CONCENTRATO DI CONCENTRAZIONE

09 ottobre 2011 ore 20:33 segnala


In genere la mente umana non è un concentrato di concentrazione. Una mente a riposo è sfiorata da centinaia di pensieri, ordini del giorno, fugaci immagini del passato, odori casuali. Fin qui, non c’è problema. Queste sono cose che vanno a perdersi nel guazzabuglio della vita e prima o poi scompaiono.
Il problema nasce quando la mente è troppo concentrata, sente quello che vorremmo evitare di sentire, e non sente quello che ci serve, e finisce per produrre impressioni più vivide che generano mostri, uomini ombra con i volti lisci come gusci d’uovo che ti vedono e si rivoltano contro come serpenti. Talvolta sono il prodotto di più di una paura, miscugli di incubi incorporati l’uno all’altro. Non lo so. So solo che sono spaventosi, ma qui, ora, dentro a Yoshiwara, c’è la mente che vola e l’illusione di fermarli.
9fc813d8-cb3d-406f-800c-666d15ad5f42
« immagine » In genere la mente umana non è un concentrato di concentrazione. Una mente a riposo è sfiorata da centinaia di pensieri, ordini del giorno, fugaci immagini del passato, odori casuali. Fin qui, non c’è problema. Queste sono cose che vanno a perdersi nel guazzabuglio della vita e prima...
Post
09/10/2011 20:33:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    8

PERCHE'

05 ottobre 2011 ore 11:01 segnala


C'è un mondo devastato, tra i cui rigagnoli, fisici e mentali, qualcuno ancora cerca di salvarsi. In qual modo non è dato sapere, le vie d'uscita bisogna inventarsele, guadagnarsele, soffrirle. Un mondo che ti sommerge e ti cala nel suo fango, lentamente. Ma si può intravvedere un barlume anche nelle profondità. Nel nostro sottomondo immaginario, si agita Metropolis; qui respiriamo l'aria chiusa e polverosa delle nostre essenze ed espiriamo sogni. Questi sogni sono Yoshiwara, il quartiere proibito. Là, dove all'orizzonte si agitava Lei, indecisa del suo essere, se di carne, di metallo o di polvere. Lei che si compiacque di accettare l'aprirsi di questa porta. E nel magma di Yoshiwara ci immergiamo, purificandoci.
7d840ae8-a19e-4613-9ae5-7ed7322f5ad3
« immagine » C'è un mondo devastato, tra i cui rigagnoli, fisici e mentali, qualcuno ancora cerca di salvarsi. In qual modo non è dato sapere, le vie d'uscita bisogna inventarsele, guadagnarsele, soffrirle. Un mondo che ti sommerge e ti cala nel suo fango, lentamente. Ma si può intravvedere un ba...
Post
05/10/2011 11:01:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    13