Solo un racconto....

15 ottobre 2008 ore 00:41 segnala

Sapevo già da tempo che Vittoria, la madre della mia ex fidanzata stava male. Quando venni a sapere della ricomparsa del male i miei occhi non poterono celare il dispiacere: stimavo ( stimo ) quella donna e non potevo non provare affetto essendo Lei la madre della donna che adoravo. Il mio dispiacere non si fermava a Vittoria e alla sua ennesima battaglia contro il cancro, ero perfettamente cosciente  di come Sara avrebbe reagito e ciò era peggio di un pugnale conficcato nel cuore. Nella prima fase della malattia, l'avevo sostenuta, l'avevo incoraggiata a credere che tutto si sarebbe sistemato, le avevo offerto le mie braccia per potersi abbandonare agli unici sonni che riusciva a fare e le avevo asciugato le lacrime col mio amore. In quel periodo accantonammo l'idea di andare a vivere insieme, così ci sembrava giusto. Lunedì mattina, arrivo al lavoro con uno strano presentimento. Un pugno chiuso nello stomaco mi aveva costretto ad un forzato riposo nel fine settimana e non ne capivo la causa. La sorella di Sara mi stava aspettando. La feci accomodare nel mio ufficio sapendo già quello che non avrei mai voluto sentire. Le aspettative di vita di Vittoria  sono pressochè nulle. L'ultimo ciclo di chemio non ha avuto alcun risultato. Mi sento impotente, vorrei esserLe nuovamente accanto............

Perchè Mr Big?

12 ottobre 2008 ore 00:05 segnala

Ho seguito Sex and the city con molto interesse: alcuni spunti del telefilm mi facevano meglio capire il meraviglioso mondo femminile. Mr Big l’ho sempre trovato fantastico, un esempio di come a volte è meglio farsi amare piuttosto che amare. Lui è, non deve per forza essere. Nessun compromesso: se le sue briciole non ti bastano alzi i tacchi (12 ovviamente). Non è questo che cercano le donne in fondo? Il bastardo che è dentro l’uomo è sempre più affascinante del bravo ragazzo. Che noia l’uomo attento alle esigenze della compagna, che non si dimentica di una ricorrenza e si illumina quando la vede. Meglio Mr Big di certo! Noleggio il dvd del film e vedo Mr Big innamoratissimo, insicuro come un adolescente, che decide di sposare Carrie.............eh no! Mr Big non si tocca....dopo 1h e 20min.... evvai ci ha ripensato, è ritornato bastardo ( mito!), Carrie mollata sul ciglio della chiesa ( biblioteca ndr). Scena finale: il mito in ginocchio che le chiede di sposarla nuovamente e ..................si sposano! Mi e’ crollato un mito !!!!!!!!!!!!!!!!

MI SORGE UNA DOMANDA SPONTANEA: PERCHE’ MI SONO COMMOSSO QUANDO L’HO VISTO IN GINOCCHIO CHE LE CHIEDEVA LA MANO?  Domani comincio col testosterone !

Prova a chiudere gli occhi....

09 ottobre 2008 ore 00:35 segnala

Prova a chiudere gli occhi, un istante solo ti prego... respira, un respiro profondo che ti riempia i polmoni fino quasi a farli esplodere. Cosa provi in questo momento? Stai sorridendo vero? Ora prova ad ascoltare questa canzone, parla anche di te...della casa che stavamo costruendo insieme. Ti ricordi la prima volta che facemmo l'amore? Due ragazzi impacciati che fremevano dal desiderio e  non sapevano come placarlo. E' bastata poi una mia carezza, un tuo sguardo complice... Dove sono ora quei ragazzi? Dove sono i progetti che  pianificavamo per delle ore? Tutto è svanito...rimangono solo le foto che amavamo farci, le facce buffe, l'immancabile autoscatto che mi faceva fare corse assurde. Ti ricordi quando, vedendoci alle prese con l'autoscatto, qualcuno si offriva di farci una foto? Eravamo quasi scocciati per quel rito infranto. E chi riesce più a guardare quelle foto...a volte provo ancora rabbia e rancore per quello che sarebbe potuto essere ma so che la vita va avanti comunque e anche se le ultime foto parlano solo di me l'autoscatto me lo faccio ancora........

E pensare che volevo solo ascoltare i Negramaro...

