Salsicce con patate alla birra

26 gennaio 2023 ore 01:43 segnala




Come sono buone le salsicce con le patate arrosto!Mi ricordano le feste del paese,in quelle calde sere d'estate,aleggiava nell'aria la musica e il profumo della carne alla brace. Ricordo una sera,era capodanno ed eravamo a Como.Verso cinque del mattino stanchi della serata passata in piazza,decidiamo di avviarci al parcheggio per salire in macchina e tornare finalmente a casa.Passando davanti ad un chioschetto,siamo stati invasi dal profumo delle salsicce alla brace,ci siamo guardati in faccia e qualcuno ha detto:"panino per tutti". Ricordo ancora quel panino,consumato in piedi,mentre scendeva la neve.Era un momento magico e bello nella sua normalità.Ma torniamo a noi e alla ricetta in questione.Questa volta il piatto cambia,viene aggiunta della birra nella marinatura di queste salsicce per un tocco di rusticità in più.Per la marinatura,mi permetto di consigliarvi una birra bionda,non particolarmente amara.Se usate una birra forte,le patate di conseguenza diventeranno amare e non saranno cosi gradevoli da mangiare.Io ho usato una birra Beck's.Se non vi piace la birra,marinate le salsicce con il vino bianco.





Ingredienti per 4 persone:
4 salsicce di maiale-1 kg di patate-1 birra bionda-4 rametti di rosmarino-2 spicchi di aglio-olio-sale e pepe.


Con una forchetta bucherello le salsicce e le adagio in una pirofila con i rametti di rosmarino e gli spicchi di aglio.Verso la birra coprendo le salsicce,copro la pirofila con la pellicola,le lascio marinare non meno di due ore in un luogo fresco.





Nel frattempo,pelo le patate,le taglio a spicchi larghi mezzo centimetro e le lascio ammollo in acqua fresca fino al momento della cottura.Mia madre,lasciava sempre le patate in ammollo nell'acqua,se doveva friggerle la sera,le preparava nel pomeriggio,cambiando l'acqua ogni tanto e vi assicuro che le sue patate fritte erano morbide e dorate al punto giusto.





Ma torniamo alla ricetta.Passate le due ore,tolgo le salsicce dalla marinata e le adagio in una pirofila più grande.Sgocciolo le patate dall'acqua e le sistemo insieme alle salsicce.Aggiungo olio,sale,pepe,aglio i rametti di rosmarino e la birra della marinata,ma non tutta diciamo una metà perchè altrimenti non evaporerà.Passo le salsicce in forno già caldo a 230°C modalità statica per 45-60 minuti.





Quando le patate e le salsicce diventeranno morbide e dorate e si sarà asciugato tutto il liquido di cottura,a quel punto saranno pronte.Se vi accorgete che le patate sono cotte e nella teglia, c'è ancora molto liquido,potete toglierlo.Levo la pirofila dal forno,sporziono le salsicce con le patate nei piatti e le servo tavola.






Buon appetito!
17a7e5f7-51e8-4b3b-8440-2fa0f6dd98c0
« immagine » Come sono buone le salsicce con le patate arrosto!Mi ricordano le feste del paese,in quelle calde sere d'estate,aleggiava nell'aria la musica e il profumo della carne alla brace. Ricordo una sera,era capodanno ed eravamo a Como.Verso cinque del mattino stanchi della serata passata ...
Post
26/01/2023 01:43:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

La Saint Honoré

24 maggio 2022 ore 02:50 segnala




Era tanto che volevo provare a fare la torta delle torte,la Saint Honorè!Quando ero ragazzina,non esisteva battesimo,cresima o sposalizio che al taglio della torta non venisse sfoggiata una fantasmagorica Saint Honoré che per me, era sempre una scommessa.Due erano le speranze:la prima era che al taglio della mia fetta,mi capitasse il bignè.La seconda,che il bignè fosse pieno di panna.Non crema e nemmeno cioccolata,ma soffice e dolce panna montata profumata alla vaniglia.Non so se ve l'avevo già accennato,ma io adoro la panna montata.Se fosse per me,la mangerei a colazione, pranzo e cena.





La cosa più terribile che potesse capitarmi,quando mi veniva offerta la fetta di torta,era di trovare un bignè vuoto e secco.Mi chiedevo sempre,che senso avesse, mettere dei bignè su una torta cosi bella,per poi lasciarli vuoti.Per preparare questa torta,ho preso la ricetta da Benedetta Rossi e se devo dare un voto,per me è un bel dieci.Perchè direte voi?Perchè il sapore è uguale,uguale,alla Saint Honorè che ricordavo io.E' una torta facile da realizzare,logicamente ci sono vari step,se vi organizzate il giorno prima preparando le basi,il giorno dopo dovete solo assemblare la torta.Io ho usato 300 gr in più di panna da quanto è scritto nella ricetta originale,perchè non mi bastava per ricoprire e farcire i bignè.Inoltre,ho usato i bignè del supermercato che ho trovato molto buoni.Non è che non sappia farli,ma per una volta trovarli già pronti è uno sbattimento in meno.





