Riflessioni di un cacciatore

25 novembre 2008 ore 17:04 segnala
Nel mese di settembre, tradizionalmente nelle nostre zone inizia la stagione venatoria, la cosidetta "apertura della caccia".

Certo che solo a leggere questa orrenda parola "caccia" qualcuno avrà già chiuso la pagina.
Oppure penserà, cosa, quegl'infami sparacchiatori che girano per le nostre campagne uccidendo povere bestiole da mattina a sera, vogliono parlarci del loro crudele divertimento?

Forse è stata l'ormai cronica stanchezza di chi, come me, maturo cacciatore con diverse levataccie sulle spalle, si sente da troppo tempo additato come sanguinario assassino con le mani perennemente lorde di sangue a stimolare la voglia di postare sul blog queste poche righe.

Sinceramente questo non mi ha però impedito di andare per la mia strada e di continuare ormai da quasi trent'anni a seguire la mia passione.
Per me la caccia non è un hobby e neppure uno sport, chi dice di praticarla per questo non è un cacciatore.

La Caccia è una passione e come tutte le passioni deve essere guidata da una sua etica e praticata con intelligenza e conoscienza.

Andando a caccia si vive la tradizione dei propri padri, nonni, zii, fratelli e incredibilmente, si pensa anche.

Si pensa pure che si stà sottraendo una vita alla natura e ci si chiede se questo è giusto, se siano legittimi i sensi di colpa e allora leggiamo librettini tipo "Filosofia della Caccia" del filosofo Spagnolo Josè Ortega Y Gasset oppure " Il Bosco degli Urogalli" di Mario Rigoni Stern.

Il cacciatore non ha la certezza matematica che la sua condotta sia irreprensibile, ma beninteso non è nemmeno sicuro del contrario, si trova forse in una situazione ambigua che vorrebbe chiarire riflettendoci sù, senza raggiungere mai l'evidenza desiderata.

Personalmente nella mia pur limitata conoscenza del mondo da semplice "uomo di piaggia" amo vivere nella natura e a contatto con essa, ma allo stesso tempo come un animale di gruppo o uomo di relazione, a seconda di come vogliamo parafrasare, amo stare con le persone e vivere con mia figlia e la mia famiglia...... 

le mie risposte, pur non definitive, le ho trovate, altrimenti avrei smesso di sognare la caccia e la sua poesia.

 

P

 

10256396
Nel mese di settembre, tradizionalmente nelle nostre zone inizia la stagione venatoria, la cosidetta "apertura della caccia".Certo che solo a leggere questa orrenda parola "caccia" qualcuno avrà già chiuso la pagina.Oppure penserà, cosa, quegl'infami sparacchiatori che girano per le nostre campagne...
Post
25/11/2008 17:04:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    3