Attendo..

14 novembre 2007 ore 22:43 segnala
Guardo
Silenzioso guardo
sentimenti che non posso provare
Soffro
Silenzioso soffro
emozione che non posso ricambiare

Scopro un amore
Che non conoscevo
Scopro una sofferenza
Che non sapevo:
Perchè?
Perchè l`amore
dovrebbe far soffrire?

Sorrido
Silenzioso sorrido
affetto che non posso,
a modo mio, non ricambiare
Amore, amicizia,
strano come il sottile
nebuloso limite
venga superato facilmente


Guardo,
Silenzioso guardo.

Attendo...  

Perle di saggezza...1

02 novembre 2007 ore 10:12 segnala
Ad una cena di beneficenza per una scuola che cura bambini con problemi di apprendimento, il padre di uno degli studenti fece un discorso che non sarebbe mai più stato dimenticato da nessuno dei presenti. Dopo aver lodato la scuola ed il suo eccellente staff, egli pose una domanda: 'Quando non viene raggiunta da interferenze esterne, la natura fa il suo lavoro con perfezione. Purtroppo mio figlio Shay non può imparare le cose nel modo in cui lo fanno gli altri bambini. Non può comprendere profondamente le cose come gli altri. Dov'è il naturale ordine delle cose quando si tratta di mio figlio?'
Il pubblico alla domanda si fece silenzioso.
Il padre continuò: 'Penso che quando viene al mondo un bambino come Shay, handicappato fisicamente e mentalmente, si presenta la grande opportunità di realizzare la natura umana e avviene nel modo in cui le altre persone trattano quel bambino.' A quel punto cominciò a narrare una storia: Shay e suo padre passeggiavano nei pressi di un parco dove Shay sapeva che c'erano bambini che giocavano a baseball.
Shay chiese: 'Pensi che quei ragazzi mi faranno giocare?'
Il padre di Shay sapeva che la maggior parte di loro non avrebbe voluto in squadra un giocatore come Shay, ma sapeva anche che se gli fosse stato permesso di giocare, questo avrebbe dato a suo figlio la speranza di poter essere accettato dagli altri a discapito del suo handicap, cosa di cui Shay aveva immensamente bisogno.
Il padre si Shay si avvicinò ad uno dei ragazzi sul campo e chiese (non aspettandosi molto) se suo figlio potesse giocare.
Il ragazzo si guardò intorno in cerca di consenso e disse: 'Stiamo perdendo di sei punti e il gioco è all'ottavo inning. Penso che possa entrare nella squadra: lo faremo entrare nel nono'
Shay entrò nella panchina della squadra e con un sorriso enorme, si mise su la maglia del team.
Il padre guardò la scena con le lacrime agli occhi e con un senso di calore nel petto.
I ragazzi videro la gioia del padre all'idea che il figlio fosse accettato dagli altri.
Alla fine dell'ottavo inning, la squadra di Shay prese alcuni punti ma era sempre indietro di tre punti.
All'inizio del nono inning Shay indossò il guanto ed entrò in campo. Anche se nessun tiro arrivò nella sua direzione, lui era in estasi solo all'idea di giocare in un campo da baseball e con un enorme sorriso che andava da orecchio ad orecchio salutava suo padre sugli spalti. Alla fine del nono inning la squadra di Shay segnò un nuovo punto: ora, con due out e le basi cariche si poteva anche pensare di vincere e Shay era incaricato di essere il prossimo alla battuta.
A questo punto, avrebbero lasciato battere Shay anche se significava perdere la partita?
Incredibilmente lo lasciarono battere.
Tutti sapevano che era una cosa impossibile per Shay che non sapeva nemmeno tenere in mano la mazza, tantomeno colpire una palla.
In ogni caso, come Shay si mise alla battuta, il lanciatore, capendo che la squadra stava rinunciando alla vittoria in cambio di quell magico momento per Shay, si avvicinò di qualche passo e tirò la palla così piano e mirando perché Shay potesse prenderla con la mazza.
Il primo tirò arrivò a destinazione e Shay dondolò goffamente mancando la palla.
Di nuovo il tiratore si avvicinò di qualche passo per tirare dolcemente la palla a Shay.
Come il tiro lo raggiunse Shay dondolò e questa volta colpì la palla che ritornò lentamente verso il tiratore.
Ma il gioco non era ancora finito.
A quel punto il battitore andò a raccogliere la palla: avrebbe potuto darla all' uomo in prima base e Shay sarebbe stato eliminato e la partita sarebbe finita.
Invece... Il tiratore lancio la palla di molto oltre l'uomo in prima base e in modo che nessun altro della squadra potesse raccoglierla. Tutti dagli spalti e tutti i componenti delle due squadre incominciarono a gridare: 'Shay corri in prima base! Corri in prima base!'
Mai Shay in tutta la sua vita aveva corso così lontano, ma lo fece e così raggiunse la prima base.
Raggiunse la prima base con occhi spalancati dall'emozione.
A quell punto tutti urlarono:' Corri fino alla seconda base!' Prendendo fiato Shay corse fino alla seconda trafelato. Nel momento in cui Shay arrivò alla seconda base la squadra avversaria aveva ormai recuperato la palla..
Il ragazzo più piccolo di età che aveva ripreso la palla quindi sapeva di poter vincere e diventare l'eroe della partita, avrebbe potuto tirare la palla all'uomo in seconda base ma fece come il tiratore prima di lui, la lanciò intenzionalmente molto oltre l'uomo in terza base e in modo che nessun altro della squadra potesse raccoglierla. Tutti urlavano: 'Bravo Shay, vai così! Ora corri!' Shay raggiunse la terza base perché un ragazzo del team avversario lo raggiunse e lo aiutò girandolo nella direzione giusta. Nel momento in cui Shay raggiunse la terza base tutti urlavano di gioia.
A quel punto tutti gridarono:' Corri in prima, torna in base!!!!' E così fece: da solo tornò in prima base, dove tutti lo sollevarono in aria e ne fecero l'eroe della partita.
'Quel giorno' disse il padre piangendo 'i ragazzi di entrambe le squadre hanno aiutato a portare in questo mondo un grande dono di vero amore ed umanità'.
Shay non è vissuto fino all'estate successiva.
E' morto l'inverno dopo ma non si è mai più dimenticato di essere l'eroe della partita e di aver reso orgoglioso e felice suo padre.. non dimenticò mai l'abbraccio di sua madre quando tornato a casa le raccontò di aver giocato e vinto.