Per il Pan di Spagna:
3 uova-110gr di zucchero semolato-110 gr di farina 0-mezza bustina di lievito per dolci.

Per la crema:
2 uova-4 cucchiai di zucchero-4 cucchiai colmi di farina-500 ml di latte-buccia di un limone bio-2 cucchiai di cacao amaro.

Altri ingredienti per decorare:
800 gr di panna fresca-5 cucchiai di zucchero a velo-1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare-aroma di vaniglia-10 bignè pronti-1 bicchierino di rum.



La prima cosa da fare sono le creme:
verso il latte in un pentolino con la scorza del limone e lo faccio scaldare sul fuoco.In una terrina sbatto le uova con lo zucchero e la farina con una frusta,fino a quando il composto è liscio e senza grumi.Tolgo momentaneamente il pentolino dal fuoco,aggiungo il composto gradatamente al latte caldo,tolgo la scorza del limone e rimetto il pentolino sul fuoco.Continuo a mescolare portando ad ebollizione la crema fino a che si sarà ben addensata.Tolgo la crema dal fuoco e la verso in due ciotole. In una ciotola verso subito il cacao amaro e mescolo bene.Copro le due creme con la pellicola a contatto e le lascio raffreddare.Nella foto,la crema al cioccolato sembra di meno,perchè la ciotola è più grande di quella della crema bianca.





Adesso preparo il Pan di Spagna:
in una ciotola rompo le uova,aggiungo lo zucchero e le lavoro con uno sbattitore elettrico,fino a quando diventano chiare e spumose,aggiungo la farina poco per volta e infine il lievito ottenendo un impasto liscio ed omogeneo.Spengo le fruste e trasferisco l'impasto in una teglia imburrata e infarinata,del diametro di 24 cm,io non ho imburrato la teglia,ma ho usato la carta forno.





Cuocio il Pan di Spagna in forno statico preriscaldato a 180°C per 30-35 minuti circa,dipende sempre dal vostro forno.Appena il Pan di Spagna è cotto,sforno e lascio raffreddare completamente.





Srotolo la pasta sfoglia su una placca del forno e con una forchetta,bucherello tutta la superficie,per non farla gonfiare in cottura.Spolvero tutta la superficie della sfoglia con lo zucchero semolato.





Metto la sfoglia in forno statico preriscaldato a 180°C oppure in forno ventilato a 170°C per 15 minuti circa,appena è pronta e dorata,la tolgo dal forno e la lascio raffreddare.





Ritaglio un disco usando la teglia del Pan di Spagna.Sbriciolo gli avanzi della sfoglia che mi serviranno in seguito per decorare i bordi della torta.





Con le fruste elettriche monto 500 gr di panna con 4 cucchiai rasi di zucchero a velo.Divido la panna montata in due parti e l'aggiungo alle creme preparate in precedenza.Incorporo la panna alle due creme usando uno sbattitore elettrico,in questo modo non si formeranno grumi.





Preparo la bagna allungando il rum con dell'acqua.In questo caso regolatevi voi:se desiderate una bagna più alcolica,aggiungete più rum.Prendo il Pan di Spagna e lo divido in due dischi.





Inumidisco con la bagna il primo disco di pan di spagna.Stendo sopra il primo disco metà della crema bianca.





Appoggio sopra la crema bianca,il disco di pasta sfoglia.Spalmo sopra il disco di pasta sfoglia metà della crema al cioccolato.





Ricopro con il secondo disco di Pan di Spagna inumidito con la bagna al rum.





Monto 300 gr di panna con 3 cucchiai di zucchero a velo,con una parte della panna ricopro tutta la torta.





Uso il resto della panna la metto in una sac a poche con una bocchetta a stella larga.
Ricopro tutti i bordi della torta con le briciole di pasta sfoglia preparate in precedenza.





Farcisco i bignè con la panna montata,se preferite potete farcirli con la crema bianca e la crema al cioccolato..io preferisco la panna e li dispongo sul bordo della torta e li alterno con dei ciuffi di panna montata.





Decoro il centro della torta alternando una riga di crema bianca e una di crema al cioccolato.La Saint Honoré è pronta.






