ma che fa la gente?

26 settembre 2009 ore 14:30 segnala
ciao a tutti.... ogni tanto ci si rivede.non so se sia giusto dire che sono arrabbiato, forse la fase dell'incazzatura è sublimata in una rabbiosa rassegnazione e indignazione.
Tutti i giorni radio tv e giornali martellano sulla crisi, sulla difficoltà delle famiglie di sbarcare il lunario, ma tutti, puntualmente, dimenticano di sottolineare un aspetto della cosa per me ormai fondamentale: in questi anni di campagne politiche continue, prima durante e dopo il periodo elettorale, dopo aver voluto il bipolarismo, dopo aver demonizzato una destra e umiliato e demolito una sinistra, dopo aver distrutto tutti gli equilibri di uno stato, nessuno dico nessuno ha avuto il coraggio di dire che anche se non lo sa la gente del nostro paese ha più cose in comune oggi di quante ne avesse fino a due anni fa.... siamo stati cresciuti nella ideologia di divisione tra destra e sinistra, tra operaio e datore di lavoro, oggi entrambi hanno gli stesso problema: sopravvivere. Allora come rare volte si è visto, le due categorie si avvicinano litigano si aiutano nel caos del momento o della situazione particolare, ma interagiscono senza creare più disagi del necessario o più problemi di quanti già ce ne siano. E non mi riferisco a ciò che si vede in televisione dove magari lo schieramento che la controlla spinge per pubblicare servizi a lui utili, ma mi riferisco alla vita reale alla micoeconomia del territorio, alle piccole e piccolissime aziende che costituiscono la spina dorsale dell'Italia, quelle in cui alla sera dopo il lavoro datore di lavoro e collaboratore andavano a cena assieme, quante ce ne sono?
Queste sono le aziende che per mantenere il loro status si indebitano, si prodigano per mantenere il rispetto dell'uomo che con loro e per loro lotta. E questo è un diritto che nessuno può loro alienare.... tantomeno altri cittadini loro pari. 
In un momento già duro di mercato sia interno che internazionale, ci sono delle piccole attività che avrebbero la possibilità di fiorire o di radicarsi ora per fiorire al termine della crisi, ma si scontrano non tanto con la burocrazia, che invero ultimamente è migliorata, ma con chi la gestisce. Gente che nella protezione del loro posto di lavoro, dopo anni di abitudine al far il necessario se non il minimo, non ha ancora compre so che soprattutto ora deve attivarsi, deve sacrificarsi come tutti... deve lavorare senza parsimonia di fatiche... come tutti... perchè sono gli unici che ancora non hanno capito che se non mettono le centinaia di migliaia di piccole aziende in condizioni di poter espletare quel poco di lavoro che c'è, per poter poi pagare anche le tasse, beh cari burocrati lo stipendio chi ve lo paga?..... pensateci. 

ciao a tutti......

04 aprile 2009 ore 18:16 segnala
ciao ragazzi....
ogni tanto il Randa torna.
sono stato via, occupato e incasinato.... ne sono successe di tutti i colori... ho perso molto, conquistato poco.
Però è vera una cosa: giorno per giorno, attimo per attimo, sentimento per sentimento, emozione per emozione, oggi sono contento di ricomiciare per l'ennesima volta da zero... ieri semplicemente non capivo..... :fuma

... rieccomi ...

16 febbraio 2009 ore 13:40 segnala
scusatemi per la lunga assenza, ma è stato un periodo importante

e complesso, che necessitava di riflessione.

Credo che ad ognuno di voi sia capitato di dover fare delle

scelte talvolta scomode e talvolta no, ma che nel complesso

implicavano, comunque, un radicale cambiamento di stile e

organizzazione di vita. Beh questo ora è e sta accadendo a me

per l'ennesima volta. Lavoro, famiglia, amici ne ricevono in

qualche modo effetto, ma mai quanto il diretto interessato... ed

è giusto che sia così.