ED ORA UNA PICCOLA NOTA AL FONDO DI QUESTA STORIA:
In internet ci scambiamo un sacco di giochi e mail scherzose senza che queste ci facciano riflettere, ma quando si tratta di diffondere mail sulle scelte della vita noi esitiamo.
Il crudo, il volgare e l'osceno passano liberamente nel cyber spazio, ma le discussioni pubbliche sulla decenza sono troppo spesso soppresse nella nostre scuole e nei luoghi di lavoro. Se stai pensando di forwardare questo messaggio, c'è probabilità che sfoglierai i tui contatti di rubrica scegliendo le persone 'appropriate' o 'inappropriate' a ricevere questo messaggio.
Bene: la persona che ti ha mandato questa e-mail pensa che TUTTI NOI POSSIAMO FARE LA DIFFERENZA. Tutti noi abbiamo migliaia di opportunità, ogni giorno, di aiutare il naturale corso delle cose a realizzarsi. Ogni interazione tra persone, anche la più inaspettata, ci offre una opportunità: passare o rinunciare ?
Un uomo saggio una volta disse che ogni società è giudicata in base a come tratta i meno fortunati.
Ora tu hai 2 scelte:
1.cancellare
2.inoltrare

Possa questo giorno essere un buon giorno.  :-))) :-)))  :rosa

La nostra vita… L’immaginario 17

11 ottobre 2007 ore 00:35 segnala

Il mio bambino..  

Sai di quei giorni in cui ti viene voglia di qualcosa di speciale. Sia una pietanza, sia un capo d’abbigliamento, sia una stravaganteria !!

Ma cominciamo tutto da capo…

A me è capitato un annetto fa ..una cosa strana, quasi irrealizzabile ma bella, molto bella, tremendamente bella…mi è venuta voglia di avere ancora un figlio.  Se ne parlava ridendoci sopra; là sul divano di casa nostra in quelle nottate in cui il sonno stenta a venire ed in cui tutti gli argomenti sono buoni per poter stare insieme a farsi le coccole. All’inizio ci si rideva sopra, poi col passare del tempo la cosa era diventata sempre più seria..  

E perchè no!! Seguendo il detto degli anziani ci siamo ripetuti: “un figlio è una benedizione”. E poi ora abbiamo tanto tempo per potercelo godere perché il nostro vaso in cui riponiamo l’amore è stracolmo e certamente non sarebbe mancata la linfa vitale che si chiama affetto per il nostro piccolo…..anzi.

Il destino infame poi …. ci ha fatto abbandonare l’idea.

