Sette

25 maggio 2018 ore 22:08 segnala


Bittersweet Symphony suonò tronfia. Rispose alla chiamata sul cellulare. Suo figlio, quello piccolo, le faceva gli auguri per il compleanno.

Non sarebbe passato a trovarla, doveva recarsi col padre a comprare le scarpe nuove, firmate naturalmente. Sarebbe poi andato in centro con la "morosa", bello come il sole nelle sue scarpe nuove.

Lo baciò e chiuse la conversazione; il suo biondo ragazzino iperattivo e problematico, quattordici anni d'argento vivo e rabbia.

Da qualche tempo non viveva con lei ma dalla nonna paterna. La decione era stata presa di comune accordo.

Il profondo stato depressivo di cui lei soffriva da tempo e le ristrettezze economiche, non erano le condizioni ideali per la sua crescita emotiva. Era dunque per il suo bene.

Non aveva nemmeno un anno quando il padre, messe le sue cose in un borsone, andò a vivere con la donna che amava alla follia. Da allora fu tutto un susseguirsi di donne amate alla follia e di altrettanti borsoni da viaggio.

Non aveva nemmeno un anno e suo fratello appena tre, quando lei intraprese la carriera circense. Saltimbanco tra mattoncini Lego, pannolini ed estenuanti turni di lavoro serali o notturni. Equilibrista tra bollette e conti da pagare. Pagliaccio per sorridere loro e raccontare dolci fiabe dove tutti vivono felici e contenti.

Accese una sigaretta per sfumare i ricordi. Si stufò delle vuote parole alla radio e la spense.

Aveva bisogno della sua musica. Passò in rassegna tutti i suoi cd ed i suoi dischi. Trovò quel che cercava e lo mise sul piatto. Alzò un po’ il volume quasi certa di non disturbare nessuno. L'alloggio al piano di sotto era sfitto e sopra c'era il solaio. Le note della canzone si diffusero nella stanza e raggiunsero l'ingresso...

"IF I WAS YOUR GIRLFRIEND WOULD U REMEMBER 2 TELL ME ALL THE THINGS U FORGOT WHEN I WAS YOUR MAN ?"

"Se fossi io la tua ragazza, ti ricorderesti di dirmi tutte le cose che hai scordato, quando ero il tuo uomo?"
55b9f42c-210a-4973-9fb5-a413c631aac4
« video » Bittersweet Symphony suonò tronfia. Rispose alla chiamata sul cellulare. Suo figlio, quello piccolo, le faceva gli auguri per il compleanno. Non sarebbe passato a trovarla, doveva recarsi col padre a comprare le scarpe nuove, firmate naturalmente. Sarebbe poi andato in centro con la "m...
Post
25/05/2018 22:08:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. Murmur79 26 maggio 2018 ore 19:44
    Vaghissimamente autobiografica immagino...
  2. R.ocknRolla 26 maggio 2018 ore 20:01
    Chissà. Ho certemte preso spunto un po' qui e un po' là. Ho fatto la rima.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.