Tutto ciò che rende un uomo libero

29 dicembre 2009 ore 00:03 segnala
Quante cose sono state create per noi esseri umani, e quante a nostra volta abbiamo dato vita guidati dall'ossessione, dal bisogno, dalla comodità, dai vizi e dal potere. -Gola, cibi raffinati, cibi pesanti solo per il gusto di mangiare, senza badare all'etica del corpo. -Lussuria, abbiamo trasformato il nostro corpo in puro piacere,e talvolta tralasciando la nostra dignità, dimenticando l'amore e l'armonia dell'unione e l'arte della seduzione. -Superbia, ci siamo creati maschere e abbiamo scordato il piacere della buona comunicazione e il rapporto tra persone, credendoci più degli altri, così rinnegando al nostro io di crescere. -Avarizia, tenere tutto per se dal sapere ai soldi, la condivisione in ogni caso, permettendo a chi è ricco di crescere il proprio capitale lasciando alle spalle chi ne avrebbe bisogno. -Invidia, abbiamo riempito il nostro animo di acidità nei confronti di chi ha qualcosa che non abbiamo, invece di essere grati per ciò che siamo. -Ira, ci scagliamo uno contro l'altro senza rispetto solo per differenze superficiali, o amplificando i nostri problemi trascurando chi ci sta di fronte o chi ci vuole bene. -Accidia, sempre comodi e lasciare che le cose vadano così in completa apatia, senza nemmeno degnarsi di aiutare se stessi e prendere in mano le situazioni o gli altri. L'essere umano, bello o brutto, intelligente o stupido, ha diritto di crescere. Ha il potere infinito di cambiare la sua vita e quella degli altri. Lasciando perdere gli stereotipi, i bisogni, su cui oggigiorno costruisce la propria sicurezza, facendo così si distrarrà soltanto da se stesso, e impiegherà una vita a ricercare e a costruire ciò che non è e non fa parte di lui, invece di sviluppare tutte le capacità che dispone rendendosi così davvero alternativo e unico. Invece ogni giorno vedo persone, tutte uguali, tutte perse nel fare quotidiano che danno un valore a cose futili, e ignorando ciò che invece le renderebbe libere. Un uomo pieno dei suoi tranelli, delle sue paure e dei giudizi non sarà mai un uomo libero. Rendetevi consapevoli di questo, perchè questo è quello per cui siamo nati. Ogni cosa creata dall'uomo è solo un fine per giustificare un vizio.

Phibi, ero in vena di scrivere ^^

io..

18 maggio 2008 ore 10:25 segnala
Mentre questa notte si avvicina, questa notte in cui mi sento amata dalla luna così chiara, così bella, così lontana, così sola, e condannata a non vedere mai il tuo sole...
Ci sono canzoni che sn semplicemente tali e quelle che ti trascinano nella realtà mostrando la parte di te che vorresti nascondere, ma le lacrime sono così maledettamente ribelli e sul mio viso scendono contro la mia più forte volontà alle sole prime note delle mie canzoni..
I miei sono fuori, come al solito, il mio caro fratello è a bere, e io sono restata a casa...
Sto bene nella mia solitudine, e mi chiedo perchè io non posso condividere questa con qualcuno di uguale a me...
Qualcuno che mi ami anche se nn sn una ragazza molto dolce, qualcuno che mi ascolti e capisca veramente chi sono, qualcuno che non desideri la solita ragazza, o la solita scopata, anche se non sono una principessa...
Io sono strana, e a volte vorrei essere dannatamente diversa, aver fatto un'altro tipo di vita, di esperienze che diventano una ciccatrice anche se passate...
E tu che mi hai fatto questo dolce donna, dicendomi di avermi sempre amata, accoltellando la mia anima per poi lasciarmi in mano ago e filo ora guarda hai creato la tua luna con qualche toppa, la tua bella luna, così strana, così sola, così lontana..
Quindi vago sola in una notte cullando sogni ma senza poter mai farne...
Io rinasco ogni mattina sperando in un giorno di sole ma mi ritrovo sempre con questa realtà, nera e appiccicosa, so che mi ci hai spinto tentando di salvarmi, ma è oramai parte di me..
Sono convinta che un giorno io ti troverò e tu sarai la mia salvezza e la nostra canzone colmerà questo silenzio e finalmente arriverà anche per me l'eclissi donandomi quella felicità anche per un solo istante...

A Claudia intervista col vampiro..

18 maggio 2008 ore 10:23 segnala
Amo la tua pelle oh così bianca
Amo il tuo tocco freddo come il ghiaccio
E amo ogni singola lacrima che piangi
E amo proprio la maniera in cui stai perdendo la tua vita

Bambina mia come sei bella
Mia cara, completamente lacerata
Sei persa nel peccato bambina mia, e sei bella

Sei persa nel peccato mia cara

Adoro la disperazione nei tuoi occhi

Io venero le tue labbra una volta rosse come il vino
bramo il tuo profumo che mi fa venire i brividi su per la spina dorsale
Amo proprio la maniera in cui stai abbandonando la tua vita

italia suicidata

18 maggio 2008 ore 10:21 segnala
Questa Italia non c´è
si è suicidata
si è specchiata troppo
e si è ammalata
si è specchiata nella tele
pensando fosse il mare
e tutti si sono convinti
fosse la sola cosa da fare
spazio al cinema alla musica e alla cultura
basta che sia ad uso interno
praticamente spazzatura
e io dovrei aver paura
ma sono un ragazzo morto
e niente mi fa paura :punk