'Na vranga 'e suonne (una manciata di sogni)

24 settembre 2009 ore 20:09 segnala

Sera d'estate,nu suspiro 'e viento

sfioranno 'e scoglie,smova appena tanto

chest'acqua scura e sotto 'a luna argiento

me pare che chiuvesseno diamante.

Stienne 'e manelle,pigliano 'na vranga;

è overo che sarrà 'na vranga 'e suonne

ma è bell''o stesso,e chesta luna janca

nun t'addimannarrà tu a chi te suonne.

Essa è fatta accussi:te guarda e zitta.....

le so' passate 'e secule p''e mane...

e chello che tu vide,addò sta scritto

ch'è tutto'overo?quando dimane

è ancora primmo ch'è passato ajere,

e si nun fosse che cagnano 'e stagione

accussi comme cagnano 'e penziere,

comme 'o truvasse 'n'atu paragone

pe' dicere so'n'ommo?..so' 'na pianta?...

Guarda chest'acqua sotto 'o chiaro 'e luna;

è sultant'acqua,ma pe' 'n amante

ch'a perzo ammore e nun tene a nisciuno

stu luccichio so' lacreme d'ammore.

'O piscatore mena 'a varca annante

e penza:cheste so' perle 'e sudore.

Pe' me pare che chiovene diamante.