Eterna Lilli

27 settembre 2020 ore 18:41 segnala


Lilli occupa il video frontalmente e come il generale Franks non offre il fianco, questione di naso non di "gnoseologia". Ha il collo infagottato da un foulard sahariano, ahimè le rughe non hanno timori reverenziali, nella mano i pilastri della saggezza di Lawrence, occhiali neri in testa, sguardo basso, tono sommesso, sorriso casto. Lilli si ama, Lilli si adora circonfusa nell'ammirazione che milioni di occhi ignoti la inondano di luce riflessa, Santa Lilli vergine e martire, sacrario per mezzibusti, ricettacolo delle passioni RAI ora La Sette. Ci parla e si ascolta intensamente, si ammira estasiata, come non ricordarla nell’adorabile broncetto dissimulato durante il mancato bidet che i disagi dei conflitti in Iraq e in Libia comportavano all'eroica corrispondente. Ma la guerra stanca, nei grandi alberghi protetti immersi nell’intoccabile verde delle nomenklature, nei disagi di un bla bla bla che riempia le otto di sera. Allora Lilly pensò alla politica, all’Europa ai seggi di Strasburgo che la fama del video regala indistintamente ai Jerry Scotti, ai Gino Paoli, alle sorelle Carlucci, alla nostra Lilli appunto. Eccola quindi sugli scranni d'Europa, con portaborse e poltrona, qualche noiosa commissione e la coscienza infine di non contare niente, di non essere nessuno. Eh no ! Decisamente meglio il tavolo del TG dove appoggiare il gomito aggressiva, le tette rappattumate sotto la gola da una feroce guepiere, tono deciso ben oltre la via di Damasco, sorriso aperto delimitato dai due wurstel meranesi con cui simula in modo orribile le labbra. Tolgo l’audio al televisore, guardo scorrere le immagini senza suono né commento, silenziose come la morte. Dio un minuto di silenzio, un attimo di requie, senza Gruber, Vespa tace, Santoro giace, Silvio gioca, dorme Ratzingher. E’ mezzanotte passata e parte del mondo muore, mezzanotte e mezza, un’ora come un’altra buona solo per scopare.



5ec4e2af-c5e8-47bd-95e4-f2a2e9935d88
« immagine » Lilli occupa il video frontalmente e come il generale Franks non offre il fianco, questione di naso non di "gnoseologia". Ha il collo infagottato da un foulard sahariano, ahimè le rughe non hanno timori reverenziali, nella mano i pilastri della saggezza di Lawrence, occhiali neri in ...
Post
27/09/2020 18:41:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. EtruscanLady 29 settembre 2020 ore 08:59
    Un lato positivo ce l'ha, quando il suo starsene di profilo ed il sedere in punta di sedia si nota, oppure lo noto solo io chissà: La sua schiena perfettamente dritta, e questo non è da tutti :-)))
    Che ci vuoi fare, a questo mondo c'è chi non può e chi invece può tutto.
    Buona giornata!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.