Si conserva in frigo fino al momento del consumo.
fcfbca61-438b-4359-8697-3b9cee1d8039
« immagine » Era tanto che volevo provare a fare la torta delle torte,la Saint Honorè!Quando ero ragazzina,non esisteva battesimo,cresima o sposalizio che al taglio della torta non venisse sfoggiata una fantasmagorica Saint Honoré che per me, era sempre una scommessa.Due erano le speranze:la pr...
Post
24/05/2022 02:50:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Semifreddo ai marron glacé con bavarese alle mandorle.

07 aprile 2022 ore 02:13 segnala




Finalmente riesco a postare la torta,che ho preparato con le mie manine,per il compleanno di mio marito.Non so se l'ho già detto,ma papi ama due o tre torte in tutto.Devono essere morbide,di sfoglia,con tanta crema e ama da morire i marron glacé.Quale migliore occasione,di potermi sbizzarrire preparandogli un semifreddo ai marron glacé?





Ho deciso per questo semifreddo che ha un primo strato,di bavarese al cioccolato bianco,arricchito da lamelle di mandorle tostate.Un secondo strato,fatto con semplice panna e latte condensato,farcito con marron glacé a pezzetti.Gli strati sono intervallati da una croccante pasta sfoglia.Il semifreddo non è difficile da preparare,ha qualche passaggio in più,ma ha sempre la comodità di essere preparato in largo anticipo e lasciato in freezer fino al momento di decorarlo.





Ingredienti per le basi e per la decorazione:
2 rettangoli di pasta sfoglia pronta-zucchero semolato q.b.-7-8 marron glacé interi-150 gr di cioccolato bianco-1 vasetto di confettura di marroni-300 gr di panna fresca-mandorle a lamelle q.b.-miele q.b.Ho usato uno stampo quadrato 25x25.





Per lo strato semifreddo ai marron glacé:
300 gr di panna fresca-170 gr di latte condensato-aroma di vaniglia-150 gr di marron glacé a pezzetti.

Per la bavarese al cioccolato bianco e mandorle:
250gr di latte intero–50gr zucchero–100gr tuorli-10gr colla di pesce–250gr di cioccolato bianco–500gr di panna–150 gr di mandorle tostate a lamelle-aroma di vaniglia

La prima cosa da fare è la bavarese:
lavoro i tuorli con lo zucchero.Metto ad ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda.In un pentolino scaldo il latte con la vaniglia,mi raccomando non deve bollire.Tolgo dal fuoco e verso i tuorli nel latte.Sbatto con una frusta a mano, rimetto il pentolino sul fuoco e mentre mescolo,con il termometro controllo che la crema non superi mai gli 81° gradi,in quel caso la crema "straccerà".(Se vi capita che la crema "stracci" cioè fa tanti pallini,passate la crema in un passino prima di aggiungere il cioccolato bianco.)Tolgo nuovamente il pentolino dal fuoco ed aggiungo il cioccolato bianco a pezzettini,la colla di pesce ammollata e ben strizzata mescolando bene.Trasferisco la bavarese in una ciotola,la copro con la pellicola a contatto per evitare che si formi la crosticina in superficie.Quando la bavarese è fredda,la conservo in frigorifero fino al momento dell'utilizzo.

Usando lo stampo che mi servirà per montare la torta,taglio a misura le due paste sfoglie,le bucherello per non farle gonfiare in cottura e le spolvero con lo zucchero semolato.Inforno le due sfoglie in forno ventilato a 180°C per 20-30 minuti fino a doratura.Sforno le sfoglie e le lascio raffreddare.





Dopo aver fatto la bavarese preparo lo strato ai marron glacé:
Con le fruste elettriche,in una ciotola monto la panna freddissima da frigo insieme all’ estratto di vaniglia.Spengo le fruste elettriche,aggiungo il latte condensato alla panna montata,mescolando delicatamente con una spatola cercando di non smontarla troppo.





Aggiungo i 150 gr di marron glacé a pezzetti.





Con il frullatore ad immersione,frullo la bavarese che ho appena tirato fuori dal frigo per renderla liscia e vellutata.A parte monto i 500 gr di panna freddissima.





Con una spatola incorporo la panna montata alla bavarese mescolando dal basso verso l’alto,per evitare di smontarla.





Aggiungo le mandorle tostate a lamelle.





Adesso che ho tutto pronto, posso montare la torta.Con la pellicola fodero molto aderente esternamente il fondo dello stampo.In questo modo,creo una base su cui adagiare la prima sfoglia.Sopra la prima sfoglia faccio uno strato di crema bavarese





con una spatola la livello bene.





Adagio la seconda sfoglia sopra la crema bavarese e finisco con lo strato di semifreddo ai marron glacé e lo livello bene.





Pellicolo tutta la torta e la trasferisco in freezer per una notte intera.Volendo,si può preparare molti giorni prima,lasciarla nel freezer e tirarla fuori solo al momento di decorarla.