08 ottobre 2008 ore 00:12 segnala

Hai mai pensato di poter tornare indietro nella vita? Un passo e poi un altro ...e un altro ancora...Cosa cambieresti? Quali errori eviteresti? Come sarebbe la tua vita ora senza quelle scelte? Domande, domande che affollano la mia mente già troppo incasinata..... Cosa rifarei? Cosa non rifarei soprattutto?..........Domande, ancora domande......A chi chiederesti scusa? .......................non lo so! Se penso alla mia vita attualmente penso che rifarei tutto quello che ho fatto, probabilmente  chiederei scusa a qualcuno ( ora capisco l’importanza di saper accettare d’aver  torto), ma rifarei tutto. A volte ho lasciato  che la mia vita seguisse un destino non tracciato da me, che fosse in balia degli eventi e si adeguasse ad essi.........ma anche questi momenti fanno parte della mia storia e come tali  sono parte di ciò che io sono adesso. Una cosa forse avrei dovuto fare maggiormente: esternare i sentimenti. Mi è sempre stato difficile farlo: un abbraccio , una carezza mi terrorizzavano. Paura di un rifiuto? Forse! ....e pensare che volevo solo ascoltare i Negramaro.........fine 


 

Buon compleanno

05 ottobre 2008 ore 22:18 segnala

Fino a ieri pensavo che attorno a me ci fosse solo vuoto, qualche conoscenza e niente più. Poi basta una festa ( la mia di compleanno!) e mi accorgo che non sono solo. Non mi aspettavo tanto calore. Erano anni che non festeggiavo il mio compleanno (o meglio ero appagato solo dal fatto di poterlo vivere solo con Lei) ed è stata un'emozione sentirsi dire quanta importanza io abbia nella vita di molti. Strano per un riccio che come me tende a rinchiudersi per non essere offeso eppure....Queste attestazioni di affetto mi commuovono, come mi commosse un sms di una ragzza che grazie a me e  al mio lavoro era riuscita ad uscire dal tunnel dell'anoressia.  A volte dovrei pensare di più a questi messaggi e a capire che  i "rise and fall" della vita ci saranno sempre ed è meglio così , una vita piatta non mi appagherebbe. 

Il sogno dell'uomo di poter volare

30 settembre 2008 ore 23:32 segnala
David Parsons con questa storica coreografia è riuscito a realizzare il sogno....la prima volta che l'ho vista sono rimasto senza fiato.

Vittoria

29 settembre 2008 ore 00:22 segnala

Dopo tanta fatica raggiungi il traguardo che speravi...ti volti e dietro di te non c'è nessuno con cui condividere la gioia...

La costruzione di un amore

26 settembre 2008 ore 23:45 segnala

La costruzione di un amore
spezza le vene delle mani
mescola il sangue col sudore
se te ne rimane

La costruzione di un amore
non ripaga del dolore
è come un'altare di sabbia
in riva al mare

La costruzione del mio amore mio
mi piace guardarla salire
come un grattacielo di cento piani
o come un girasole

Ed io ci metto l'esperienza
come su un albero di Natale
come un regalo ad una sposa
un qualcosa che sta lí
e che non fa male

E ad ogni piano c'è un sorriso
per ogni inverno da passare
ad ogni piano un Paradiso
da consumare

Dietro una porta un po' d'amore
per quando non ci sarà tempo di fare l'amore
per quando farai portare via la mia sola fotografia

E intanto guardo questo amore
che si fa piú vicino al cielo
come se dopo tanto amore
bastasse ancora il cielo

Sono io e sono qui
e mi meraviglia
io qui stretto fra le mie braccia, 
eh no, son proprio io
lo specchio ha la mia faccia


E la fortuna di un amore
come lo so che può cambiare
dopo si dice l'ho fatto per fare
ma era per non morire

Si dice che bello tornare alla vita
che mi era sembrata finita
che bello tornare a vedere
e quel che è peggio è che è tutto vero
perché

La costruzione di un amore
spezza le vene delle mani
mescola il sangue col sudore
se te ne rimane

La costruzione di un amore
non ripaga del dolore
è come un'altare di sabbia
in riva al mare

E intanto guardo questo amore
che si fa piú vicino al cielo
come se dopo tanto amore
bastasse ancora il cielo

Sono io e sono qui
e mi meraviglia 
io qui stretto fra le mie braccia, 
eh no, son proprio io
lo specchio ha la mia faccia

Sono io che guardo questo amore
che si fa grande fino al cielo
come se dopo tanto amore bastasse che
ci fosse ancora cielo

E tutto ció mi meraviglia
tanto che se finisse adesso
lo so io chiederei
che mi crollasse addosso

Si.

Ho le vene spezzate, il mio altare di sabbia si è sgretolato...ma sono felice d'aver dato tutto quello che ho potuto.   

Corpi

25 settembre 2008 ore 23:42 segnala

Corpi che si abbracciano

una sola entità

Ti ho lasciata da poco

già ho sete di te

Follia di un incontro 

destini lontani

Tu

nel mio ricordo sei.

 

5 giorni

24 settembre 2008 ore 01:28 segnala

Nessun commento, sarebbe superfluo.