Kevin Gilbert in "LAMIA" (genesis )

02 luglio 2010 ore 23:36 segnala

 Il profumo diventa più intenso, lui sa che si sta avvicinando
Scopre un lungo corridoio illuminato da un lampadario
Ad ogni passo che percorre il profumo cambia
Da una fragranza familiare ad aromi sconosciuti
Una magnifica sala si schiude davanti ai suoi occhi
Dentro, una grande vasca di acqua di rose è avvolta da un sottile strato di nebbia
Camminando nell’umido silenzio, viene delicatamente baciato da una calda brezza
Pensando di essere da solo
Entra nella stanza come se fosse la sua
Ma la dolce acqua rosa che si increspa
Rivela la presenza di una compagnia inattesa
Rael se ne sta attonito stupito da ciò che vede
Folgorato dalla bellezza, preso dal panico;
Tre serpenti vermigli dal volto di donna
Un movimento leggiadro pieno di grazia
Melodie silenziose pervadono la sala echeggiante
Ma non c’è traccia di pericolo nel richiamo della sirena
“Benvenuto Rael, siamo le Lamia della vasca
Stavamo aspettando che le nostre acque ti arrecassero refrigerio”
Lasciandosi la paura alle spalle, confida ciecamente nella bellezza
Scivola nel nettare, dopo essersi tolto gli abiti ridotti a brandelli
“Con le lingue, tastano, assaporano e giudicano tutto il mio essere
Si muovono in una sequela di carezze
Che fanno rabbrividire la mia spina dorsale
Mentre mordono il frutto della mia carne, non sento dolore,
Solo una magia alla quale non saprei dare un nome.
Quando la prima goccia del mio sangue raggiunge le loro vene
I loro volti si contorcono per i dolori atroci
La più bella grida: ‘Tutte noi ti abbiamo amato, Rael’.”
Ogni corpo a forma di serpente galleggia inanimato
Lamento silenzioso in barche vuote
Una nauseante acidità pervade la stanza
L’amaro raccolto della belezza morente
Cerco un segno di vita pur sapendo di non poterne trovare
Accarezzo le ricce chiome già impallidite
Alle quali sono stato avvinto
“O Lamia, mangerò ciò che rimane del vostro corpo”
E’ di aglio l’odore
Che rimane sulle mie dita di cioccolato.
Guardandomi alle spalle, l’acqua ritorna gelida e blu
Le luci vengono abbassate e il palcoscenico è di nuovo pronto per te
11666914
 Il profumo diventa più intenso, lui sa che si sta avvicinando Scopre un lungo corridoio illuminato da un lampadario Ad ogni passo che percorre il profumo cambia Da una fragranza familiare ad aromi sconosciuti Una magnifica sala si schiude davanti ai suoi occhi Dentro, una grande vasca di acqu...
Post
02/07/2010 23:36:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. tecerco 03 luglio 2010 ore 02:32

    Una canotta, no...eh!!!

    Ciao. Buona domenica.

    http://blog.chatta.it/tecerco/11663478/HO-VOGLIA-DI-TE-.aspx

  2. tecerco 08 luglio 2010 ore 18:15

    Sto a mangia' meno nutella...

    Maaaaaa, 'nsente freddo???

    Tc:rosa :bacio

  3. ReCremisi.ME 10 luglio 2010 ore 09:55
    ...la mia Musa non si smentisce mai. Non sono molto presente in chatta ultimamente per via del lavoro.
    Spero andrai al mare in questo WE
    Salvo :bacio
  4. pensierino50 10 luglio 2010 ore 16:20

    una :rosa e una felice domenica

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.