Prendo la torta da freezer,tolgo tutta la pellicola sia sopra che sotto.Trasferisco la torta in un bel piatto da portata.Con il cannello riscaldo uniformemente tutto lo stampo





quel tanto che basta,per sfilarlo con facilità.





Con le fruste elettriche in una ciotola,monto la panna freddissima da frigo insieme all’estratto di vaniglia.Riempio la prima sac a poche con la panna montata,con un beccuccio piccolo a stella e decoro tutti i laterali della torta.





Riempio la seconda sac a poche con la panna montata e un beccuccio largo a stella e decoro la superficie della torta.Riempio l'ultima,la più piccola sac a poche con la confettura di marroni,con un beccuccio molto più piccolo sempre a stella e decoro i due angoli della torta.Appoggio i marron glacé interi,lucidati con poco miele sciolto per renderli lucidi.





Alterno con il cioccolato bianco a pezzetti e le mandorle a lamelle.La torta semifreddo è pronta e come tutti i semifreddi, prima di consumarla,va tenuta in frigo per qualche ora.


cc0a98ae-3265-4569-9daa-d4712822880a
« immagine » Finalmente riesco a postare la torta,che ho preparato con le mie manine,per il compleanno di mio marito.Non so se l'ho già detto,ma papi ama due o tre torte in tutto.Devono essere morbide,di sfoglia,con tanta crema e ama da morire i marron glacé.Quale migliore occasione,di potermi ...
Post
07/04/2022 02:13:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Torta rovesciata all'arancia

08 marzo 2022 ore 01:56 segnala




Tutti conosciamo la torta rovesciata all'ananas,ma la torta rovesciata all'arancia almeno io, non l'avevo mai sentita.Ho trovato per caso la ricetta sul sito di Benedetta Parodi,che per me è una sicurezza e senza perdere tempo,mi sono messa all'opera.Il risultato è stato aldilà delle mie aspettative,una torta è scenografica e davvero molto buona.Morbida e succosa,profumatissima e l'aggiunta dello sciroppo è la morte sua.Ve la consiglio vivamente.
Preferite sempre le nostre buonissime e dolcissime arance siciliane bio,avrete un risultato eccellente.





Ingredienti per la base:
120 gr di zucchero-3 uova-80 ml di olio di semi-200 ml di succo di arancia bio-scorza di una arancia bio grattugiata-250 gr di farina 0-1 bustina di lievito per torte-cannella q.b-un pizzico di sale.

Per il caramello:
200 ml di succo di arancia bio-100 gr di zucchero.

Per l'arancia caramellata:
1 arancia bio a fette-100 gr di zucchero-200 ml di acqua.


Taglio l'arancia a fettine sottili e le metto in una padella a caramellare con 100 gr di zucchero e 200 ml di acqua.





A parte spremo 400 ml di succo di arancia bio che mi serviranno per la torta e per il caramello.Imburro e infarino una tortiera sui lati,sul fondo inserisco un disco di carta forno.Appena le arance sono caramellate,le distribuisco sul fondo della tortiera e sopra ci verso il loro sughino.





Monto con le fruste elettriche lo zucchero con le uova fino a farle diventare spumose.Continuo a frustare aggiungendo l'olio e i 200 ml di succo delle arance. Aggiungo la scorza dell'arancia grattugiata,la cannella se non piace potete usare la vaniglia,il pizzico di sale,la farina con la bustina del lievito per dolci.Amalgamo bene tutti gli ingredienti e verso l'impasto nella tortiera sopra le arance.





Inforno la torta a forno già caldo a 180°C per 30 minuti circa.Mentre la torta finisce di cuocere,faccio il caramello.In un pentolino verso 200 ml di succo d'arancia e 100 gr di zucchero mescolo con un cucchiaio per qualche minuto,fino a quando lo sciroppo si è addensato un po'.





Tolgo la torta dal forno e dopo 5 minuti,la sformo





la capovolgo in un bel piatto.





Tolgo la carta forno dalle arance






Irroro tutta la torta con il caramello.





La torta rovesciata all'arancia è pronta.Adesso,bisogna aspettare che si raffreddi prima di mangiarla.





Buon appetito!
8f648df6-4f09-479a-b07c-103cbc4afbc1
« immagine » Tutti conosciamo la torta rovesciata all'ananas,ma la torta rovesciata all'arancia almeno io, non l'avevo mai sentita.Ho trovato per caso la ricetta sul sito di Benedetta Parodi,che per me è una sicurezza e senza perdere tempo,mi sono messa all'opera.Il risultato è stato aldilà del...
Post
08/03/2022 01:56:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Gnocchi viola con zucca cotechino e nocciole.

