FUMI DI UN MONDO AL CREPUSCOLO

30 ottobre 2014 ore 09:33 segnala


decima parte

di


Crenabog



Un silenzio greve ristagnava sotto la volta del salone delle adunanze. Nell'aria ruotava il formicolio di brandelli di elettricità statica, ultimo lascito del portale svanito nel nulla con il suo mostruoso abitante. Lentamente i confratelli sopravvissuti tornarono a contarsi, ad accentrarsi nel salone, badando ad evitare le macerie e i resti insanguinati sparsi ovunque. Il Primo Validante, dopo aver nuovamente serrato l'ingresso alla camera segreta dei Sognanti, si rivolse a loro spargendo parole calme, rinfrancanti, lavorando sulle loro menti per scacciare il terrore che ancora li faceva fremere. Questo, unito al comandamento principale che prevedeva che qualsiasi cosa accadesse tra quelle mura sarebbe restata celata al mondo, a poco a poco produsse lo stato di silenziosa ubbidienza, di rilassatezza psichica che permetteva al maestro di guidarli. Con l'accordarsi della Creazione avrebbero presto rimesso a posto tutto e forse Yoshiwara avrebbe dimenticato. In fondo, tutto il dramma si era svolto nel tempio e gli orrori cosmici erano morti e precipitati nelle lande esterne, dove quasi nessuno si avventurava. A quelle, se qualcuno le avesse notate, avrebbero potuto dare la giustificazione di mutamenti genetici, di abomini nati dal caos del Dopo Catastrofe. Il Primo Validante, ancora scosso ma intimamente soddisfatto, diede inizio alla grande ricostruzione, incanalando le energie psichiche dei suoi accoliti lungo i binari del pensiero creante: le macerie si dissolsero in un turbinio di polvere scintillante fino a svanire del tutto, le mura spaccate, sgretolate, iniziarono a riformarsi. Nuove colonne screziate di colori micalescenti sorsero svettando sino al soffitto perso nel buio. Lampioni bronzei, becchi a gas, archi voltaici, lampadari in cristalli minuti e rifrangenti, tutto si risvegliò per circondarli di una luce morbida e soffusa, balsamo quietante delle loro tormentate coscienze. E quando il maestro fu convinto che ogni cosa era tornata come doveva essere, concesse ai confratelli il dono del sonno, avvolgente, pesante, obnubilante, che avrebbe cancellato anche gli ultimi sprazzi di ricordo poi, assicuratosi che nessuno fosse più sveglio, lasciò il salone dirigendosi verso le sue stanze personali. Aprì una spessa porta lignea, antica al punto da aver preso una lucida pellatura nera interrotta solo da grandi teste di bulloni argentei, entrò richiudendo i grandi chiavistelli e lasciò scivolare lo sguardo sui folti tappeti importati dall'oriente scomparso, sui tendaggi damascati di velluto porpora. Prese posto nella poltrona dietro il tavolo, un ultracentenario fratino che conservava in ogni scheggia la storia di tempi dimenticati. Nel legno erano stati abilmente incastonati strumenti all'avanguardia che permettevano al maestro di monitorare l'attività del tempio, guidare l'energia prodotta verso Yoshiwara e da essa a tutta Metropolis. Macchinari in ottone, ferro e bronzo, scintillanti, ticchettavano e sibilavano, emettendo strisce di carta con cablogrammi e marconigrammi da tutto Submundia. Il centro stesso del potere dei Validanti si riduceva lì, nel sancta sanctorum del maestro. La forza dell'energia mentale - pensò - non poteva essere usata indiscriminatamente, era diventato imperativo trovare sorgenti alternative. La civiltà del vapore, incentrata sul carbone, era nel pieno del suo fulgore ma, per la stessa natura di Submundia, le emissioni dei gravosi onnipresenti fumi , benchè convogliati e dispersi nel mondo esterno tramite gli immensi, labirintici condotti tubolari, creava uno stato perenne di pericolo. Il Primo Validante rivolse la sua attenzione al grandioso archivio di fascicoli, manoscritti, libri e raccolte cartacee che occupava tutta la parete alle sue spalle: cercava qualcosa che gli ronzava in mente da giorni. Ecco, il dossier sulla Psycoscienza, lì forse avrebbe trovato quel che serviva. Nel 36 d.C. , un oscuro studioso del nord, Stiffelius Van der Eben, aveva improvvisamente messo a rumore il mondo intellettuale diffondendo