In questo periodo in famiglia siamo stati colpiti da un lutto,

mio nonno, e per quanto anziano, per quanto uno possa sostenere

di essere preparato, alla prova dei fatti non lo è... emozioni e

sentimenti prevaricano qualsiasi laico e razionale

ragionamento...e dico ora: per fortuna.

Piango mio nonno, non fraintendetemi, ma la sua scomparsa ha

ricompattato le famiglie dei figli... ma perchè solo ora?

Sono stanco di dover rincorrere la frenesia della vita perdendo

il sapore della vita stessa... Sentimenti dimenticati, affetti

accantonati perchè tutti vediamo e desideriamo alimentare solo

un egoismo egocentrico, professionale, personale, dimenticando

le cose più semplici perchè considerate scontate... in fin dei

conti i tuoi genitori ci sono da sempre, gli amici anche, la tua

compagna pure... e ci accorgiamo di quanto tempo abbiamo

sprecato non vivendoli solo quando oramai è troppo tardi. I

genitori ti lasciano, gli amici scompaiono e le compagne.....

Vorrei recuperare il tempo perso, le parole non dette, i sorrisi

soffocati.

Vorrei ritirare gli scontri insensati, le offese arrecate, gli

insulti gratuiti...

Ciao nonno...

Natale.....

08 dicembre 2008 ore 17:05 segnala
dovrebbe essere una festività di gioia nelle Tradizione Cristiana....
Luci, bancarelle, vetrine, tutto un luccicare per la gioia degli occhi, ma il cuore?
Penso alle persone che non hanno nessuno a cui fare un regalo, nessuno con cui passare le feste, e penso a coloro che pur avendo vicino qualcuno vorrebbero essere da un'altra parte. La solitudine si manifesta in molte forme e in molti contesti.
Nell'ultimo periodo ho imparato che se si ha il coraggio di affrontare la propria realtà si trova compagnia anche nel sorriso di un passante, donna, uomo, vecchio o bambino che sia. L'importante è sapere che per un momento, per un istante sei stato nei pensieri di qualcuno....
Buon Natale a tutti.

amicizia in chat

12 novembre 2008 ore 23:48 segnala
Ho appena letto il post di una cara amica.... il titolo dice "the end".. è il suo addio al nostro mondo virtuale... leggetelo, lei è Divyna75... E' triste lasciare una amica che se ne va, ma non voglio parlare di questo, piuttosto dell'ironia di certe cose.... Lei ci saluta con la fine di un periodo, appunto The End, ma la verità è che intraprende una nuova strada, percorso, forse vita.....sono triste e contento allo stesso tempo...
Dicono che in rete c'è di tutto..... è vero e io sono fortunato: ho avuto l'occasione di conoscere una bellissima e dolcissima persona... Ciao Divyna e in bocca al lupo...... :rosa

Cani...

09 novembre 2008 ore 20:39 segnala
Lo sono di più quelli a quattro zampe o quelli a due.....!!!!!!!!
Io ho un bastardino di quattro anni, non ha genitori campioni, non arriva dall'allevamento di grido, alla moda...
L'abbiamo salvato, io e mio fratello, da sicuro annegamento. Ma non perchè fosse caduto in acqua, perchè il proprietario della madre aveva deciso di liberasi di tutta la cucciolata non gradita. Il Bastardo. Ce ne accorgemmo in tempo e tra amici e conoscenti trovammo casa a tutti quei piccoli.
Ora stava per accadere un'altra volta!!!!!!!
La povera bestiola ha partorito un'altra cucciolata, tutti bellissimi e identici ai fratelli maggiori, e il Bastardo stava per sbarazzarsi dei piccoli.
Tranquilli..... salvati ed accasati. E lui si è beccato una denuncia.
Dico io.... ma se non vuoi che la tua cagnetta, per altro magnifica e dolcissima, abbia cuccioli , azzzzzz stacci attento e non farla accoppiare visto che la tieni pure in catena dentro l'aia di casa...e mi rispondi che farla sterilizzare costa troppi soldi visto che è SOLO un cane. Bastadro!!!! Come fai a prendertela con batuffoli di pelo che hanno il solo torto di essere nati? Bastardo. Odio chi tiene gli animali e non li cura.
Guai a chi torce un pelo al mio, e non ditemi che sono esagerato.... solo chi ha animali in casa penso possa capire e sapere cosa significa e cosa sia l'amicizia che un cane o un gatto sanno darti...
Qui affianco vedete Kiki quando era piccolo, un cane particolare, come lo sono tutti quelli che ricevono l'amore dei proprietari, un cane che ha il merito di aver riportato la voglia di vivere a mio padre, ma questa è un'altra storia......

