Altre vite

17 maggio 2012 ore 12:15 segnala

Dalla finestra di fronte mi giunge una voce suggestiva di donna... Il suo echeggiare mi fa sentire meno in gabbia ma sempre ancorata alla mia infermità…
E allora guardo fuori…oltre questa finestra che si affaccia sull’infinito ..Essa è ormai da tempo l’unico mio contatto con il mondo esterno, attraverso cui rubo la vita degli altri …mentre mi sazio da spettatrice passiva di banali vicende quotidiane.
Lascio penetrare lo sguardo nello spazio intimo della casa di fronte attraverso le tre finestre aperte di quell’edificio curvilineo, per cogliere di spalle la sagoma di una donna succintamente vestita che attende forse a faccende quotidiane…
Immagino la sua vita, la sovrappongo alla mia in un gioco che acuisce quel sottile dolore che da tempo mi accompagna…Canticchia..sembra felice..chissà se lo è davvero! Se riuscissi ad incontrare il suo sguardo forse saprei capirlo..
Il suono stridulo ed improvviso della sua risata è come una coltellata, una gioia che si contrappone alla mia tristezza in quel gioco di vite sovrapposte…
Allora sollevo lo sguardo verso il cielo , riconsegno a quelle generose forme di donne il loro pezzo di vita e lentamente torno nel mio mondo di silenzio e solitudine che mi avvolge e mi culla….
745c1d6a-d32e-46a4-a123-49d1ac6303a8
« immagine » Dalla finestra di fronte mi giunge una voce suggestiva di donna... Il suo echeggiare mi fa sentire meno in gabbia ma sempre ancorata alla mia infermità… E allora guardo fuori…oltre questa finestra che si affaccia sull’infinito ..Essa è ormai da tempo l’unico mio contatto con il mondo ...
Post
17/05/2012 12:15:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. bikiko1 21 maggio 2012 ore 18:44
    un po Hitchcock della Finestra sul cortile
    e un po Edward Hopper...
    due che sapevano sbirciare,
    ciao, buona serata
    Bik
  2. perladoccidente 23 maggio 2012 ore 13:02
    Bik ..non era l'effetto "guardona" che intendevo suscitare :-)))
    Hopper è un po' il pittore della solitudine rassegnata...di quel silenzio che è anche dimensione di "ascolto" della vita che ci scorre davanti..
    grazie per il tuo gradito commento :-))
  3. bikiko1 23 maggio 2012 ore 14:00
    non intendevo quello nemmeno io,
    il reporter di Hitchock lo fa un po per deviazione
    professionale e un po perchè non può muoversi

    Hopper, come dici tu, guarda dentro la nostra
    desolata e accettata solitudine
    ciao, buona giornata

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.