27 gennaio 2022 ore 01:27 segnala



Pubblico con piacere questa ricetta suggerita da mio genero,preparata per il giorno di Natale.In realtà,gli gnocchi dovevano essere di zucca e non di patate viola,ma come succede di solito,a casa nostra le ricette vengono rielaborate:alla fine,il piatto deve piacere a noi e questi gnocchi sono stati superlativi!Sicuramente è un piatto che rifarò a breve,per la sua velocità di esecuzione,anche perchè non avevo mai mangiato la patata viola,che è stata una piacevole sorpresa.


NOTA:le patate è il cotechino sono stati prima cotti e poi pesati.





Ingredienti:
500 gr di patate a pasta gialla già lessate-300 gr di patate viola già lessate-2 uova grandi-400 gr di farina 0-200 gr di zucca cruda-300 gr di cotechino cotto-80 gr di granella di nocciole-foglie di salvia-pepe-sale-burro-grana grattugiato.


Qualche ora prima,lesso il cotechino fresco in abbondante acqua non salata.il tempo di cottura del cotechino,varia anche dal suo peso mai meno di 1 ora.Se non avete un cotechino fresco,va benissimo anche quello precotto.Dopo aver lessato il cotechino,lo taglio a cubettini.





A parte in una pentola con abbondante acqua salata,lesso le patate gialle e viola. Appena le patate sono cotte,le scolo dall'acqua.Ancora calde le pelo e le schiaccio con uno schiacciapatate.





Verso le patate su una spianatoia,rompo le uova,il sale e poco per volta la farina.Sapete meglio di me,che il peso della farina per gli gnocchi è sempre indicativa.Dipende sempre dalle patate e come si dice da noi:"ci va la farina che la patata si prende".Mescolo velocemente l'impasto,formo dei filoncini che taglio subito a tocchetti.Io non ho rigato gli gnocchi,questo è sempre un gusto personale.Mi raccomando,usate tanta farina sulla spianatoia per evitare che gli gnocchi si appiccichino tra di loro.Finiti di formare gli gnocchi,





metto la pentola sul fuoco con abbondante acqua salata.Mentre aspetto che l'acqua bolle,preparo il condimento.Taglio a cubetti la zucca cruda.In una larga padella faccio fondere il burro con la salvia.Aggiungo la zucca e la faccio stufare qualche minuto.Se serve aggiungo un goccio di acqua,quando la zucca si è ammorbidita aggiungo il cotechino.





Appena l'acqua bolle,butto gli gnocchi e man mano che vengono a galla,li tiro su con una schiumarola e li verso nella padella con il condimento.Mescolo delicatamente gli gnocchi nella padella con il condimento.





Sporziono subito gli gnocchi nei piatti distribuendo su ciascuno il pepe e la granella di nocciole.A piacimento potete spolverare ogni piatto con grana grattugiato.




Buon appetito!
3c6b2109-a7a6-4411-b6fc-7a5a1cc4f9d9
« immagine » Pubblico con piacere questa ricetta suggerita da mio genero,preparata per il giorno di Natale.In realtà,gli gnocchi dovevano essere di zucca e non di patate viola,ma come succede di solito,a casa nostra le ricette vengono rielaborate:alla fine,il piatto deve piacere a noi e questi g...
Post
27/01/2022 01:27:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

La scopa della befana

21 gennaio 2022 ore 01:55 segnala



Potevamo farci mancare la scopa della befana? Assolutamente no! Eccomi qua ancora una volta,ad inventarmi un dolce per tutta la famiglia,che rappresenti la cara vecchina,che ogni anno,volando sulla sua scopa magica,regala dolci a tutti i bambini del mondo.





Visto che per noi adulti non è passata,ci ho pensato io.Ho preparato la scopa con la pasta sfoglia,con un ripieno di confettura,pennellata di miele e spolverata con noci e zucchero di canna sulla superficie.Il risultato è strepitoso.E poi..è tanto simpatica questa scopetta,che strappa sempre un sorriso.





Ingredienti:
2 rotoli di pasta sfoglia quadrata-250 gr di confettura di fichi-100 gr di confettura di pesche-zucchero di canna-miele-5 noci tritate.


Stendo le sfoglie e ne tengo da parte una larga striscia per fare il bastone,una striscia più stretta, per la decorazione della scopa.Distribuisco la confettura di fichi sulla metà della sfoglia grande,la confettura di pesche la distribuisco sulla striscia più larga.





Chiudo a metà la sfoglia grande e faccio tanti tagli per tutta la sua lunghezza.





Arrotolo la sfoglia su se stessa cercando di tenerla bella larga altrimenti all'interno non cuocerà.