le basi teoriche e pratiche della Psycoscienza, un caotico amalgama di nozioni puramente scientifiche , illazioni spirituali, poteri mentali e pulsioni ecologiste. Il maestro pensava che non fosse altro che una versione riveduta e corretta della ancestrale "magia simpatica", ma Stiffelius non lo avrebbe mai ammesso, considerata la popolarità, il successo e gli introiti che stava ottenendo con i suoi enunciati. Per un caso tanto misterioso quanto fortuito, Van der Eben si era imbattuto in una piccola pianta proveniente dalle lande che secoli prima avevano ospitato il Messico, una suffrutticosa cactacea che non aveva bisogno quasi di nulla per attecchire, riprodursi e crescere. L'aveva coltivata e aveva notato che, in tutta l'area intorno ad essa, i fumi carboniferi tendevano a svanire. Dopo lunghe osservazioni ed esperimenti, comprese che la pianta li assorbiva e li trasformava in nutrimento, annullandone la carica inquinante. Portando alle estreme conseguenze questa bizzarra funzionalità, Stiffelius iniziò a fare tentativi per realizzare prima dei filtri, ma erano troppo scomodi e difficili a gestirsi, poi - con una geniale intuizione - realizzò delle sigarette con i filamenti estratti dalle foglie e dalle radici della pianta, prontamente battezzata Ebenia Mutantis. I soggetti che si prestarono a provarle, mostrarono che il fumo delle sigarette di Ebenia, depositandosi nei polmoni, assorbiva le emissioni carbonifere e le trasformava, nutrendo le cellule della pianta nei corpi e creando delle barriere organiche interne contro il fortissimo inquinamento di Submundia. La popolarità di Van der Eben fu subito immensa e venne salutato come il salvatore comune di tutte le popolazioni. Misteriosamente, proprio mentre enormi somme di crediti affluivano sui conti suoi personali e della società che gestiva la produzione delle sigarette, Stiffelius scomparve. Le forze dell'ordine lo cercarono ovunque, si pensò a ricatti, a ritorsioni, ad un rapimento, ad un incidente; ma nessuno trovò né lui né la soluzione al caso. Come era comparso sulle scene così si era dissolto nell'aria. La gente iniziò a dimenticarsi di lui, ma non delle sigarette filtranti, sempre richiestissime. Quel che nessuno sapeva, al contrario del maestro al quale nulla sfuggiva, tanto meno cose del genere, che potevano nascondere misteri pericolosi, era il motivo della fuga di Stiffelius. Perchè di fuga si era trattato, appena era apparso chiaro un effetto collaterale: le cellule della pianta avevano bisogno di nutrirsi, ma era un bisogno irrefrenabile, incontrollato, e finito di modificare le particelle di carbone nei polmoni iniziavano a modificare anche il corpo, nutrendosi di esso, come un simbionte aggressivo. Nessuno se ne sarebbe accorto, sulle prime, se una notte, un operaio delle raffinerie non avesse attaccato briga con un collega, entrambi ubriachi, in una bettola della periferia di Metropolis. L'altro operaio aveva sferrato un pugno al petto dell'uomo e lo aveva attraversato. Come fosse burro. Fuggito l'aggressore, il medico accorso aveva fatto subito portare via il corpo, ne aveva curato l'autopsia e aveva scoperto che l'interno era diventato una specie di morbida massa spugnosa, biancastra, pulsante, che si era sostituita agli organi rendendo l'uomo un involucro. Pensante, vivente, ma in finale solo un mezzo di locomozione per le cellule della Ebenia. Terrorizzato, aveva telegrafato la notizia ai centri del potere, subito intercettata dai Validanti. E i politicanti avevano messo tutto a tacere come di consueto: il corpo dell'operaio morto, e il medico - vivo - erano stati rinchiusi in una fornace nelle prigioni sotterranee del Ministero della Giustizia Pubblica e carbonizzati all'istante. Inutilmente i capi del governo centrale avevano cercato una soluzione ma sembrava non essercene alcuna. L'esercito dei Molli, così cinicamente li avevano definiti, gli operai zombie inconsapevoli di esserlo, andava aumentando in ogni opificio, fabbrica, luogo dove potessero esserci emissioni di fumo e vapore. E il Primo Validante iniziò ad intravvedere l'uso che avrebbe potuto farne...



