni tipo.dal 2000 i film catastrofisti.
    Io resto x Gassman e Tognazzi oppure Don Camillo e Peppone.
    Non lo facevano x soldi, ma x migliorare la società!
  3. movieland 31 agosto 2017 ore 22:22
    @ Ti.gre45
    Era la famosa commedia all'italiana, quella dei Gassman e dei Tognazzi, quella che trattava fatti drammatici attraverso la risata.
  4. Ti.gre45 02 settembre 2017 ore 14:03
    Esatto una volta si cercava la pace.e l Italia era in crisi più che adesso la differenza: è che c era
    piu gente di buona volontà di oggi!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.