Arrotolo la striscia più larga formando il bastone e lo infilo dentro la scopa.Con la striscia di sfoglia sottile creo tre stelle e il fiocco della scopa.Posiziono la scopa sulla placca del forno.Pennello tutta la superficie con il miele e lo zucchero di canna.Distribuisco le noci tritate solo solo sulla scopa e non sul bastone.Avevo inserito una nocciola sul bastone che in cottura si è bruciata,l'ho sostituita con mezza noce.





Inforno la scopa a 180°C modalità ventilata per circa 30-40 minuti.la cottura dipende sempre dal vostro forno.Durante la cottura,il bastone della scopa,si è cotto prima,per non farlo bruciare,l'ho coperto con un pezzo di stagnola e ho proseguito la cottura,fino a quando la scopa si è cotta e dorata uniformemente.





L'ho sfornata e raffreddata bene prima di consumarla. E' croccante e fragrante anche dopo due giorni.lo dico con certezza,perchè ne ho dimenticato un pezzettino,avvolto nella carta forno.






Cara Epifania....tutte le feste te le sei portate via.
0fd60ce3-fd01-429d-8198-48aacae2afb3
« immagine » Potevamo farci mancare la scopa della befana? Assolutamente no! Eccomi qua ancora una volta,ad inventarmi un dolce per tutta la famiglia,che rappresenti la cara vecchina,che ogni anno,volando sulla sua scopa magica,regala dolci a tutti i bambini del mondo. « immagine » Visto c...
Post
21/01/2022 01:55:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

La crostata della befana

14 gennaio 2022 ore 00:27 segnala




La befana,porta i dolci ai bambini buoni...ma anche a quelli cattivi, aggiungendoci un pò di carbone.Se osservi il cielo,la vedi sfrecciare sulla sua velocissima scopa.
Eccola,riprodotta nel mio modestissimo dolce,per sorridere e non smettere di essere bambini.Ho preparato questa crostata,la sera della viglilia dell'epifania quasi di nascosto.Al mattino,ho mandato mia figlia con una scusa in cucina e l'ho sentita ridere.Lei dice sempre che sono imprevedibile.



NOTE:Ho usato una teglia da forno che misurava:40 cm di lunghezza per x 27 cm di larghezza,perchè la frolla è tanta.Potete fare mezza dose,oppure con quello che vi avanza,fare dei biscotti.


Ingredienti:
3 uova-150 gr di zucchero-120 gr di olio di arachide-500 gr di farina + 2-3 cucchiai per lo spolvero-1/2 bustina di lievito-500 gr di confettura di prugne-estratto di vaniglia-buccia grattugiata di un limone bio-zucchero a velo.

Occorrente per la decorazione:
1 stencil con il disegno della befana,se non l'avete scaricate un disegno da internet e ritagliate la sagoma-formine per biscotti a forma di stella.


In una ciotola con una forchetta sbatto le uova con lo zucchero,aggiungo l’olio la farina con il lievito,la vaniglia e la buccia del limone grattugiata.Continuo ad impastare con le mani.Se la frolla è ancora appiccicosa aggiungo gradatamente i tre cucchiai della farina tenuta da parte:la frolla è pronta quando diventa liscia e non si attacca alle mani.





Stendo subito gran parte della frolla in una teglia rettangolare bucherellandola con una forchetta.





Stendo l'avanzo della frolla con il mattarello,appoggio sopra lo stencil ritagliando la sagoma della befana.Con le formine faccio le stelle.La luna l'ho fatta a mano libera (e purtroppo si vede)perchè in cottura si è gonfiata.Adagio la befana e le stelle su la carta forno e subito in forno caldo a 180°C modalità ventilata per una decina di minuti,vi regolate con il vostro forno.





Distribuisco la confettura di prugne su tutta la frolla.Ho scelto una confettura scura per rappresentare il cielo stellato.





Inforno subito la crostata,sempre a 180°C per 40-45 minuti circa.A cottura ultimata, la sforno e la lascio raffreddare.Quando la crostata è ben fredda,la sposto su un vassoio e la decoro con il biscotto della befana,la luna e le stelle.





La crostata è pronta,si conserva ben coperta per alcuni giorni a temperatura ambiente,niente frigo.



Buona Befana a tutti.


98a3d377-88c1-4925-b5a1-833ab39c5fb3
« immagine » La befana,porta i dolci ai bambini buoni...ma anche a quelli cattivi, aggiungendoci un pò di carbone.Se osservi il cielo,la vedi sfrecciare sulla sua velocissima scopa. Eccola,riprodotta nel mio modestissimo dolce,per sorridere e non smettere di essere bambini.Ho preparato questa c...
Post
14/01/2022 00:27:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Sale aromatizzato alle erbe fini.