Ed oggi … Sai di quei giorni in cui ti viene voglia di qualcosa di speciale. Sia una pietanza, sia un capo d’abbigliamento, sia una stravaganteria !!  Oggi il mio cuore è cupo… mi guardo intorno ed ogni bambino che mi vedo sfrecciare intorno mi riporta a quell’idea così bella!  Oggi sarei potuto essere padre di un bimbo tanto desiderato….Avrei gioito del suo disordine, delle sue stravaganterie, del suo frastuono…

E pensare che avevamo scelto anche il suo nome!!!  Oggi quel bimbo mi manca ! !

La nostra vita… la realtà 11

26 settembre 2007 ore 14:56 segnala
  “buon appetito amore” e come ad ogni pasto mi accingo a pranzare, come quasi sempre , da solo…. Ops.. io e te!

 Si perché la nostra casa, sai quella che abbiamo ristrutturato e messa su insieme, per noi ! ancora oggi mi vede con te a dividere ogni mio passo !!  Ricordi!!??  “questa mensola meglio metterla più in basso” , e.. “quel lampadario si adatta di più al bagno” !

La nicchia per gli oggetti da riporre, scavata nel muro vicino al letto !! creata e poi dimessa!! … tutto parla di noi. Queste mura...  potessero parlare !! Quante cose hanno ascoltato, quante risate e quanti discorsi seri e tenebrosi. Ed anche se da 5 mesi ascoltano poco, tu sei sempre sulla mie labbra……”buon giorno” , “buon appetito amore” , “buona notte, tesoro”.

Una volta in casa mi sento più confortato, lo scrigno del mio cuore apre i battenti e tu, dall’angolo in cui ti ho riposto, salti fuori e vivi con me!!  Di tanto in tanto mi avvicino al telefono , quasi per istinto, e poi mi allontano di colpo…

Alcune tue frasi mi rimbombano ancora nelle orecchie…. “Meglio non sentirci che sentirci in queste condizioni !!” .. Ma!!!  “no, lascia fare, sarà meglio così”…, ed è come se avessi messo il fuoco su quel telefono… Mi viene l’istinto di prenderlo e chiederti: “mi aiuti a cucinare la carne alla sgaloppina? o il risotto con i porcini ?” ma l’ombra del tuo monito mi riconduce alla realtà.

Bene amore stasera faccio da me… io cucinerò per te !! e lo farò aiutandomi con delle ricette belle e confezionate…Ma sempre e comunque con te a fianco…. Ed anche se il mio cuore è triste, gioisco dei pensieri della vita passata e dei momenti belli. Si gioiamia, mi piace ricordarti ancora tutta mia ed apparentemente sincera e leale!!  Vivi con me!!

La nostra vita.… l’immaginario 16

26 settembre 2007 ore 01:40 segnala

  E fu così che anche quel giorno è venuto. Nessuno di noi lo voleva anche se ognuno di noi se lo aspettava.

Il programma televisivo era interessante, il dibattito politico ci teneva attaccati allo schermo quando il telefono squillò. Lei istintivamente raccolse il cordless lasciato sul divano e con tono normale le uscì il suo “pronto” dalla gola. I suoi successivi “si” “si” mi fecero trasalire dal tavolo ancora apparecchiato su cui ci eravamo attardati, presi come eravamo dal programma. Capii subito che qualcosa non andava! Che succede?!! Dissi d’istinto. Una sola parola usci dalla sua bocca..”il babbo” mentre con fare quasi automatico riponeva il cordless nel suo alloggio, con lo sguardo che fissava il nulla, immersa in chissa quali pensieri. Il babbo sta male!! Devo andare .. furono le sue parole..  Ripensandoci  mi si gela ancora il sangue.  Il babbo era sofferente, e nell’ultimo periodo le sue pene erano aggravate e lo avevano abbattuto come non mai.  La prima telefonata dall’infermiera era stata per lei… malgrado suo fratello abitasse più vicino. Il babbo stava male, era alla fine; e come ogni persona alla fine aveva chiesto della figlia femmina.  Una ultima corsa in ambulanza al pronto soccorso, una ultima richiesta di aiuto .. ma per lui non c’è stato nulla da fare. Il babbo, il buon e bravo Bernardo, non ce lo aveva fatto. Aveva finito di soffrire ed era andato a raggiungere la sua amata sposa lassù in cielo.

Le nostre lacrime non andranno mai a compensare il bene che quest’uomo aveva avuto per la famiglia. “Ciao papà, riposa in pace” “porta un bacio alla mamma da parte mia” queste le prime agghiaccianti parole pronunciate, alla notizia della sua dipartita, dalla figlia.  

I nostri cuori sono a lutto per la grande perdita e come per tutto quello che è importante nella vita di una persona, anche questa data sarà da noi ricordata con affetto…09.08.2007… 

“Ciao”……………………………………..