segue



*
9e129457-ad49-4745-8751-e8a3600819b5
« immagine » decima parte di Crenabog Un silenzio greve ristagnava sotto la volta del salone delle adunanze. Nell'aria ruotava il formicolio di brandelli di elettricità statica, ultimo lascito del portale svanito nel nulla con il suo mostruoso abitante. Lentamente i confratelli sopravvissuti t...
Post
30/10/2014 09:33:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    23

Commenti

  1. stregaxamore.VE 30 ottobre 2014 ore 11:03
    Wow certo che ne avere di fantasia , bellissimo
  2. Eleanor.Peacock 30 ottobre 2014 ore 14:02
    Che possanza !!!!!!!
  3. giusi62 30 ottobre 2014 ore 14:33
    b :bacio ellissimo SEMPRE PIU COINVOLGENTE,
    BRAVISSIMIIIIIIIIIIIIIII|
  4. MorganaMagoo 30 ottobre 2014 ore 15:14
    ... quanta fantasia. anche l'Ebenia Mutantis. ma dove andremo a finire?
  5. AstrotermicAle 30 ottobre 2014 ore 15:18
    La faccenda si fa intrigantissima. Alien vi fa un baffo.
    L'idea delle sigarette in apparenza benifiche ma in realta' mutanti e' eccezionale, e mai cosi lungimirante come ora, epoca dei finti farmaci e veri veleni.
    Bravissimi, vi ammiro.
  6. AstrotermicAle 30 ottobre 2014 ore 15:19
    Anch'io faccio progressi, sono passata dal 47esimo commento al primo.
    Tie'
  7. Nibs 30 ottobre 2014 ore 15:46
    x stregaxamore.VE, ci ho messo qualche giorno a tirar fuori la puntata ma stavolta è... spumeggiante! ahah!
  8. Nibs 30 ottobre 2014 ore 15:46
    x Eleanor.Peacock, è ovvio, sono un omo de panza!
  9. Nibs 30 ottobre 2014 ore 15:47
    x giusi62, grazie, è una buona puntata, sì!
  10. Nibs 30 ottobre 2014 ore 15:53
    x MorganaMagoo, be', se l'era vittoriana era quasi stata sterminata dall'Heracleum Mantegazzianii, magari l'Ebenia Mutantis può vendicare l'Hogweed Gigante...eheheheh!!! si vedrà!
  11. Nibs 30 ottobre 2014 ore 15:58


    l' Heracleum Mantegazzianii cerca vendetta! eheheh, che tempi, ragazzi!
  12. Nibs 30 ottobre 2014 ore 16:01
    x AstrotermicAle, grazie, ci ho messo dentro di tutto e in verità gli effetti delle sigarette filtranti saranno imprevedibili così come le sue conseguenze sul mondo politico ed economico di Submundia, che rispecchia, mai quanto stavolta, quello che accade realmente nel nostro mondo. un avvertimento? chi può dire se non sia già in atto...
  13. albaincontro 30 ottobre 2014 ore 16:17
    Quanta fantasia,quali prospettive audaci,ma per me agghiaccianti,perchè non tanto avveniristiche nella sostanza !
  14. Nibs 30 ottobre 2014 ore 16:19
    x albaincontro, hai ragione, speculare su questi mondi alternativi aiuta a denunciare le cose che accadono ma anche a terrorizzarsi per quel che può succedere. o magari sta succedendo e non ce lo dicono... abbracci!
  15. AllegroRagazzo.Morto 30 ottobre 2014 ore 16:59
    ciao a tutti,

    prima di tutto, grazie a voi, leggenti... in fondo ci incoraggiate a proseguire. Tutto è nato da poche righe di conversazione, adesso siamo già alla decima parte.

