L'INESISTENZA DELLA NOTTE

27 ottobre 2011 ore 22:36 segnala


Da troppo tempo, ormai, il mio orologio ha perso conoscenza di s stesso. I ritmi circadiani, come il serpente della favola, si sono mangiati la coda e sono svaniti. Notte, giorno, veglia, sonno, non esiste pi nulla di tangibile. Un senso perenne di obnubilamento, un vivere ovattato, la perdita della comprensione del tutto. Vago nella notte, lo spirito inquieto, sempre qualcosa che si agita furtiva ai bordi della visione oculare, fruscii. A volte cado in un deliquio momentaneo, mi illudo di aver dormito cinque, forse sei ore ma l'orologio segna dieci, quindici minuti. Sonni brutali, raramente sogni confusi li attraversano. Attimi di staticit che tentano di fermare l'illogico vortice nel quale sono precipitato. E, ogni tanto, sento la sua presenza: forse l, dietro i tendaggi, a scrutarmi? E' un suo sospiro quel che mi ha spinto ad aprire gli occhi? Ho veramente spostato io la mano, o non la sua fantasima che tenta di afferrarla? Cosa vuole da me? Mi vuole? O cerca solo di vivere attraverso il pensiero che di lei mi sono creato? La notte non ha limiti, si sparge a macchia d'olio sul mondo, solo per donarle un asilo, per farla uscire dal suo limbo, per ricondurla a me. La notte sa essere un complice ineffabile, pur nel suo non essere.
3c642f8e-3dd4-4cd7-b100-b506d5aa47a4
immagine Da troppo tempo, ormai, il mio orologio ha perso conoscenza di s stesso. I ritmi circadiani, come il serpente della favola, si sono mangiati la coda e sono svaniti. Notte, giorno, veglia, sonno, non esiste pi nulla di tangibile. Un senso perenne di obnubilamento, un vivere ovattato...
Post
27/10/2011 22:36:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. Lucrezya57 28 ottobre 2011 ore 14:19
    la notte ti attanaglia senza pariglia non si chiudono le ciglia sei sempre desto attento al minimo rumore quella mano che fa muovere le tende....si tutto cosi in una notte di luna piena dove solo te e il tuo io state brindando a cosa per mi domando????
  2. DonnaDiClasse 29 ottobre 2011 ore 15:54
    Credo che, tu e la notte abbiate un bisogno disperato l'uno dell'altra.....per vivere serenamente del giusto tempo quando tempo.....
    Un :bacio
  3. Milton 29 ottobre 2011 ore 21:58
    certo che ormai hai piu' blog tu che non so' chi altri,a sto' punto creati un social network pure tu e ci piazzi tutti i tuoi blog,ti ho gia' creato il logo della home page
  4. Nibs 31 ottobre 2011 ore 20:02
    x Lucrezya57, alla luna piena! e a cos'altro si pu brindare, oramai?
  5. Nibs 31 ottobre 2011 ore 20:04
    x DonnaDiClasse, ah, ma la notte la mia unica amante, fedele, non mi lascia mai...mentre il sonno un vecchio amico del quale serbo il ricordo ma che viene a trovarmi davvero di rado. Sarebbe bello, s, ma son tante le cose belle che non si riesce ad avere...
  6. Nibs 31 ottobre 2011 ore 20:06
    x Milton, a volte penso che mi sto rifacendo ad un vecchio racconto, credo di Matheson, che si chiamava REGOLA PER SOPRAVVIVERE. In un futuro devastato, da dopobomba nucleare, con pochissime persone rimaste al mondo, un povero postino passava le giornate a scrivere e a portare lettere a chi non c'era pi, rispondendosi e leggendosele da solo. Come direbbe Puccini, "un po' per gioco e un po' per non morire..." grazie dell'idea, se fossi capace sarebbe oltremodo divertente.
  7. biancamaria00 14 novembre 2011 ore 09:48
    questo l'altro mondo di me che non si vede :-*
  8. Nibs 14 novembre 2011 ore 10:26
    Lieti di averti aperto le porte del nostro Underworld, c' cos tanto da scoprire.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.