1971 - Tutto tuo....

24 settembre 2007 ore 08:29 segnala
Tutto tuo

Lei mi scrutò in viso,
che sguardo profondo fu quello,
mi disse con tono deciso,
da ora tu sei tutto mio.

Non può cosa umana ingannarmi,
non può nessun essere al mondo,
lo sento e sono decisa:
da ora tu sei tutto mio.

Con te saprò vincere tutto,
qualunque problema è distrutto,
sarai con me sempre e dovunque:
da ora tu sei tutto mio!

Sacj 1971


Una bella poesia, fervida immaginazione, cose che ognuno di noi vorrebbe sentirsi dire....................:-)
Buona giornata a tutti  :rosa :rosa  :-)))

Una rosa .. per te!

23 settembre 2007 ore 21:48 segnala
.secondo voi ...
quando si vuole dire qualcosa ad una persona e non si sa come dirla, o le parole non salgono per l'emozione, o per la rabbia o semplicemente perche si è timidi , come si fa??
Con il linguaggio universale si arriva a dire tutto.. si dice ti amo, ti penso, mi piaci, sei cara.....si dice tutto.
Basta che ti presenti con una rosa rossa in mano e con lo sguardo che di conseguenza ti ritrovi :-))) :-))) :-)))
 questa rosa per tutte le donne che passano dal mio blog.
Un caro saluto, un abbraccio ed una :rosa

Ti lascerò vivere….

19 settembre 2007 ore 00:36 segnala
Una tua scelta:
vivi come hai scelto di vivere… nell’ombra ma sempre presente !  

A tutte quelle persone che hanno fatto scelte del genere !!!!

 

Un abbraccio ed un bacio per tutti  :rosa

La nostra vita…. l’immaginario 15

18 settembre 2007 ore 00:25 segnala
  Mi sono sentito d’un tratto solo!.. Come mai, anche se circondato da una schiera di amici, mi sentivo così solo. E fu cosi che mi sono allontanato da tutti per ritrovare quel momento che potesse essere.. mio e tuo. Il cellulare tra le mani, stentavo quasi a fare il tuo numero. Disturbo o sarò capito…?? Ma no dai che stupido sei! Mi sono ripetuto … ed allora a cosa valgono questi anni di vita insieme se tu non sarai in grado di capirmi ! mi sono detto.

Il numero dell’ufficio o quello del cellulare?? Solo un attimo di esitazione  e poi difilato 334.911…….. uno squillo, un secondo, un terzo interminabile e poi la tua voce :”pronto?” E come per incanto il sorriso è tornato sulle mie labbra.. Tu, la mia dolce C… eri là, come sempre presente e come sempre dolcissima. Non c’è stato nemmeno bisogno di spiegarti i motivi di quella chiamata… il mio tono così diverso dal solito ha fatto scattare in te quella molla di autoprotezione con cui tu ti prendi cura di me e conseguenzialmente .. di te. Tu gioiamia, hai saputo, come sempre lenire quel dolore interiore che negli attimi che hanno preceduto la chiamata mi affliggevano. Una dolce parola, un bacio.. un altro hanno completato l’ulteriore momento magico che si era creato tra noi. Un’intesa perfetta, perché cosi tra noi funziona….. Ed una volta chiuso il telefono; tornata la tranquillità,ho ripreso il mio quotidiano lavoro, con la tua immagine bellissima, stampata nella mia mente.

La nostra vita.... l'immaginario 14

11 settembre 2007 ore 10:04 segnala
.. tu e sempre tu. Come sempre nei miei sogni ad occhi aperti ti ho rivista. La notte è trascorsa, portando dietro di sè la stanchezza del giorno passato. Come in un sogno irreale vedo i nostri corpi distesi sul letto in maniera disordinata.  Il tuo piede, quasi a volermi ancora cercare, poggiato sulla mia coscia in una posa apparentemente assurda. Guardo e riguardo la perfezione della tua ricercatezza nello scegliere la biancheria intima per la notte. Sai che questa tua estrosità mi piace, come conosci bene tutto di me...

Sai quale profumo scegliere, quale trucco abbinare ad una cerimonia o alla semplice e quotidiana giornata lavorativa. Tutto di te mi fa star bene.  Disegno con l'ombra delle mie dita il tuo profilo; la tua fronte ampia, le tue labbra carnose, le tue guance rosee, i tuoi occhi socchiusi..... mi chino su di te e ti do il mio bacio del buon giorno. Socchiudi gli occhi ed il tuo primo sorriso della giornata è tutto mio...
 Sei bellissima.. inizia bene anche questa giornata.!