Ci sono giorni...

04 novembre 2008 ore 18:19 segnala
in cui ho voglia di scrivere,....mi ci metto e non accade nulla. Non mi viene nulla, mi sforzo....nulla. Anzi no peggio, vengo sovrastato da pensieri, preoccupazioni, incertezze... Mi fermo e comincio ad analizzarle una per una.
Sono i pensieri e le preoccupazioni del lavoro...non vedo soldi, lavoro ce n’è, ma non pagano. E di qui giù una serie di collegamenti che portano alle incertezze. Come faccio a pagare Tizio, come faccio a pagare Caio. Poi mi viene la solita risposta: "si fa come al solito tanto una soluzione l’hai sempre trovata". Ok va Beneeee....Però arrivi ad un certo punto che sei stanco dei soliti pensieri, ne vorresti di nuovi, non necessariamente fantastici, ma nuovi...sempre quelli, sempre quelli...azzzzzzzz!!!!!
E, fatalità, ti assalgono sempre quando abbassi la guardia e dici "ora mi distraggo e mi rilasso, scrivo sul blog", e loro, in agguato non aspettavano altro...eccoli in massa alla carica.....azzzzzzzzzzzzzz....ebbbbastaaaaaa.
Poi accade che squilla il cellulare, è una persona a te cara che ti chiede semplicemente come stai...non è nulla, magari solo formalità ( ma tu sai che non è così), tuttavia ti fa piacere...ti riscalda l’animo, saluti... e pensi... "come è andata oggi?"..... Bene perchè c’è un lato positivo nella mia vita: indipendentemente che il mio periodo sia alto o basso ho la fortuna di avere qualche amico a cui non interessa se posso offrirgli una cena o meno, ma mi cerca perchè sono IO.
.......azzzzzzzz strano ma vero: HO SCRITTO

buon ascolto

28 ottobre 2008 ore 22:41 segnala
Spesso le poche e chiare parole di un amico hanno la forza di una perturbazione che da semplice temporale diventa tempesta, le persone che ci amano sanno come farci ragionare, e ho imaprato, mio malgrado, a diffidare di chi sempre concorda con me. Amo e rispetto quegli amici che mi contrastano quando sbaglio....oggi però la mia tempesta è diventata un ciclone.... In attesa delle quiete ascoltate con me questa canzone.... non centra nulla.... ma..................

Domenica mattina.........

26 ottobre 2008 ore 14:48 segnala
e non ho voglia di fare un beneamato.....
mi auguro che voi non ve la passiate come me.
Almeno ho la mia musica che mi fa compagnia. Spesso mi capita di ragionare su cose assurde, tipo: e se non ci fosse? che brutta cosa.... Immaginate la prima serata con Lei senza musica, oppure la festa del tuo compleanno senza musica, il tuo matrimonio senza musica..... la tua giornata senza musica. Io sono in giro tutto il giorno in auto, da tagliarsi le vene senza musica... (in auto senza musica si sentono solo i vaffa dei conducenti).... ok.... ho capito: musica essere cosa buona...
ciao a tutti e perdonate le aaaaaaaaaaaaaaaazzzzzzzzzate. :spot

strano......

25 ottobre 2008 ore 18:01 segnala
mi sono un po' coricato e mi sono svegliato con questa conzone in testa....buon ascolto amici.