Il nulla

16 settembre 2010 ore 21:24 segnala
Quando si vive non accade nulla: le scene cambiano, le persone entrano ed escono, ecco tutto! Non vi mai un inizio. I giorni si aggiungono ai giorni, senza capo n coda, una addizione interminabile e monotona: Di tanto in tanto si fa un totale parziale, si dice: sono anni che lavoro, che vado in ferie o non ci vado, che abito in un certo posto, etc etc. E non vi nemmeno una fine, non si lascia mai una donna, un amico, una citt tutto in una volta. E poi tutto si assomiglia: Roma, Milano, Catania, New York, Parigi, Pechino, Mosca, Algeri, Sidney, Tokyo, nel giro di una quindicina di giorni tutto uguale. Una volta ogni tanto,raramente, si fa il punto, ci si accorge che ci si appiccicati ad una donna, a un lavoro, a una faccenda ingarbugliata. La durata di un lampo! Poi la sfilata ricomincia, ci si rimette a fare l'addizione delle ore e dei giorni, lunedi, martedi.... 2003. 2004.....sembra che si cominci dal principio e in realt si cominciato dalla fine. La fine li invisibile e presente ed essa che da a queste poche parole l'enfasi e il valore di un inizio: passeggiavo per la citt e non mi sono accorto di essere arrivato in un certo posto, pensavo ai miei casini! A molti di noi sar capitato questo ma questa frase vuol dire che eravamo cos assorti, afflitti, a mille miglia di distanza dal nostro passeggiare, in un istante nel quale ci sono passati accanto mille avvenimenti senza averli visti!Ma la fine li, presente, a trasformare tutto!Gli istanti hanno cessato ora di ammucchiarsi a casaccio gli uni sopra gli altri, sono ora ghermiti, fagocitati dalla fine della storia che li attira e ciascuno di essi attira a sua volta l'istante che li precede! Il male di noi esseri umani che, per quanto spesso possiamo anche dircelo, non siamo davvero, scientemente, intellettivamente consapevoli che l'avvenire non c' ancora, quel tizio che potrebbe essere ognuno di noi, passeggiava per la citt immerso nei suoi pensieri mentre il giorno o la notte che fosse, gli offriva alla rinfusa le sue ricchezze monotone ma pur sempre ricchezze di avvenimenti, di amore, odio, vita, morte, insomma tutto, ma egli non se ne accorgeva e quindi non sceglieva tutta quella vita che aveva a dispossizione, non viveva, ritrovandosi, a un certo punto, in un posto senza sapere come ci era arrivato e cosa era successo durante il suo cammino! Noi viviamo cos!e crediamo di vivere!

11745206
Quando si vive non accade nulla: le scene cambiano, le persone entrano ed escono, ecco tutto! Non vi mai un inizio. I giorni si aggiungono ai giorni, senza capo n coda, una addizione interminabile e monotona: Di tanto in tanto si fa un totale parziale, si dice: sono anni che lavoro, che vado...
Post
16/09/2010 21:24:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. nessun.attesa 16 settembre 2010 ore 21:40
    gesti meccanici, tutto troppo meccanico.
  2. maretraicapelli 16 settembre 2010 ore 22:41

    urge una veleggiata rigeneratrice...

     

    ____/)___  :-)

  3. Linda.75 17 settembre 2010 ore 07:38
    E' tutto uguale, tutto si ripete, il mondo paese, la gente va e viene....ma se si impara ad amara il nuovo giorno...allora si che la facenda cambia...e tutto quello che deve avvenire un momento tanto atteso...
    K
  4. thelongroad 27 settembre 2010 ore 01:31
    sempre Tom.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.