Separazione

25 gennaio 2010 ore 20:28 segnala

Catania, stazione, binario uno. Un caporale in mimetica, sui venticinque, basso, serio, tarchiato. Un siciliano dell'interno probabilmente; e una donna pi o meno dello stesso tipo, con un sorriso largo e, a guardarlo attentamente, un po' forzato. Stanno grattando un gratta-e-vinci sul muretto. Appesa alle gambe di lui, tutta ridente, c' una bambina di tre o quattr'anni, gli tira spavaldamente il giubbotto. La tuta del tipo desertico, color sabbia macchiata; al braccio l'insegna con scritto Tchad, forze italiane. Non hanno vinto, osservo allontanandomi verso i giornali, e adesso si sorridono occhi negli occhi. Le dita dell'uomo carezzano i capelli della bambina, adesso. La donna gli sta dicendo qualcosa. Dieci minuti dopo, sul treno per Roma, ho rivisto il soldato mentre stava salendo sul vagone. Butta dentro la borsa, si volta a riabbracciare la bambina. Sua moglie dice ancora qualcosa, che per si perde fra gli strilli. Ha cominciato a piangere esattamente ora, disperatamente, appena il soldato ha posato il piede sul primo gradino. La mamma la tira a s, il soldato sale. Gli sportelli si chiudono, il treno parte. "Permesso", dice educatamente il soldato, spingendo la borsa davanti a s sul predellino. E' uno sui venticinque con una faccia seria per la sua et, da figlio di contadini di Caltanissetta o Niscemi..

La vita fatta solo di separazioni

11384860
Catania, stazione, binario uno. Un caporale in mimetica, sui venticinque, basso, serio, tarchiato. Un siciliano dell'interno probabilmente; e una donna pi o meno dello stesso tipo, con un sorriso largo e, a guardarlo attentamente, un po' forzato. Stanno grattando un gratta-e-vinci sul muretto....
Post
25/01/2010 20:28:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. xCONNYx 25 gennaio 2010 ore 21:05
    ......... :bacio
  2. tramontoassolato 26 gennaio 2010 ore 15:39

     

    Hai proprio ragione, chi per un motivo...chi per un altro

    costretto a separarsi sempre dalle persone vicine.

    Buon pomeriggio.

    Albarosa

     

  3. venturina45 26 gennaio 2010 ore 18:49

    sono daccordo con te :rosa

  4. Alba.a 28 gennaio 2010 ore 18:14

    triste ma vero....

    questa la vita ...e questo credo sia il vero e solo dolore della vita separazione.

    amiko mi ti auguro una buona serata

    e permettimi di darti un affettuosissimo abbraccio

    anche se virtuale

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.