anonimo

14 ottobre 2008 ore 09:31 segnala
bottone BOTTONE

Scorrendo le pagine del web ho letto questa riflessione ,e me la sono sposata subito perche' mi sono rispecchiato molto e si avvicina alla mia realta.................................ve la propongo .............




Se si sbaglia ad allacciare il primo bottone di una camicia di conseguenza si sbaglieranno tutti gli altri. Gli altri però non saranno errori, ma solo la logica conseguenza del primo bottone sbagliato.

Vivere una vita allo stato puro, senza falsi compromessi e senza mai essere ipocriti o paura di essere se stessi. Non crearsi degli stereotipi che fanno vivere male e che lasciano vivere notti insonni. Vivere e respirare ogni attimo della vita, far sempre palpitare il proprio cuore con sensazioni forti e coinvolgenti. Mai vivere una vita piatta e senza emozioni, sarebbe come non essere mai nato. Crearsi sempre nuovi interessi, confrontarsi sempre ed in ogni situazione, riproporsi sempre con tanta umiltà. Non chinarsi mai all'arroganza umana ma prostrarsi al divino. Donare amore e non chiedere nulla in cambio, non ferire mai nessuno, ogni creatura ha una sua sensibilità e non va in nessun modo calpestata. Amare gli altri in egual misura di come si ama se stesso ma realmente e non per come obbligo tabellare, la notte ci addormentiamo con noi stessi e la nostra coscienza ci potrebbe tormentare. Sorridere e piangere ed ascoltare sempre il proprio cuore e la propria sensibilità. Vivere sensazioni irripetibili, cogliere ogni attimo, essere sempre e comunque se stessi. Dare sempre il proprio contributo agli altri che ce lo chiedono o che ne hanno bisogno. Compatire commiserare ed evitare le persone viscide e squallide che sono incapaci di pensare e di prendere decisioni (ignavi). I pavidi scacciateli, ne è piena la storia, pensano solo con le proprie tasche, hanno un cuore a forma di salvadanaio. Mordere la vita, rincorrerla, viverla attimo dopo attimo, apprezzarne le piccolezze, lasciare un segno tangibile della propria esistenza e morire senza rimpianti di non aver fatto o provato qualcosa, ma senza mai farsi influenzare da qualcosa o da qualcuno. Immaginate di chiudere gli occhi e vedere un mondo diverso. Immaginate di fischiettare una canzone. Immaginate di essere il protagonista di un film. Che fantastica storia sarebbe la vita. Senza patemi e senza esserne travolti. Ritrovarsi alla fine e dirsi, com'è passata velocemente, perché non l'ho vissuta come avrei voluto? Perché avere questi rimorsi? Perché non dire che bello, che fantastica storia è stata la mia vita. Il nostro egoismo, il nostro pessimismo, la paura di vivere il momento, ci porta poi a rimpiangere quello che avremmo potuto fare. Di chi è la vera vita? Chi può dire che l'ha vissuta fino in fondo? Pochissime persone, ma persone vere, persone che riescono sempre ad esprimere i propri sentimenti, le proprie paure, le proprie ansie, senza mai avere il timore di dire bugie.. Lo sguardo di una vita vissuta con tante possibilità e senza realizzare nulla è molto triste, tanto da perdersi e ricercare cosa si è perduto. Magari ci si rifugia nell'oblio dato da una bottiglia svuotata, ma a cosa serve? A svuotare la mente? Ad avere la bocca arsa per la sete al risveglio? Serve soltanto a farci illudere, a farci rendere conto della nostra inutilità. Che fantastica storia è la vita vissuta con orgoglio, con passione, con amore, con la forza di realizzare qualcosa che gli altri ricorderanno. Che fantastica storia è la vita vissuta fino all'ultimo respiro, ma sicuri di aver sempre dato e di non aver mai chiesto nulla a nessuno


Dal web...anonimo

10077898
bottone BOTTONE Scorrendo le pagine del web ho letto questa riflessione ,e me la sono sposata subito perche' mi sono rispecchiato molto e si avvicina alla mia realta.................................ve la propongo ............. Se si sbaglia ad allacciare il primo bottone di una camicia...
Post
14/10/2008 09:31:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. gattina58 17 ottobre 2008 ore 16:18

    Ho letto con molta attenzione questo post...mi ha fatto riflettere tanto.Sono parole di chi,dopo aver vissuto...può raccontare.

    Grazie per gli scritti che hai lasciato nel mio blog....li ho letti e li riliggerò,perchè sono lezioni di vita..

    SARA

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.