...

02 dicembre 2009 ore 13:18 segnala

 

 

IL TUO SORRISO

 

Toglimi il pane, se vuoi,
toglimi l' aria, ma
non togliermi il tuo sorriso.

Non togliermi la rosa,
la lancia che sgrani,
l'acqua che d' improvviso
scoppia nella tua gioia,
la repentina onda
d'argento che ti nasce.

Dura è la mia lotta e torno
con gli occhi stanchi,
a volte, d' aver visto
la terra che non cambia,
ma entrando il tuo sorriso
sale al cielo cercandomi
ed apre per me tutte
le porte della
vita.

Amore mio, nell' ora
più oscura sgrana
il tuo sorriso, e se d' improvviso
vedi che il mio sangue macchina
le pietre della strada,
ridi, perché il tuo riso
sarà per le mie mani
come una spada fresca.

Vicino al mare, d'autunno,
il tuo riso deve innalzare
la sua cascata di spuma,
e in primavera,
amore,
voglio il tuo riso come
il fiore che attendevo,
il fiore azzurro, la rosa
della mia patria sonora.

Riditela della notte,
del giorno, delle strade
contorte dell'isola,
riditela di questo rozzo
ragazzo che ti ama,
ma quando apro gli occhi
e quando li richiudo,
quando i miei passi vanno,
quando tornano i miei passi,
negami il pane, l'aria,
la luce, la primavera,
ma il tuo sorriso mai,
perché io ne morrei.

Pablo Neruda

...poesie...

02 dicembre 2009 ore 13:16 segnala

 

 

Les enfants qui s'aiment s'embrassent debout
Contre les portes de la nuit
Et les passants qui passent les désignent du doigt
Mais les enfants qui s'aiment
Ne sont là pour personne
Et c'est seulement leur ombre
Qui tremble dans la nuit
Excitant la rage des passants
Leur rage, leur mépris, leurs rires et leur envie
Les enfants qui s'aiment ne sont là pour personne
Ils sont ailleurs bien plus loin que la nuit
Bien plus haut que le jour
Dans l'éblouissante clarté de leur premier amour

                             

Jacques Prévert

 

Patria oppressa

01 dicembre 2009 ore 14:33 segnala

Un bellissimo coro:

dal Macbeth di G.Verdi: Patria oppressa

 

Herbert sei un grande!

01 dicembre 2009 ore 12:16 segnala

Mascagni

Intermezzo dalla ''Cavalleria Rusticana''

...armonia...

30 novembre 2009 ore 18:11 segnala

Immagini e suoni...

S. Barber Adagio

Un regalo

30 novembre 2009 ore 12:25 segnala

Hawaiian African Tribal Music 

 Fiji Chant of The Islands

...Un capolavoro...

21 novembre 2009 ore 23:01 segnala

...il lirismo che raggiunge questo brano è....

...non ci sono termini per descriverlo...

...certo è musica colta....

E' il lamento sulla scomparsa di un grande musicista Ockeghem, composto da uno dei più grandi polifonisti:

Josquin des Prez

La poesia è anch'essa altissima:

 

 

Nymphes des bois, déeses des fontaines,
chantres expers de toutes nations,
changez voz voix fort clères et haultaines
en cris tranchantz et lamentations,
car d'Atropos les molestations
vostre Ockeghem par sa rigueur attrappe,
le vray trèsoir de musicque et chief d'oeuvre,
qui de trépas désormais plus n'eschappe,
dont grant doumaige est que la terre coeuvre.
Acoutrez vous d'abitz de deuil:
Josquin, Brumel, Pierchon, Compère.
et plorez grosses larmes d'oeil:
perdu avez vostre bon père.
Requiem aeternam dona eis Domine,
et lux perpetua luceat eis.

 

 

Swinging Bach

21 novembre 2009 ore 22:31 segnala

"The Swingle Singers",

Largo from the Harpsichord - J.S. Bach

Bastien und Bastienne

20 novembre 2009 ore 13:47 segnala

Un Mozart carino e simpatico...ma quando canta la Gruberova....!!!