IL MUSEO (Racconto)

10 marzo 2011 ore 14:14 segnala
La giornata non prometteva nulla di buono, avevo già ricevuto diverse telefonate dall’ufficio, erano solo problemi da risolvere. Iniziai a chiamare, cercando di essere più tranquillo possibile, incredibile come le persone possano andare in escandescenze per un non nulla.  Sfoderai tutto il mio self-control, cosa non difficile per me, per rabbonire quelle persone. Alla terza telefonata però ero esausto.

Mentre parlavo camminavo, mi aiutava a rilassarmi. Mi accorsi allora di essere davanti all’ingresso di una mostra, erano esposti alcuni capolavori dei Macchiaioli di Firenze.
Senza pensarci troppo su, spensi il cellulare ed entrai.

Quei dipinti così ricchi di colori, quei contrasti, mi rapirono. Non sono un intenditore d’arte e non comprendo molto le differenze di stili e la qualità del pennello, so solo che se un quadro mi colpisce è perché tocca le corde delle mie emozioni, mi parla al cuore.

Mancavano ormai solo due stanze alla fine, quando davanti a un Fattori, vidi una giovane donna che scrutava il dipinto con attenzione. Sembrava una critica d’arte, o quantomeno, un’appassionata. Mi fermai a osservarla. I capelli le scendevano ricci lungo la schiena, il fisico proporzionato era molto gradevole. Indossava un maglioncino sportivo sopra a una gonna a pieghe, un abbigliamento che nella sua semplicità trovai molto attraente. Le gambe mi colpirono particolarmente, avevano qualcosa che le faceva apparire vellutate come mai mi era capitato di vedere.

Quanto tempo trascorse non lo so, quella figura mi aveva completamente astratto dalla realtà.

A un certo punto lei si girò, evidentemente aveva percepito uno sguardo insistente dietro di lei. Mi guardò, anzi, mi fissò per alcuni interminabili secondi. I suoi occhi mi colpirono con la forza di un uragano, penetranti e forti. Rimasi come inebetito, incapace di muovermi o proferir parola. Leggevo una carica di vita, una passionalità mai viste prima.

 

11936569
La giornata non prometteva nulla di buono, avevo già ricevuto diverse telefonate dall’ufficio, erano solo problemi da risolvere. Iniziai a chiamare, cercando di essere più tranquillo possibile,...
Post
10/03/2011 14:14:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. Aljsja 10 marzo 2011 ore 20:22

    in mezzo a tanti dipinti....

    Buona serata, grazie della visita
  2. a.frodite23 12 marzo 2011 ore 14:16

    bravo direi !!!   ben scritto...carino il racconto,incalzante ti viene voglia di sapere cosa succede dopo ......pero!!!!!!!.......te lo dico in privato se avremo modo........ma bravo

     

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.