spesso penso

15 settembre 2013 ore 14:01 segnala
Ogni giorno perdo coraggio e ogni nuovo giorno, in qualche modo, lo ritrovo.

B. Honigmann
979143cf-8739-489d-b71d-28d84ac49c68
Ogni giorno perdo coraggio e ogni nuovo giorno, in qualche modo, lo ritrovo. B. Honigmann « immagine »
Post
15/09/2013 14:01:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    4

piume d'ali

25 marzo 2013 ore 11:10 segnala
Dopo cio' che ho passato,mi sembra di essere tornata a vivere e quasi ho paura di percorrere il cammino che mi riconduce a quella normalità che mi pareva perduta!
Gli Angeli Custodi esistono!
130e183b-4b53-41b0-8e5a-81f3f47e3d29
Dopo cio' che ho passato,mi sembra di essere tornata a vivere e quasi ho paura di percorrere il cammino che mi riconduce a quella normalità che mi pareva perduta! Gli Angeli Custodi esistono! « immagine »
Post
25/03/2013 11:10:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    4

Ricorda...

10 agosto 2012 ore 07:18 segnala
Nel rapporto con gli altri, chiediti sempre "se vale la pena".
Se vale la pena aspettarli, comprenderli, capire i loro silenzi.
Giustificare i loro comportamenti, i loro allontanamenti.
Chiediti fino a che punto sei disposto ad accettare tutto ciò.
E non c'entra il bene che vuoi loro.
È che tutto ha un limite.
91562819-d564-4659-9ee4-5676687f1a30
Nel rapporto con gli altri, chiediti sempre "se vale la pena". Se vale la pena aspettarli, comprenderli, capire i loro silenzi. Giustificare i loro comportamenti, i loro allontanamenti. Chiediti fino a che punto sei disposto ad accettare tutto ciò. E non c'entra il bene che vuoi loro. È che...
Post
10/08/2012 07:18:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    6

Un dono per il fine settimana!

04 agosto 2012 ore 07:16 segnala
Tanto tempo fa, sulla terra non vi erano troppe differenze tra le piante, se non quelle relative al tempo.Le piante che erano nate prima,e quindi più adulte, chiacchieravano tra di loro, e le nuove si guardavano intorno incuriosite. La Novità, una particolare fata delle piante, già da tempo girava irrequieta tra la flora, senza riuscire a capire il perché di quel nervosismo. La fata percepiva che stavano cambiando le cose, e non sarebbe stata proprio lei a tirarsi indietro di fronte a quel cambiamento

Nei giorni seguenti, la forza del vento aumentò gradualmente, sempre di più. Tanto aumentò che le piante più piccole, più delicate cercarono riparo tra quelle più adulte.Ci fu una grande migrazione,con le giovani piante che si divertivano da morire, rincorrendosi e girando intorno alle piante più adulte. A tutta quella festa alcune piante adulte reagirono bene, riscoprendosi anche loro "bambine" e partecipando alla gioia, altre, prima pian piano, poi sempre più manifestamente, cominciarono a dare segni di fastidio. Cominciò cosi' un'animata discussione sull'argomento, che portò le grandi piante a dividersi in due settori di opinione: quelle che amavano la gioia delle giovani piante e quelle che ne erano infastidite.


Il vento,che ascoltava senza esser visto,comprese l'origine della contesa, e decise che occorreva far rinascere nelle ultime qualcosa che si era perduto. Soffiò con sempre maggiore forza, sino a creare nelle piante una sorta di sonnolenza, di dormiveglia, quello che in seguito sarà chiamato il letargo. Al risveglio,le piante sentirono,con la percezione propria di ognuna, che qualcosa in loro era cambiato.

I giorni passavano, mentre il cambiamento prendeva piede, con grande gioia della nostra fatina, e diventava parte dell'esistenza; il clima divenne più fresco, infine più freddo, ed alcune piante,in particolare quelle che erano rimaste infastidite dalle grida delle piante più giovani, cominciarono a sentirsi vecchie, ad addormentarsi e perdere le foglie, mentre le altre rimanevano verdi, in virtù della loro propensione alla vita.


Fu così che nacquero le piante che perdevano le foglie nel periodo freddo, per poi rinascere con i tepori di quella che verrà chiamata la primavera. In questo modo,quelle piante che, tutte prese da se stesse, avevano dimenticato la bellezza di tornare bambine, lo avrebbero ricordato in continuazione: ogni anno avrebbero ricoperto il terreno dei gioiosi colori del tempo, per poi riassaporare il vigore della gioventù con l'inizio della nuova stagione.
(dal web)


60c7a59f-c89a-4d34-a1fe-ace390ae0e1f
Tanto tempo fa, sulla terra non vi erano troppe differenze tra le piante, se non quelle relative al tempo.Le piante che erano nate prima,e quindi più adulte, chiacchieravano tra di loro, e le nuove si guardavano intorno incuriosite. La Novità, una particolare fata delle piante, già da tempo girava...
Post
04/08/2012 07:16:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Avevo tre inquilini a mia insaputa!

27 luglio 2012 ore 16:24 segnala
Eh si ,questa mattina ho scoperto che sulle sedie in legno riposte sotto il tavolo che è sulla veranda c'erano tre micetti deliziosi!
Avranno credo 2 settimane di vita,due sono rossi e champagne ed uno è nero con striature rosse :-)
e4f71658-91cb-4785-b3a1-b43800ebb65a
Eh si ,questa mattina ho scoperto che sulle sedie in legno riposte sotto il tavolo che è sulla veranda c'erano tre micetti deliziosi! A « immagine » vranno credo 2 settimane di vita,due sono rossi e champagne ed uno è nero con striature rosse :-)
Post
27/07/2012 16:24:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    6