Pazienza

25 maggio 2011 ore 14:34 segnala
Ultimamente mi sento dire spesso che sono dotata di pazienza, comincio a pensare sia vero.
Insomma sono qui che con calma vivo le mie giornate cercando di spiegare al mondo cosa sono, cosa faccio e come la penso, e non lo faccio per essere accettata da quale strana istutuzione... ma semplicemente perchè voglio che le persone che mi incontrano, sappiano con chi hanno a che fare.
Se devo essere sincera ad esempio, non so bene perchè ho deciso di aprire il blog, (forse perchè erano le 3 di notte e non avevo sonno ??) quindi non so nemmeno dove mi porterà e cosa vi porterà leggermi.
Ma torniamo alla pazienza, si ne sono dotata, una pazienza costruita anno per anno, prova dopo prova, persona dopo persona.
Trovo infatti sia la dote principale per chi decide di intraprendere il percorso che sto facendo io...qualche tempo fa scrissi qualcosa a proposito... lo ripropongo...

La pazienza è una qualità e un atteggiamento interiore proprio di chi accetta il dolore, le difficoltà, le avversità, le molestie, le controversie, la morte, con animo sereno e con tranquillità, controllando la propria emotività e perseverando nelle azioni. È la necessaria calma, costanza, assiduità, applicazione senza sosta nel fare un'opera o una qualsiasi impresa.
Pazienza viene da patire e patire non e' soltanto soffrire.
Dunque, mi pare che pazienza significhi almeno: sopportare, subire, attendere.
Sopportare vuol dire farsi carico di qualcosa e portarlo avanti, e' la tolleranza attiva, non sdegnosa, ma rispettosa e creativa, perche' tollerare vuol dire anzitutto sollevare. E' una forza benefica, che conserva e salva.
Subire significa mettersi sotto: e' azione simile ma inversa del sopportare; e' sottomettersi, abbassarsi senza sollevare nessuno, ma accettando la superiorita' di chi infligge, rispettandone la violenza
Attendere nel significato della pazienza riguarda un modo di stare nel tempo senza forzarlo, senza strappare la pianta per farla crescere in fretta, senza precipitare l'azione prima della sua maturazione. È l’avere rispetto delle cose e dei ritmi di processi e persone, e' disciplina del nostro agire. Non siamo noi che facciamo tutto, che imponiamo tempi e regole, ma siamo attivi dentro azioni piu' grandi, dentro movimenti di altri, dentro una realta' che ci ricomprende.
Questa pazienza e' una virtu' verso la vita: saper lavorare per altri che verranno, piantare alberi che non vedremo per figli e posteri.
La pazienza e' una virtu' se e' quel patire attivo capace di assorbire e spegnere in se' la violenza; se è l’attende e il non forzare gli eventi e del patire senza subire; se e' passione e amore.
Non c'e' amore senza pazienza. Il frequente fallimento dell'amore di coppia non significhera' forse carenza di pazienza, illusione stolta che nell'amore tutto sia facile e garantito, ignoranza della legge vitale per cui l'amore va sempre curato e costruito, attraverso le circostanze difficili e i limiti personali di tutti.
La pazienza nell'amare deve essere reciproca, non unilaterale (che sarebbe disuguaglianza, inammissibile nell'amore), va da ciascuno suscitata nell'altro donando per primo, non va
aspettata dall'altro come condizione per muoversi.
La pazienza è l’intelligenza di sapersi costruire pezzo per pezzo.


08e40cc2-629a-40fd-8e7d-59f07f21604f
Ultimamente mi sento dire spesso che sono dotata di pazienza, comincio a pensare sia vero. Insomma sono qui che con calma vivo le mie giornate cercando di spiegare al mondo cosa sono, cosa faccio e...
Post
25/05/2011 14:34:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.