L'incontro

19 dicembre 2011 ore 19:57 segnala
Facciamo un piccolo passo indietro...un passo di un paio di mesi...ci ritroviamo ad ottobre...una sera come tante..una serata noiosa..e fu allora ke lo incontrai...molto distrattamente...senza dargli più peso di quello ke aveva...infondo era un semplice incontro...nn sapevo come si sarebbe sviluppata in seguito la cosa...
avevo la testa in milioni di parti in quel periodo...pensavo a milioni di cose...avevo una vita sociale molto intensa...ma c'erano sempre dei piccoli buchi da colmare,sia affettivi ke temporali...e in ogni minimo buco spuntava lui..molto leggermente..come se avesse chiesto il permesso x entrare..senza forzare le cose o invadere spazi ke nn gli competevano..si è incuneato nella mia vita un pezzettino alla volta...in ogni incontro senza rendermene conto lui prendeva un pò di me e mi entrava silenziosamente nelle vene fino a miskiarsi col mio sangue,infettandolo...inquinandolo..
ogni incontro faceva crescere il mio interesse e a mio parere anke il suo..anke se lui a volte mi parlava di una ragazza...ma la cosa nn mi pesava...cosa me ne doveva importare effettivamente...anke xkè fino a prova contraria io ero una persona impegnata...passò ottobre e buona parte di novembre con incontri sempre più frequenti ma mai fissati...nn c'era un contatto ke ci legava stabilmente...erano incontri più o meno casuali ma abbastanza voluti...tutto questo fino a fine novembre...diciamo intorno al 20...lui si sbilanciò leggermente chiedendomi il numero di telefono..la cosa mi fece piacere ovviamente...aveva alimentato di un pokino il mio ego e ankora di più l interesse ke provavo...appena ebbe il mio numero mi mandò subito un messaggio carino...e dentro di me qualkosa si ruppe...la storia con l altro nn poteva continuare...ormai avevo deciso lui aveva preso il sopravvento...l altro doveva essere eliminato...
Dalla notte in cui mi arrivò quel messaggio ne arrivarono moltri altri...messaggi in cui ci raccontavamo le giornate e sfogavamo dei nostri problemi...fu allora ke incominciai a capire...anke se in una microscopica parte,lui come era fatto...era un tipo problematico...difficile da capire...ma questo l'ho scoperto ben più tardi...quando ormai nn c'era più niente da fare...
incominciarono giornate in cui desideravo solo vederlo e capire cosa aveva da dirmi...ai miei occhi aveva acquistato un grande valore...ormai ero sull orlo di un baratro e non me ne ero nemmeno accorta...
passò novembre e cominciò quel fatidico mese di dicembre...io lentamente stavo cambiando plasmata da lui senza nemmeno farci caso...ogni cosa era cambiata di me...perfino il modo di parlare o di pensare...anke il modo di vestire di rapportarmi alla gente e alla mia famiglia...ormai nn ero più io...
ero legata a lui come da un cordone ombelicale...ogni giorno ke passava questo si rafforzava sempre di più...a pensarci ora mi viene in mente la scena con un grosso ragno ke tesse la sua tela ed ad un ignara mosca troppo stupida e cieca x accorgersi di ciò ke la circonda...dicembre era iniziato e la presenza dell altra donna era sempre più forte e fastidiosa tra noi...io mi sentivo bene solo quando lei nn c era...lui lo sentivo mio senza di lei...ma quando lei arrivava mi sentivo spegnere...avrei dovuto mettermi da parte lo so...
ae91c2fe-d86a-4a59-8b12-14b5c747fd1e
Facciamo un piccolo passo indietro...un passo di un paio di mesi...ci ritroviamo ad ottobre...una sera come tante..una serata noiosa..e fu allora ke lo incontrai...molto distrattamente...senza dargli più peso di quello ke aveva...infondo era un semplice incontro...nn sapevo come si sarebbe...
Post
19/12/2011 19:57:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.