    Una nota particolare a Nibs perché ha sviluppato un momento interessante della storia. Questo nuovo capitolo lo si può considerare, infatti, come un nuovo inizio, perché apre un mondo su quello che già c'era, fateci caso, iniziaste a leggerlo adesso senza avere in mente la storia precedente, lo vedreste un gran bell'inizio. Questa, non è cosa facile perché scrivendo serialmente, si tengono molteplici timoni e mantenere la giusta rotta non è mai semplice.

    Personalmente scrivere è un viaggio alquanto interessante, per molti versi simile ad un viaggio normale con l'unica differenza, non da poco, che si possa decidere quanto a lungo ed intensamente farlo.
  16. Nibs 30 ottobre 2014 ore 19:23
    x AllegroRagazzo.Morto, grazie per la spiegazione, è giusto che il contesto generale venga appreso e compreso, valutato così da poter essere - o meno - apprezzato poi il prodotto finale che cerchiamo di offrire agli amici. E' vero che scriviamo per il piacere di farlo, ma farlo per gli amici è decisamente più gratificante. Resto in attesa, e con me sicuramente tutti gli altri, della tua nuova puntata!
  17. AllegroRagazzo.Morto 30 ottobre 2014 ore 20:18
    Nibs: Sto ultimando la bozza, poi passo alle correzioni e agli elementi di continuità, fulmini permettendo dovrebbe essere pronta in poco tempo e poi ovviamnete riceverai mia missiva... forse non lo si era evinto da quanto espressoti in precedenza ma hai scritto davvero bene!
  18. salyma 31 ottobre 2014 ore 07:53
    Solo fantasie? fantascienza? può essere, tutto scritto molto bene ma quante verità ci ho letto! quelle che non ci faranno mai sapere fin quando non verremo sterminati in massa. Piano piano.....altro che sigarette mutantis. I nostri organismi mutano si, ma non certo per le sigarette, c'è ben altro dietro ai disegni di chi sta dietro le quinte a guardare!
    ciao
  19. Nibs 31 ottobre 2014 ore 12:35
    x salyma, l'intento del racconto è proprio questo, di rispecchiare - deformandole - certe raltà attuali. grazie della visita e del commento, lo so che non è il tuo genere preferito quindi mi fa ancora più piacere vederti qui. ciao
  20. julia.pink 31 ottobre 2014 ore 14:47
    Davvero come dicono altri avvincente e ricco di fantasia, siete davvero bravi e secondo me vi divertite molto a scrivere e questo lo rende sicuramente unico! Bravissimi!
  21. Spiritwalker 31 ottobre 2014 ore 16:28
    Fantasia spettacolare....tramma avvincente tanto che vorrei gli episodi fossero più lunghi ;-)
    Bravi!
  22. giusi62 31 ottobre 2014 ore 20:49
    aspetto il seguito ciao ragazzi
  23. Matt.ssx 01 novembre 2014 ore 02:26
    Avvincente e a tratti realistico,se si pensa che la citazione che si meritano ce l'hanno pure i "politicanti"! :many Ciao!
  24. Cicala.SRsiciliana 01 novembre 2014 ore 14:57
    Sicuramente il racconto è ricco di fantasia perché le idee le ha partorite la tua mente ma è una fantasia con i piedi a terra, cioè un’ inventiva dove riscontro tanta realtà. Bravissimo Marco, Rita :fiore
  25. Nibs 01 novembre 2014 ore 20:31
    x julia.pink, è un diversivo notevole dai nostri blog normali quindi c'è un sicuro stimolo creativo. un caro saluto, grazie.
  26. Nibs 01 novembre 2014 ore 20:33
    x Spiritwalker, posso capirti, ogni capitolo è uno spunto che potrebbe viaggiare da solo per molte pagine!
  27. Nibs 01 novembre 2014 ore 20:34
    x giusi62 e anche quello arriverà...
  28. Nibs 01 novembre 2014 ore 20:37
    x Matt.ssx eheh non è molto irreale, se ci si pensa bene... ciao!
  29. Nibs 01 novembre 2014 ore 20:39
    x Cicala.SRsiciliana, grazie Rita, stavolta ho cercato di rispecchiare qualche porcheria del mondo attuale, modificandola un po' giusto quel che basta per metterla nel racconto futuristico...o futuribile, eh! abbracci
  30. Odirke 02 novembre 2014 ore 11:30
    Che dire... fatelo pubblicare !

