Non c'è tempo!!!

18 febbraio 2021 ore 15:24 segnala

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mi capita sempre con più frequenza di imbattermi in siti che prima di un articolo, indicano la dicitura “tempo di lettura X minuti”. Oltre che ad irritarmi, mi chiedo perché, leggere per me è un piacere (perché il web deve dettare i miei orari?), questa osservazione mi ha portato a fare alcune riflessioni su scrittura e lettura ai tempi di Internet.
Primo punto, più immediato: come si fa a calcolare il tempo di lettura di un articolo? Posso essere alla ricerca di informazioni, quindi scorro rapidamente focalizzandomi sulle parole chiave. Oppure, posso soffermarmi, oltre che sul contenuto dell’articolo, sullo stile di scrittura e sulle scelte lessicali, centellinando anche il suono dei vocaboli. In questo caso, il tempo di lettura sarà molto maggiore che nel primo caso. 
Secondo punto, analizzando un po’ di più la questione: perché è necessario indicare il tempo di lettura di un articolo? Forse non abbiamo abbastanza tempo da dedicare alla lettura oppure un articolo troppo lungo può scoraggiarci dal leggerlo?
Nel mondo dei social, in cui scorriamo distrattamente la home, un’immagine o un titolo può catturare la nostra attenzione per qualche secondo, e poi? Clicchiamo davvero sul link per andare a leggere una notizia, una recensione, un’intervista?
Forse per capire il problema bisogna fare un passo indietro, solitamente su internet le cose non vengono fatte a caso, se il tempo di lettura è indicato è perché è stato notato che funziona. Perché funziona? Forse stiamo perdendo lo stimolo alla lettura? Forse è stato pensato che se un sito garantisce la breve durata di un articolo ci sarà più gente propensa ad aprirlo? Questo mi porta ad un’altra considerazione. Come catturare l’attenzione di un pubblico ‘poco interessato’,anche se attratti dal titolo, quanti leggono realmente oltre le prime 4 righe? Forse per quello i siti mettono le mani avanti, come a dire: Fermo li, non ci metti più di 5 minuti, tempo che viene su il caffè ed hai finito!
Questo mi ha portato ad analizzare questi fenomeni, perché possono essere indice di qualcosa che ci coinvolge tutti e tutte, dato che chiunque passa del tempo online oggi giorno.È anche vero che la soglia dell’attenzione di tutti noi è calata drasticamente, assuefatta dai ritmi del digitale e dalla velocità che questo sistema ci impone. E se la risposta più ovvia fosse anche quella giusta? Forse ciò che ci manca realmente è proprio il tempo per fermarci un attimo e leggere con calma.
Perché il problema alla fine non è tanto nel ieri vs oggi o carta vs web, ma spesso siamo noi e le nostre scelte. Siamo noi che decidiamo di non leggere oltre il titolo, siamo noi che scrolliamo inconsapevolmente le bacheche dei social, siamo noi che ci accontentiamo di contenuti plastici e privi di passione...PRENDITI IL TUO TEMPO, LEGGI CON CALMA!!!


97b22bb2-5b49-42b5-b39b-dfc84dd93a82
« immagine » ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Mi capita sempre con più frequenza di imbattermi in siti che prima di un articolo, indicano la dicitura “tempo ...
Post
18/02/2021 15:24:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. ombra.dargento 19 febbraio 2021 ore 09:00
    chi scrive ha le parole o i caratteri contati, chi legge i minuti... spazio e tempo virtuali sembrano essersi ristretti. rimane la realtà di un libro tra le mani, profumate pagine da sfogliare, senza fretta.
  2. Paolo.Indaro 19 febbraio 2021 ore 15:14
    @ombra.dargento:

    Sarà che sono vecchio ma io leggo con lo stesso interesse un libro o un articolo o un blog trovato nel ueb,forse perchè ho tempo in abbondanza ma 'sta cosa del tempo mi ha dato sui nervi.
    :incazzato
  3. ninfeadelnilo 19 febbraio 2021 ore 19:34
    Non entro se non ho tempo per leggere. Sono una blogger da 13 anni. Chi mi conosce sa che leggo davvero. Anche a me piace assaporare e approfondire l'argomento, poi mi prendo tutto il tempo che serve per commentare adeguatamente. Il bello del leggersi sta nello scambio di opinioni. Ci sono persone che prendono in giro se stessi e gli altri, entrano, in un secondo ti mettono il mi piace ed escono. A che serve entrare? Detto poi da me che il blog amo scriverlo ma anche arredarlo di immagini e musica a tema. Il solo mi piace lo metto quando non ho nulla da commentare al post. Bell'argomento, condivido ogni tua parola. :ok
    Raffy :fiore
  4. ombra.dargento 19 febbraio 2021 ore 20:30
    sì, è decisamente fastidiosa e per chi legge totalmente inutile! :-(
  5. Paolo.Indaro 20 febbraio 2021 ore 14:48
    @ninfeadelnilo :
    Ti ringrazio per il bel commento, io sono uno di quelli che mette il Mipiace ma ti assicuro che lo metto solo dopo aver letto per bene, sui commenti ho un opinione tutta mia a riguardo, sicuramente sbagliata ma me la tengo,se il post mi interessa preferisco commentarlo con la persona che lo ha scritto nel limite del possibile vedi preferiti o blocchi vari. Ciao :bye
  6. ninfeadelnilo 20 febbraio 2021 ore 17:39
    Grazie a te, scusa ma non ho capito bene il significato di queste ultime parole.
    se il post mi interessa preferisco commentarlo con la persona che lo ha scritto nel limite del possibile vedi preferiti o blocchi vari.
    Ciao :bye
    Raffy :fiore

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.