Lo spettacolo volge al termine

11 agosto 2007 ore 04:15 segnala

Tutt'attorno si restringe

respiro a malapena

come un animale inebetito

da questa "vita" in cattività

percorro avanti e indietro il solco

che giorno dopo giorno

i miei passi hanno scavato

dentro questa gabbia

Dall'esterno la gente osserva

rumori, smorfie, strilli...

imitano le mie movenze

in attesa di una reazione della bestia

ma io non emetto più versi

...nemmeno per finta

8001300
Tutt'attorno si restringe respiro a malapena come un animale inebetito da questa "vita" in cattività percorro avanti e indietro il solco che giorno dopo giorno i miei passi hanno scavato dentro questa gabbia Dall'esterno la gente osserva rumori, smorfie, strilli... imitano le mie movenze in attesa...
Post
11/08/2007 04:15:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. vogliadiallegria 11 agosto 2007 ore 15:39
    mi ha colpito la grande tristezza e forza del tuo blog,sono tuoi i testi delle poesie?sono piene di una struggente malinconia....cosa ti fa essere così triste?perdona la mia irruenza e torna a trovarmi quando vuoi...ciao patty ti lascio il portafortuna di cifacioecisono :ola :ola :ola mi raccomando sempre tre un:bacio
  2. NeroTrudi 11 agosto 2007 ore 18:13
    ...si i testi sono i miei, a parte 1 o 2 che ho trovato da qualche parte e che comunque ho modificato per sentirmeli più addosso.
  3. angeltex 15 agosto 2007 ore 10:38
    volevo chiederti le stesse cose di vogliadiallegria (che saluto, hai dato la risposta. Sei davvero in gamba anche se ciò che scrivi è triste. Grazie per la tua visita al blog. Ti verrò a trovare ancora. .........................0:-)
  4. NeroTrudi 15 agosto 2007 ore 13:58
    ...a te Angelo, per avermi dedicato il tuo tempo. Ti confermo quanto ho risposto a Vogliadiallegria. Scrivere non è mai stato il mio forte. Si dice che ci si adatta, si cambia, per farsi aderire addosso il più possibile come una muta ciò che identifichiamo come vita. Da febbraio ho subìto questo cambiamento, per necessità, per sfogo, per ferite patite che non accennano a richiudersi. Nella speranza di qualcosa che non so nemmeno io. Perchè alla fine mi sento vittima della mia coerenza... Così, quando riesco a tradurre in parole ciò che mi spinge da dentro, lo fermo qui

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.