Sera...

26 ottobre 2009 ore 21:04 segnala
Ed Ŕ ancora sera,mi ritrovo qui davanti con luci che vanno e vengono,al buio di una stanza,accompagnto da un pacchetto di sigarette,guardo tutto quello che succede,seguo gioie e dolori dei miei amici virtuali,scambio opinioni,li consolo o condivido la loro euforia,ma poi...poi solo una lunga notte,sperando che il mattino arrivi presto,per trovare una voce amica,per poter sognare ancora.
Buonanotte
Nicholas

....

11 ottobre 2009 ore 20:44 segnala
                                              




Sento...tutti i brividi del mondo....

Che vita....

10 ottobre 2009 ore 21:32 segnala
Strano Paese il nostro,strana gente la popolazione Italiana
Capace di idignarsi profondamente sull'onda dei Mass media e subito dopo dimenticarsi di tutto.
Leggendo i giornali oggi ho trovato una miriade di articoli sulla politica,sulle trombate di Berlusconi e soci,sulla necessitÓ di una nuova legge elettorale,sulla magistratura schierata politicamente,su destra e sinistra e centro,ma solo un trafiletto su una cosa veramente importante di cui nessuno si occupa,di cui nessuno vuole parlare di cui frega niente.

..."Tre milioni di persone sono sotto la soglia di povertÓ alimentare in Italia. Secondo una ricerca presentata oggi dal Banco Alimentare e dalla Fondazione per la SussidiarietÓ una famiglia di due persone viene considerata 'alimentarmente' povera se ha una spesa media mensile in cibi e bevande inferiore a 222,29 euro: una condizione nella quale si trovano 1.050.000 famiglie. C'Ŕ di pi¨: la stragrande maggioranza dei poveri (oltre l'80%) Ŕ composta da operai, per lo pi¨ disoccupati. La differenza tra famiglie povere e benestanti Ŕ in media di 370 euro: le prime spendono per mangiare 155 euro al mese, contro i 525 delle seconde. Le differenze si notano soprattutto per le bevande, gli oli e gli altri grassi, il pesce, i gelati e i dolciumi....."

"La disoccupazione prima causa di povertÓ. La maggiore causa di povertÓ, e quindi anche di povertÓ alimentare, come emerge dalla ricerca - condotta su un campione dal milione e mezzo di assistiti dalla Fondazione Banco Alimentare - Ŕ la disoccupazione, che incide per il 59%. Ma si diventa poveri anche per problemi di salute/disabilitÓ (30%), morte di un familiare o separazione dal coniuge (15%). Le famiglie pi¨ povere sono infatti quelle 'monogenitore' (20,8%)."

ora che dire se non alzare la voce

le faccende di letto o di palazzo non interessano

serve LAVORO e reddito per tutti

BASTA dire che va tutto bene

la FAME Ŕ in agguato anche per tutti quelli che oggi si credono al sicuro
e domani vengono licenziati
Berlusconi - Bersani o chi per loro
dimenticatevi delle vostre poltrone e incominciate a capire cosa sta succedendo

un mesto sorriso

Nicholas


Ricordi...

07 ottobre 2009 ore 21:43 segnala
Lascio il mio vecchio blog ma non i suoi contenuti

http://blog.libero.it/ilmiomondostrano/view.php?ssonc=65751790

per chi vuole leggere o semplicemente ascoltare cose senza senso
pensieri e sensazioni,momenti di vita

Nicholas
ex Elwe

Si parte.....

06 ottobre 2009 ore 22:02 segnala
E viaaa......
Dopo un lungo pellegrinare tra varie community,eccomi approdare in questa,spero di stabilirmi qui e trovare un po di amici.
Un sorriso
Nicholas