19 novembre 2021 ore 02:26 segnala




Quest'anno ho preparato al sale aromatizzato.Diciamo che non ci avevo mai pensato,da piccola avevamo l'orto e le erbe aromatiche erano sempre fresche e a portata di mano.Anche oggi che sono sposata e vivo in un appartamento,le erbe fini crescono sui miei balconi.L'appassionata del sale aromatizzato è mia figlia.Una volta,è andata in vacanza a Cervia e ha acquistato un barattolino di sale di Cervia agli aromi (carissimo)e gli è venuta sta fissa. A questo punto,ho pensato di rifarlo in casa,perchè tanto ci vogliono davvero cinque minuti.Il sale aromatizzato si fa con qualsiasi tipo di erba fine,si possono anche aggiungere scorzette di arance o di limone,aglio o cipolla,oppure usare solo salvia o rosmarino.Insomma come avrete capito,metteteci quello che vi pare dipende dal vostro gusto personale.Mi permetto solo di consigliarvi,di non lesinare con le erbe,in questo modo riuscite a salare e insaporire bene la pietanza che state preparando.
Il sale va bene per insaporire:carne,pesce,verdure,sughi,uova,insalate,timballi, focacce...ecc






Ingredienti:
1 kg di sale fino-rosmarino-salvia-timo-erba cipollina-erba limoncina (profuma di limone)-basilico-prezzemolo-foglie di alloro.





Ho raccolto le erbe fresche:le ho pulite togliendo tutti i rametti duri come quelli del rosmarino.Le ho lavate sotto l'acqua corrente e asciugate bene usando una centrifuga che si usa per asciugare l'insalata.Se non avete una centrifuga potete tamponare le erbe con lo scottex,è importante eliminare più acqua possibile.





Ho frullato in un tritaverdure poco per volta il sale con le erbe e





l'ho steso ad asciugare su due vassoi per un paio di giorni.





Quando il sale si è asciugato l'ho trasferito nei vasetti.Il sale è subito pronto per essere usato,conferirà ad ogni vostro piatto un sapore inconfondibile. Si conserva per lunghissimo tempo.



e9c1bc45-475d-43ff-9fde-f86ef9797aa5
« immagine » Quest'anno ho preparato al sale aromatizzato.Diciamo che non ci avevo mai pensato,da piccola avevamo l'orto e le erbe aromatiche erano sempre fresche e a portata di mano.Anche oggi che sono sposata e vivo in un appartamento,le erbe fini crescono sui miei balconi.L'appassionata del ...
Post
19/11/2021 02:26:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Torta rustica con patate fontina e cipolla di Tropea

05 novembre 2021 ore 00:44 segnala


Si può preparare una torta salata con qualche patata un po' di formaggio e una cipolla? Io dico di si! Tre semplici ingredienti, qualcuno penserà anche poco gustosi ma non è così. Le torte salate sono molto caloriche, ricche di uova e di formaggi ma non in questo caso. E' proprio la semplicità, che rende questa torta croccante e deliziosa. Ecco una versione veloce per una cena leggera o per un aperitivo con gli amici. Provatela, logicamente vi deve piacere la cipolla..ma la varietà di Tropea piace davvero a tutti, per la sua dolcezza e la sua digeribilità. La torta si prepara in pochi minuti, povera di ingredienti, ma tanto buona e bella.





Ingredienti:
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare-3 patate medie gia lessate-2 etti di fontina-1 cipolla grande di Tropea-olio di oliva-sale e pepe bianco.





Per preparare questa torta salata ci vogliono davvero cinque minuti. Stendo la sfoglia in una teglia rettangolare e la bucherello con una forchetta per non farla gonfiare in cottura. Pelo le patate già lessate in precedenza e tiepide, le taglio a tocchetti e le sistemo sul fondo della sfoglia. Taglio la fontina a dadini e la distribuisco sopra le patate e infine aggiungo su tutta la superficie la cipolla tagliata a rondelle sottili.





Un filo di olio ,una spolverata di sale, una macinata di pepe e subito in forno già caldo a 170°C modalità ventilata, per 20 minuti circa, ma questo dipende sempre dal vostro forno. Appena la torta diventa di un bel colore dorato, la sforno subito e la faccio intiepidire prima di portarla a tavola.





NOTE: Se volete togliere il sapore pungente della cipolla e renderla più digeribile, basta affettarla e metterla a bagno per dieci minuti nell'acqua fredda oppure nell' aceto bianco. Se decidete di usare l'aceto, sciacquatela sotto l'acqua corrente e asciugatela sempre con carta assorbente prima di metterla nella torta.




