Non abbiamo bisogno di eroi.

14 settembre 2020 ore 11:42 segnala
Non abbiamo bisogno di eroi.
Mi spiego: non abbiamo bisogno di eroi maschi.
Lo so, lo so, ci hanno raccontato la favola del cavaliere senza macchia e senza paura, sul suo bianco destriero, che accorre a spada sguainata per salvare le nostre principesche chiappe.
Non ne abbiamo bisogno.
O meglio, si, di tanto in tanto ci fa comodo, ma domandiamoci il perché.
Quali sono i mostri moderni, le turpi creature che alitano nel buio, in procinto di sbranarci?
Altri maschi.
Eh si, dai, diciamoci la verità.
Quando la sera stringiamo le chiavi della macchina tra il medio e l’anulare, facendoci diventare bianche le nocche, con i sensi tesi in attesa del minimo rumore fuori posto, è dei maschi che abbiamo paura.
Per alcune è una paura talmente nota e quotidiana che non è poi sto granché, per altre è tachicardia, sudorazione, respiro corto.
Quindi ci fa comodissimo avere accanto un deterrente, un pene con i muscoli che ci scorti dalla macchina al portone, ma NON E’ quello di cui abbiamo bisogno.
Non abbiamo bisogno che nostro fratello (o padre, o zio, o cugino, o fidanzato, o marito) ci protegga dal mostro sotto il letto.
Che poi, dai, adesso parliamone:
Quanto è offensivo che un fratello (padre, zio, ecc ecc) faccia così?
OFFENSIVO, si, l’ho detto.
Dietro ad un fratello che vuole conoscere nei minimi dettagli il nostro flirt si nasconde questo:
Ti amo moltissimo, ma tu non sei in grado di riconoscere il pericolo, quindi ci penso io.
Ma no, non è che sei stupida, è che io gli uomini li conosco, alcuni fanno veramente schifo e non te ne accorgi.
AHAHAHAHAHAHAHAHA!
Lasciatemelo ripetere chiaro: AH AH AH AH AH AH!
Da quando sono nata con questa maledetta (in realtà la adoro) vagina ho a che fare con una sfilza di ostacoli legati all’effetto che faccio agli uomini.
Devo destreggiarmi tra maschi che dicono di amarmi e mi controllano, dicono che la colpa è mia, che la colpa è degli altri, che la colpa è delle altre donne, che la colpa è di Dio, del Diavolo, del vicino di casa, dei musulmani, di tutti, di nessuno.
Imparo a scambiare per complimenti gli abusi, per affetto il possesso, per amore la gelosia.
Se tutto va bene un giorno lo disimparo, ma nel frattempo imparo a conoscere i maschi, a capire cosa è pericoloso, cosa deve insospettirmi, cosa devo aspettarmi.
A volte sbaglio, è vero, a volte sbaglio più e più volte, ma non venirmi a dire che TU, ne capisci più di me.
Se ne capisci davvero quanto me, è perché sei o sei stato parte del problema.
O perché sei circondato dal problema e non stai facendo un cazzo.
Qui arriviamo a quello di cui le donne hanno DAVVERO DAVVERO bisogno.
Abbiamo bisogno che educhi te stesso.
Poi, quando avrai educato te stesso, anziché sbandierare quanto sei diverso dagli altri maschi, vai e rompi i coglioni.
Oh si, devi essere un vero dito nel culo.
Voglio che ogni volta che senti un tuo amico raccontare una barzelletta sessista, tu non rida.
Ogni volta che un tuo amico parla di una donna come se fosse una fetta di carne dal macellaio, lo devi sgridare.
Sgridalo quando fissa una ragazza per strada, quando le fa un “complimento” non richiesto, quando fischia.
Quando controlla il telefono della sua fidanzata.
Quando si presenta sotto casa della ex, o la chiama in piena notte, anche se lei gli chiede di smettere.
Quando dice che le donne sono tutte XXX o tutte YYY.
Quando si vanta di cosa è riuscito ad inventarsi per portare a letto questa o quella.
TU DEVI ESSERE UN DITO IN CULO.
Devono smettere di invitarti alle feste, devono guardarsi tra loro prima di fare una battuta, devono essere esasperati da te.
E se non cambiano, se non ne vogliono discuterne, se non vogliono capire, forse devi cambiare amici.
E’ fastidioso, eh?
Molto più facile fare quello per cui sei stato programmato, il fratello (padre, cugino, zio, ecc) coraggioso, che perseguita il fidanzato della fanciulla in pericolo.
Quello che con la sua spada di cartone muffito va ad abbattere il drago.
TU sei il drago.
Non basta non picchiare una donna per essere a posto, quello è il minimo sindacale.
Non avrai una medaglia perché alle tue fidanzate non hai mai torto un capello, nossignore, levatelo dalla testa.
Non abbiamo più bisogno di uomini che ci difendano dai pericoli che creano per noi.
Abbiamo bisogno, un fottuto, mastodontico bisogno, che la smettiate di sentirvi gli eroi di sto cazzo.
In quel vostro patetico eroismo è racchiusa la nostra presunta inferiorità biologica.
Altrimenti fareste così anche con vostro fratello.
Controllereste ogni precedente, ogni minuscolo dettaglio della vita della sua fidanzatina, per poi andare da lui, con grande decisione, a dire “Quella non la devi vedere”.
No, non la accettiamo più la cazzata che gli uomini rischiano di meno.
La fuori è pieno di maschi vessati e malmenati dalle proprie compagne, che tacciono, perché sembrare femmine è peggio che essere pestati.
Ed è sempre colpa vostra, della vostra sindrome dell’eroe, quella che vi hanno raccontato da quando eravate piccoli.
I cavalieri proteggono, le principesse piangono.
I cavalieri incassano in silenzio, le principesse gridano in cima ad una torre.
Ehi, lo sentite?
Aspetta, ascolta…
E’ il grido di una principessa.
E’ lontano, remoto, ma se tendi l’orecchio le parole si capiscono.
CI SIAMO ROTTE LE OVAIE!!!
Adesso, mio giovane eroe, prendi il tuo cavallino di peluche, la spada muffita, i tuoi buoni propositi da uomo delle caverne e vai a fare il tuo dovere.
Il tuo dovere è non essere un drago e trasformare gli altri draghi in esseri umani decenti.
Nel frattempo, con permesso, farò quello che ho sempre fatto: salvarmi da sola.

Con permesso un paio di palle, ovviamente faccio quello che mi pare.

(Ovviamente ogni commento maschilista verrà rimosso e l'autore bloccato, lo dico per far risparmiare tempo)
46abba95-48a4-4fab-aeb5-3c60ec632531
Non abbiamo bisogno di eroi. Mi spiego: non abbiamo bisogno di eroi maschi. Lo so, lo so, ci hanno raccontato la favola del cavaliere senza macchia e senza paura, sul suo bianco destriero, che accorre a spada sguainata per salvare le nostre principesche chiappe. Non ne abbiamo bisogno. O meglio,...
Post
14/09/2020 11:42:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.