    Semper Fidelis
  31. Cicala.SRsiciliana 02 novembre 2014 ore 12:07
    Bravissimoooo, non è facile fondere la realtà con la fantasia, sei davvero eccellente! Abbracci, Rita
  32. Nibs 03 novembre 2014 ore 00:14
    x Odirke, è una ipotesi che potremmo anche prendere in considerazione, chi sa... abbracci!
  33. Nibs 03 novembre 2014 ore 00:14
    x Cicala.SRsiciliana, ci si arrangia, sperando sempre di far bene! cari saluti!
  34. Cicala.SRsiciliana 03 novembre 2014 ore 01:12
    perchè dici che ci si "arrangia", quando stai facendo un egregio lavoro? Sbaglio o sei giù di tono? Saluti a te Marco, Rita
  35. Nibs 03 novembre 2014 ore 08:34
    x Cicala.SRsiciliana, oh be', giù di tono sicuramente, tra il sonno che non c'è, le nottate a crepare di freddo girando dove sto adesso a far le ronde, il figlio frantumato e la moglie in vista di una operazione difficile, diciamo che ci vuole un fegato che neanche le oche francesi ce l'hanno, per vivere questa vita. comunque mettici pure che di solito mi butto giù perchè così se qualcuno mi dice un piccolo apprezzamento mi sento molto più su che se partissi già elogiandomi da solo. come suol diresi, è un po' il prevenire invece che provvedere. abbracci.
  36. Cicala.SRsiciliana 03 novembre 2014 ore 10:14
    Leggendoti, hai tutte le ragioni per sentirti stanco. Io non riuscirei a scrivere, ad inventare a creare post così coinvolgenti in preda alla stanchezza ma tu sei encomiabile! Nessuno di noi però ti elogia, direi invece, che tutti ti apprezziamo. L’elogio lo si fa anche per dire qualche cavolata pur di commentare, l’apprezzamento è tutt’altra cosa. Buona giornata Marco, Rita
  37. Nibs 03 novembre 2014 ore 10:36
    x Cicala.SRsiciliana, e come sempre ti ringrazio e anche tutti gli altri che mi seguono. un abbraccio collettivo e scappo a letto. a presto!
  38. c.ioccolatino111 03 novembre 2014 ore 12:08
    Pura fantasia? Sì, certo...eppure, un domani, qualche fantasia potrebbe avverarsi grazie alla scienza - quella oscura - e alla tecnologia che in questi ultimi 25 anni, ha fatto passi da gigante. Si spera di no...noi speriamo e aneliamo sempre ad un mondo migliore, ma non sappiamo cosa potrà accadere tra 100, 1000 anni alle prossime generazioni...sempre se questo bel Pianeta, non si disintegrerà prima certo ! Colpa le nefaste azioni compiute da pazzi e adoratori del male.
    Questa è la decima puntata...eppur mi ha presa ugualmente :-) come sempre, mi congratulo con te e pure con la tua immensa fantasia ! :-)))
    Un caro saluto.
  39. Youarethesea 03 novembre 2014 ore 23:40
    Passo anzi ripasso domani per leggere. Vista l'ora..... Non reggerei il confronto....
    :fiore Cla :fiore
  40. Nibs 04 novembre 2014 ore 02:11
    x c.ioccolatino111, grazie, speriamo che questo mondo duri ancora un po', anche se mica ci credo troppo eh! abbracci
  41. Nibs 04 novembre 2014 ore 02:12
    x Youarethesea, ok, quando vuoi, bentornata qua in mezzo. a presto...
  42. serenella21 04 novembre 2014 ore 16:52
    bello bello:clap
    bravissimi
    ciao:staff
  43. Nibs 04 novembre 2014 ore 22:08
    x serenella21, grazie Lisa, a breve arriva la nuova puntata di ARM, gli sta dando qualche limatina, prendetevi tempo perchè è enorme ahahah! ciao!
  44. methos1phd 05 novembre 2014 ore 21:39
    Davvero bello e avvincente :-) buona serata. Angie
  45. Nibs 08 novembre 2014 ore 20:51
    x methos1phd, grazie Angie, a presto con la nuova puntata di ARM...

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.