Buon appetito!
e1aa9b4d-b191-4db0-98cf-fa7a2d4706b5
« immagine » Si può preparare una torta salata con qualche patata un po' di formaggio e una cipolla? Io dico di si! Tre semplici ingredienti, qualcuno penserà anche poco gustosi ma non è così. Le torte salate sono molto caloriche, ricche di uova e di formaggi ma non in questo caso. E' proprio la ...
Post
05/11/2021 00:44:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Sapone all'olio extravergine di oliva alla rosa

30 luglio 2021 ore 01:32 segnala


Un ricordo legato alla mia infanzia è quello di mio padre,mentre faceva il sapone. Per noi meridionali era normale almeno una volta all'anno fare il sapone in casa. Veniva usato l'olio di oliva delle fritture,che mia madre metteva da parte..e di fritture se ne facevano tante.Ricordo il grande pentolone pieno di olio,che mio padre metteva a bollire sulla legna che ardeva.Quando l'olio bolliva,veniva schiumato dalle impurità e solo quando era limpido veniva aggiunta la soda.





Il sapone pronto,veniva versato negli stampi e lasciato asciugate per un eternità. Non avevamo fretta di consumarlo,perchè c'era sempre il sapone dell'anno precedente. Mio padre,diceva che il sapone più "maturava" più era buono per la pelle e quel sapone era veramente miracoloso.Non avevo mai un prurito e nemmeno la pelle secca.






Certo non profumava,ed era l'unico difetto che aveva.Poi è arrivato il bagnoschiuma e il sapone fatto in casa è stato messo da parte come qualcosa di obsoleto.Oggi ho trovato una ricetta semplicissima di BENEDETTA ROSSI per fare il sapone in casa con metodo a freddo,senza bollire nulla praticamente in cinque minuti hai fatto il sapone.Ho ritrovato il piacere di lavarmi come facevo da piccola.La mia pelle è ritornata più morbida e setosa,non ho più pruriti dovuti al bagnoschiuma e con questo caldo la pelle è più fresca.





Ingredienti:
1kg di olio extravergine di oliva-128g di soda caustica-300g di acqua-15 ml di essenza alla rosa


E’ MOLTO IMPORTANTE MENTRE SI LAVORA IL SAPONE,INDOSSARE OCCHIALI DA LAVORO E GUANTI IN LATTICE PER PROTEGGERE OCCHI E MANI E NON USARE MAI UTENSILI IN ALLUMINIO.TUTTI GLI UTENSILI CHE HO USATO,LI HO TRANQUILLAMENTE LAVATI CON IL DETERSIVO DEI PIATTI E RIUTILIZZATI IN CUCINA.


Ho pesato l'olio,la soda e l'acqua in tre recipienti diversi.Ho versato lentamente la soda nell'acqua mescolando delicatamente.





Ho fatto molta attenzione perchè appena si mescolano insieme,la soluzione si scalda fino ad arrivare a 80°.Continuo a mescolare fino a quando la soluzione diventa trasparente.





Verso la soluzione direttamente nell'olio di oliva mescolando i due composti





infine aggiungo l'essenza alla rosa.





Con un frullatore ad immersione inizio a frullare fino a raggiungere il nastro.Cioè, non ho capito bene la cosa del nastro...ma nel dubbio ho frullato per qualche minuto.





A questo punto il sapone è pronto:io l'ho versato in uno stampo rettangolare rivestito con carta forno





ho anche voluto usare anche delle formine di silicone a forma di rosa.





Le formine di silicone non hanno bisogno di essere rivestite con la carta forno.





Ho livellato la superficie del sapone,ho sbattuto un po' gli stampi per togliere le bolle di aria,fate attenzione che è caldo.





Ho coperto gli stampi con la pellicola e con un panno per 24 ore.





Quando il sapone si è raffreddato completamente,elimino la pellicola e lo tolgo dagli stampi.Taglio a fette spesse almeno 2 cm il sapone dello stampo e sformo quello delle rose.





Sistemo il sapone su un vassoio a stagionare in un luogo asciutto per non meno di 40 giorni.E' importante rispettare questo tempo perchè il sapone è ancora aggressivo per via della soda.





Passati i 40 giorni il sapone è pronto.Io lo conservo in un luogo arieggiato in una scatola di legno,ma va bene anche di plastica.



1bd113da-6b77-4445-ad3f-cda19844274f
« immagine » Un ricordo legato alla mia infanzia è quello di mio padre,mentre faceva il sapone. Per noi meridionali era normale almeno una volta all'anno fare il sapone in casa. Veniva usato l'olio di oliva delle fritture,che mia madre metteva da parte..e di fritture se ne facevano tante.Ricordo ...
Post
30/07/2021 01:32:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment