Amleto a passeggio per Roma

09 aprile 2012 ore 08:32 segnala
Amleto a Via der Polverone Atto 3 scena 1


Essece o nun essece: sta tutto qua er problema. Sara’ mejo sopporta’ le botte che er destino infame ce regala, oppure ribbellasse a sto’ mare de guai e cosi’ falla finita? Morì. Dormì’… Si. Dormì’ e basta. E cor sonno finilla na’ bona vorta cor crepacore e co ’ li mille tormenti che ce so’ destinati da quanno venimo ar monno. Come se fosse facile. Mori’.Dormi’...Magari sogna’. Ma qua sta l’impiccio. Perche’ er dubbio su che razza de sogni se potranno mai fa’ na’ vorta morti, appena che uno se scioje da quella catena che è la vita, è na cosa che er solo pensiero te sgomenta. E’ sto pensiero che te tiene aggrappato all’esistenza e te la fa’strascina’ co’ l’unghie e co’ li denti.
Perchè, parlamose chiaro, chi è che je la farebbe a sopporta’ tutti li carci e li sfottimenti della gente, la forza de n’ boja che te strangola, l’insurti dell’infame prepotenza, li tormenti der core, e’ trappole d’a’ giustizzia, er potere che te schiaccia e l’impicci e l’imbroji che tocca fa’ pe’ lega’ er pranzo co’ la cena, quanno, te da solo, potresti falla finita co’ sto’ calvario solo coll’aiuto de un cortello?
Ma uno areggerebbe sti’ gravami sur groppone, butterebbe er sangue sotto er peso de na’ vita che te sfonna, se nun fosse che er terrore che te’pija, pensanno a quello che c’è dopo la morte, quer paese che nessuno conosce e da dove nun tornano mai li pellegrini, nun te frenasse la voja de finilla e te fa’ porta’ sta’ croce conosciuta piuttosto che azzardatte a cercanne un’antra che manco se conosce? E allora, facenno sti’ ragionamenti, diventamo carogne e er core da leone che pe’ un minuto affiora subito aritorna pecorone pe’ via de sti pensieri. E tutte ste’ grannezzate che uno vorebbe fa’ alla fine se risorveno in gnente. In acqua che nun macina, in chiacchiere che se le porta er vento.

Maurizio
cccf15c8-d012-4666-90c7-0c8fa403b1f0
Amleto a Via der Polverone Atto 3 scena 1 Essece o nun essece: sta tutto qua er problema. Sara’ mejo sopporta’ le botte che er destino infame ce regala, oppure ribbellasse a sto’ mare de guai e cosi’ falla finita? Morì. Dormì’… Si. Dormì’ e basta. E cor sonno finilla na’ bona vorta cor crepacore...
Post
09/04/2012 08:32:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.